Una guida per Linux desktop

Un'organizzazione internazionale finanziata dalle Nazioni Unite ha pubblicato una guida sull'uso di Linux e le applicazioni open source nel mondo desktop. Un'iniziativa rivolta in particolare ai paesi in via di sviluppo

Roma - Aiutare e incoraggiare i paesi in via di sviluppo, e non soltanto, ad utilizzare Linux e il software open source all'interno degli ambienti desktop. E' l'obiettivo che ha spinto l'International Open Source Network (IOSN), un'organizzazione finanziata dalle Nazioni Unite, a pubblicare una guida online su Linux dedicata agli utenti che non hanno mai utilizzato questo sistema operativo.

L'opera fornisce le nozioni di base su come utilizzare un PC con Linux per attività come la navigazione sul Web, la creazione e la stampa di documenti con OpenOffice e la gestione di file e cartelle.

Gli autori del manuale affermano di aver cercato di descrivere e spiegare il funzionamento delle applicazioni e degli strumenti nel modo più generico possibile, tuttavia là dove questo non sia stato possibile è stata presa come distribuzione di riferimento Fedora Linux, la stessa su cui è stata redatta la guida e sono stati generati gli screenshot.
Il contributo più grande alla stesura del documento è venuta dalla filiale di IOSN sita in Malaysia, un paese che ha già intrapreso con convinzione la via dell'open source attraverso il varo di alcune iniziative a livello governativo, tra cui l'approvazione di alcune recenti linee guida per l'uso di Linux all'interno della pubblica amministrazione.

Sunil Abraham, un manager malese di IOSN, spera che il manuale possa anche favorire l'adozione dell'open source all'interno di quell'iniziativa, nota come Information and Communication Technology for Development (ICT4D), con cui le Nazioni Unite stanno tentando di informatizzare i paesi ad economia emergente. Il dirigente malese afferma che sono oltre 800 i progetti che fanno parte dell'ICT4D, e molti di essi si avvalgono, contrariamente a quanto si possa pensare, di software proprietario.

Per il momento la guida è disponibile unicamente sul Web in formato OpenOffice e PDF, ma IOSN ne ha già pianificato la distribuzione anche come libro cartaceo e come CD autoavviante (basato su una distribuzione live di Linux): quest'ultima versione ha il vantaggio di poter offrire al lettore la possibilità immediata di provare gli strumenti descritti nella guida.

In tutti i casi, il manuale viene distribuito sotto la Creative Commons Attribution License, una licenza che favorisce la libera copia e distribuzione dei contenuti anche a scopo commerciale.
TAG: dial-up
221 Commenti alla Notizia Una guida per Linux desktop
Ordina
  • Ciao a tutti, devo realizzare una simulazione in c++, qualcuno ritiene di potermi aiutare (sono praticamente a 0)? Caso mai scendo nei particolari della simulazione. Fatevi sentire numerosi!!!

    Ciao.
    non+autenticato
  • ho dato un'occhiata ai post è mi sembra che ci sia un pò di confusione nella "distribuzione delle colpe"
    Il drive per linux non esiste?
    Colpa del produttore perché:
    1) non rende disponibile il driver lui stesso
    2) e in caso ritenga costoso realizzare il driver, non rende disponibili le specifiche per far creare il driver alla comunità
    Linux non riconosce tutte le periferiche del mio computer?
    1) leggi sopra
    2) prima di installare linux verificare cosa è supportato
    3) Anche con i sistemi microsoft devi andare in giro a reperire i driver, di base non riconoscono solo le periferiche più comuni

    Quindi quando una periferica non è riconosciuta da linux non è ne colpa dell'utente che per la prima volta prova ad installare linux ne colpa della comunità, ma colpa del produttore hw. Daltro canto l'utente (se ha intenzione di installare linux) si deve informare prima, specialmente se deve ancora aquistare il pc, delle periferiche supportate. Come non si può pretendere che gli sviluppatori si destreggino (senza avere le specifiche) a realizzare gratuitamente un driver per una periferica poco diffusa.

    Come sempre l'importante è informarsi prima dell'aquisto. Io personalmente non comprerei mai un'automobile dove ci devo installare esclusivamente l'autoradio della casa produttrice.....
  • - Scritto da: Bobonov

    guarda, discutere di chi è colpa è come discutere del sesso degli angeli.

    piuttosto discutiamo di chi è il problema: ed il problema è di linux, che potrebbe avere un bacino d'utenza più ampio se fosse più supportato di default.


    ci sono ottimi coders che lavorano su linux, si smazzano lavori difficilissimi di reverse-engineering, si cavano gli occhi per cercare di rendere questo SO comparabile alla concorrenza nella facilità d'installazione e uso con ogni hw.

