Vola con Internet ep. II, La Vendetta

Dopo il ridimensionamento della ECDL da parte del Tar del Lazio, il ministero all'Innovazione ci riprova con un bando di gara aperto a tutti gli operatori

Roma - Senza rumore, come segnalano quelli di i-dome, il ministero all'Innovazione ha annunciato un bando di gara che rappresenta la propria risposta alla sentenza del TAR che ha bocciato una parte importante dell'operazione Vola con Internet, quella che finanzia gli acquisti di PC per i 16enni e la formazione informatica.

Il bando, che chiude a fine settembre, si intitola Gara a procedura a aperta per l'acquisizione di un servizio di certificazione attestante la competenza di base nelle discipline informatiche, rivolto ai beneficiari del progetto "PC ai giovani" (...)

La necessità del bando è quella di superare il grave impasse a "Vola con Internet" causato da una sentenza del TAR del Lazio che ha accolto il ricorso di Tesi Automazione, riconoscendo che l'utilizzo della contestata certificazione ECDL per l'iniziativa del Governo era ingiustificato in quanto la European Computing Driving License non ha valenza istituzionale.
Secondo Tesi Automazione, la sentenza "chiarisce definitivamente che la Patente Europea del Computer non ha nessuna validità europea, né riconoscimenti pubblici in Italia e viene ricondotta a uno dei tanti sistemi di certificazione informatica esistenti sul mercato, non dissimile da quelli distribuiti da Tesi Automazione e da altri operatori del settore".

Sulla sentenza del TAR né il ministero né l'AICA, che gestisce la ECDL, hanno fin qui rilasciato pubblici commenti.
TAG: italia
20 Commenti alla Notizia Vola con Internet ep. II, La Vendetta
Ordina
  • solo burocrazia ...
    solo corruzzione ...
    solo mafia ....
    storie vecchieche si ripetono ...
    come i corsi professionali sponsorizzati dalle regioni ...
    trattasi di escabotages ...
    per far ingrassare chi dicono "loro" ...
    patente patentini ...
    buchi in una rete fatta per far passare solo chi dicono "loro"!!

    ...
    perito elettronico
    17 anni di esperienza nell'IT ...
    On Job Training ....

    NO ECDL
    NO SANTI IN PARADISO
    praticamente ...
    NESSUNO

    Saluti
    non+autenticato
  • Mi è capitato di fare l'esaminatore AICA per il rilascio della patente europea (o ECDL che dir si voglia) e ho visto le peggiori truffe e porkerie che si potessero escogitare, il sistema ALICE (il sistema ke esamina) è solo un software che può funzionare benissimo in locale, mi chiedo come mai nn sia già diffuso nei più famosi programmi P2p (beh forse per la dimensione, sono circa 2 giga e mezzo) l'aica x ogni esame sostenuto guadagna 5 euro (quindi 35 euro ad allievo, che cmq qualke esame ripete),le aziende di formazione guadagnano molto di più e pur di non spendere i 5 euro da versare all'AICA per ogni singolo esame fanno eseguire gli esami in locale agli allievi 'bocciabili' x poi chiedere 25 euro alla ripetizione del tutto. Una vera presa in giro,oramai non si pensa più a formare le persone,ma a vendergli dei pezzi di carta.
    non+autenticato
  • "Data di pubblicazione sulla G.U.C.E.: 27/07/2004 S144.
    Responsabile del procedimento: Dott. Settimio Vinti.
    Termine e indirizzo di ricezione delle offerte:
    ore 12.00 del 30/09/2003"

    E' stato pubblicato il 27/07/2004 e la ricezione delle offerte è scaduta il 30/09/2003 ???

    non+autenticato
  • ...e hanno ancora una volta chiarito che la ECDL è solo una abile mossa pubblicitaria ("probabilmente" architettata da Microzozz) che non serve a nulla in senso pratico se non a far spendere un po' di soldi per preparazione ed esami (come se già ce ne fossero molti, di soldi...)
    Spero che gli ingenui utenti italiani di computer stavolta riescano a comprendere fino in fondo di che "bufala" si tratta.
    Mah, che dire ? Viva l'Italia !

