SunnComm uccide il tasto shift

SunnComm, che molti ricorderanno come la creatrice della tecnologica anticopia per CD aggirabile premendo lo shift, sta ora testando una nuova versione del proprio lucchetto digitale. Che fa fuori lo shift

Roma - E' passato quasi un anno da quando un giovane studente della Princeton University rivelò che, per aggirare la protezione integrata in alcuni CD di musica, bastava tenere premuto il tasto delle maiuscole
(shift). Quella protezione, chiamata MediaMax, era stata sviluppata da SunnComm, una delle aziende leader sul mercato dei lucchetti digitali.

La società, che ha presto tutto il tempo che ha voluto per rimediare alla figuraccia, ha ora svelato una nuova versione della propria tecnologia che - udite udite - non è più vulnerabile al trucchetto dello shift.

"Questo salto in avanti tecnologico rappresenta una ferma risposta a coloro che ci criticavano credendo che la pressione del famigerato tasto shift fosse un metodo soddisfacente per bypassare la nostra protezione", ha affermato con cipiglio SunnComm.
La società, che distribuisce in licenza le proprie tecnologie anticopia ad alcuni dei colossi mondiali della discografia, tra cui BMG, non ha fornito molti dettagli sulla nuova versione di MediaMax, limitandosi ad assicurarne la compatibilità con tutti gli attuali lettori di CD e DVD.

"I componenti di protezione inglobati nel media ottico renderanno ora possibile utilizzare il disco senza la necessità, per l'utente, di installare il software MediaMax", ha spiegato SunnComm in un comunicato.

La tecnologia, che entrerà in fase di beta test a partire dal prossimo trimestre, permetterà alle etichette di integrare, nei propri CD, servizi e tracce bonus.
TAG: hw
36 Commenti alla Notizia SunnComm uccide il tasto shift
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)