    Certo però che se nelle distro si preoccupano più di mettere 4 versioni di editor di testo, che di mettere dei drivers che esistono per un modem usb, allora ci dev'essere qualcosa che non va... e non voglio accusare nessuno, voglio solo capire: perché?

    ==================================
    Modificato dall'autore il 26/08/2004 16.30.30
  • > voglio solo capire: perché?
    Forse è dovuto al fatto che su un cd lo spazio è limitato quindi si tende a supportare solo le periferiche più comuni e a mettere invece una serie di programmi per cercare di dare un assaggio abbastanza ampio delle possibilità di linux.
    Una distribuzione live è dimostrativa e non può essere comparata ad un'installazione su disco, dopotutto anche windows non ha i driver per tutte le periferiche esistenti sul cd di installazione ma solo quelli più comuni.
    La mandrake live è di 1 cd, la distribuzione è di 3 cd, c'è una bella differenza.
    Un'altro motivo potrebbe essere che al momento di fare la 9.2 live i driver ancora non esistessero, non hanno fatto in tempo ad includerli o chissa cos'altro.
  • - Scritto da: Bobonov
    > > voglio solo capire:
    > perché?
    > Forse è dovuto al fatto che su un cd
    > lo spazio è limitato quindi si tende
    > a supportare solo le periferiche più
    > comuni e a mettere invece una serie di
    > programmi per cercare di dare un assaggio
    > abbastanza ampio delle possibilità di
    > linux.
    > Una distribuzione live è dimostrativa
    > e non può essere comparata ad
    > un'installazione su disco, dopotutto anche
    > windows non ha i driver per tutte le
    > periferiche esistenti sul cd di
    > installazione ma solo quelli più
    > comuni.
    > La mandrake live è di 1 cd, la
    > distribuzione è di 3 cd, c'è
    > una bella differenza.
    > Un'altro motivo potrebbe essere che al
    > momento di fare la 9.2 live i driver ancora
    > non esistessero, non hanno fatto in tempo ad
    > includerli o chissa cos'altro.

    ha senso.Occhiolino

  • > Certo però che se nelle distro si
    > preoccupano più di mettere 4 versioni
    > di editor di testo, che di mettere dei
    > drivers che esistono per un modem usb,
    > allora ci dev'essere qualcosa che non va...
    > e non voglio accusare nessuno, voglio solo
    > capire: perché?
    Perche' molti driver per modem usb sono:
    1) Sotto licenza proprietaria che DEVI accettare.
    (quindi non sarebbe legale mettertelo nel cd)
    2) Da adattare al modem.
    (quindi non e' fattibile mettere un pacchetto "generico")

    Tutto questo, IMVHO.

  • - Scritto da: Bobonov
    > ho dato un'occhiata ai post è mi
    > sembra che ci sia un pò di confusione
    > nella "distribuzione delle colpe"
    > Il drive per linux non esiste?
    > Colpa del produttore perché
    [CUT]
    Non sono daccordo... il produttore e' libero di rilasciare o meno le specifiche del proprio hardware e ovviamente vale lo stesso con i driver.
    Io uso Gnu/Linux da una vita e francamente non mi sono mai messo a piangere per un qualcosa non supportato dal mio sistema operativo.
    In genere uso altro o nei casi estremi "scrivo" al produttore... spesso sconsiglio a tutti (a prescindere dal sistema operativo) di usare certo hardware (vedi winmodem) o certi marchi.
    non+autenticato

  • > Non sono daccordo... il produttore e' libero
    > di rilasciare o meno le specifiche del
    > proprio hardware e ovviamente vale lo stesso
    > con i driver.
    Non ho detto minimamente che il produttore è obbligato a rilasciare il driver o le specifiche. Ho semplicemnete detto che se il driver non esiste nel 99% dei casi è per questo motivo, colpa, a causa di o come preferisci dire tu. Comunque il "succo" non cambia, è responsabilità del produttore assicurarsi che il suo prodotto funzioni su diverse piattaforme. Se poi questo non accade, ed io voglio essere previdente, compro la scheda/periferica di un'altro produttore di cui so che esiste il supporto per più piattaforme.