  • - Scritto da: nixo
    > ...e hanno ancora una volta chiarito che la
    > ECDL è solo una abile mossa
    > pubblicitaria ("probabilmente" architettata
    > da Microzozz)
    Su questo non sono d'accordo, dato che l'azienda che ha fatto ricorso al TAR offre certificazioni M$ vere e proprie, la MOUS se non sbaglio, dunque ci sarebbe un certo conflitto di interessi intorno a questa faccenda,
    inoltre è possibile ottenere l'ECDL anche con Linux e con StarOffice
    >che non serve a nulla in senso
    > pratico se non a far spendere un po' di
    > soldi per preparazione ed esami (come se
    > già ce ne fossero molti, di soldi...)
    Su questo mi trovi daccordo, non è la prima volta che dico che è una certificazione totalmente inutile e che non insegna nulla, ma crea soltanto droni punta e clicca....non sono contrario ad una certificazione di questo tipo, ma questa è veramente fatta in maniera ignobile
    > Spero che gli ingenui utenti italiani di
    > computer stavolta riescano a comprendere
    > fino in fondo di che "bufala" si tratta.
    "Ohè io ci ho la patente del computer" non credo che si comprenda appieno la portata di questa sentenza, basta dire che molti fanno l'ECDL così trovano il lavoro
    > Mah, che dire ? Viva l'Italia !
    quoto
  • - Scritto da: pikappa
    > inoltre è possibile ottenere l'ECDL
    > anche con Linux e con StarOffice

    Tutti i testi che mi è capitato di veder usare dai "patentandi" erano altamente "Microzozzici", nei termini, negli esempi e nei contenuti... ma è solo una piccola statistica personale.
    non+autenticato
  • Questo perche' la versione esami Linux e' disponibile solo da due anni. In qualsiasi sede d'esami chiunque puo' cimentarsi con la certificazione ECDL su Linux e OpenOffice
    non+autenticato
  • solo teoricamente,i centri privati (e sono la gran parte) evitano come la peste chi vuole sostenere gli esami di programmi open source (farei i nomei degli allievi e delle aziende,ma esiste la tutela della privacy) questo perchè le aziende stesse non offrono questi corsi e non hanno interesse a promuovere software da loro non insegnati. Inoltre gli esaminatori non avrebbero la preparazione idonea per la correzione degli esami,come invece è stabilito dalle stesse regole promulgate dall'Aica.Se poi ti va di fare un controllo ti renderai conto che spesso gli allievi di una scuola privata pagano un prezzo per sostenere un esame (bass) mentre chi viene da fuori (e quindi magari usa Linux) paga moooolto di più, di fatto viene impedito a chi usa Linux di prendere questo inutile pezzo di carta
    non+autenticato
  • In realta' AICA ha fatto un comunicato (da un po' di tempo, tra l'altro):
    http://www.ecdl.it/ (nel menu' di sinistra cliccare su "Una puntualizzazione").
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > In realta' AICA ha fatto un comunicato (da
    > un po' di tempo, tra l'altro):
    > www.ecdl.it / (nel menu' di sinistra
    > cliccare su "Una puntualizzazione").

    Ho letto la puntualizzazione ed i relativi comunicati, sia dell'Aica che del garante. Credo che l'Aica si stia arrampicando sugli specchi. Capisco che Tesi Automazione sia un'azienda che fornisce un prodotto unicamente Microsoft, ma non condivido l'opinione che la Ecdl sia una certificazione di così gran respiro visto che è praticamente basata (per forza di cose) su prodotti Microsoft.
    E' vero, si possono usare anche altri prodotti, come Openoffice, ma in quanti lo fanno realmente?
    Cmq, non è questo il punto principale, ma solamente un tentativo di deviare il problema di fondo, ovvero quello della libera concorrenza. Perchè un domani io non posso creare una mia certificazione, IDENTICA alla ECDL e proporla nell'ambito del programma dei finanziamenti statali?
    Cerchiamo di capirci, perchè solo loro devono poterlo fare? Perchè solo loro possono godere di un crisma di sacralità statale che fa sembrare il loro prodotto "riconosciuto", e da chi poi? La Tesi Automazione ha lanciato il sasso, ma non è lei l'argomento del contendere, e neppure la Microsoft, non lasciamoci confondere.
    KCM
    201
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)