    Come già scritto io non comprerei una macchina su cui posso montare solo l'autoradio della tale marca. Questo mi da la possibilità di scegliere altri modelli di autoradio magari più economici e di maggior qualità. Se poi io voglio propio quel modello è una mia decisione.
    Vedilo un pò come un boicottaggio. Ad esempio nvidia ha cominciato a produrre i driver per linux per le sue schede. Vedrai che la maggioranza degli utenti linux consigliano schede nvidia.
    Anche ati ha iniziato a fare i driver per le sue schede ma sono di qualità scadente (è in corso una petizione per richiedere driver migliori).
    Se chiedi consiglio vedrai che ti suggeriscono una scheda nvidia.
    Gli altri produttori? Probabilmente rimarranno tagliati fuori dalla fetta di mercato Linux perchè non supportano adeguatamente le loro periferiche.
    Sono scelte strategico/economiche, come quelle che fà l'utente quando compra un pc.

  • - Scritto da: Bobonov

    > Non ho detto minimamente che il produttore
    > è obbligato a rilasciare il driver o
    > le specifiche.

    Pero' non e' una colpa il non farlo...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Bobonov
    >
    > > Non ho detto minimamente che il
    > produttore
    > > è obbligato a rilasciare il
    > driver o
    > > le specifiche.
    >
    > Pero' non e' una colpa il non farlo...
    Come già detto puoi usare il termine che vuoi, a causa, per colpa, conseguentemente a, dovuto alla decisione etc. etc. il succo non cambia.
    E' e rimane responsabilità (solitamente quando si è responsabili di qualcosa ci si prende anche le colpe delle eventuali manchevolezze) del produttore far girare il propio hw su più piattaforme.
    Ovviamente non dico che devono far in modo che funzioni su un os che utilizzano in 3 persone, questo non ha senso, ma la comunità linux è composta da un pò più di 3 persone......
    Pi in base alle decisioni dei produttori gli utenti prendano le loro decisioni, io ad esempio compro solo hw che sono sicuro giri sia su linux che windows.

  • - Scritto da: Bobonov

    > Come già detto puoi usare il termine
    > che vuoi, a causa, per colpa,
    > conseguentemente a, dovuto alla decisione
    > etc. etc. il succo non cambia.

    Cambia, cambia, e come se cambia.

    > E' e rimane responsabilità
    > (solitamente quando si è responsabili
    > di qualcosa ci si prende anche le colpe
    > delle eventuali manchevolezze) del
    > produttore far girare il propio hw su
    > più piattaforme.

    Ma chi sei tu per decidere su quali piattaforme deve girare?
    Ma chi sei tu per decidere il target di un prodotto?
    Hai investito dei soldi?
    Devi renderne conto agli azionisti e agli investitori?
    Ma chi sei tu per permetterti di disporre le responsabilità che devono prendere gli ALTRI?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Bobonov
    >
    > > Come già detto puoi usare il
    > termine
    > > che vuoi, a causa, per colpa,
    > > conseguentemente a, dovuto alla
    > decisione
    > > etc. etc. il succo non cambia.
    >
    > Cambia, cambia, e come se cambia.
    >
    > > E' e rimane responsabilità
    > > (solitamente quando si è
    > responsabili
    > > di qualcosa ci si prende anche le colpe
    > > delle eventuali manchevolezze) del
    > > produttore far girare il propio hw su
    > > più piattaforme.
    >
    > Ma chi sei tu per decidere su quali
    > piattaforme deve girare?
    > Ma chi sei tu per decidere il target di un
    > prodotto?
    > Hai investito dei soldi?
    > Devi renderne conto agli azionisti e agli
    > investitori?
    > Ma chi sei tu per permetterti di disporre le
    > responsabilità che devono prendere
    > gli ALTRI?

    si potrebbe fare lo stesso ragionamento lamentandosi ad esempio della scarsa tutela all'ambiente e ai problemi dei lavori infantili.

    "Ma chi sei tu? Devi renderne conto agli azionisti e agli investitori?"

    la verità è che seguiamo un'etica di libera concorrenza, e questa viene falsata qualora il mercato viene pilotato in modo da seguire certe tendenze. Si creano i trust, e questi sul medio lungo periodo causano solo guai.

    Allora una legge che prevedesse l'obbligo di interoperabilità di certe tecnologie, o la presenza di standard e protocolli definiti, aperti e royalty-free non potrebbe che farmi piacere, perché aumenterebbe la competizione fra aziende, migliorando i prezzi e stimolando alla ricerca piuttosto che a pratiche di monopolio.
  • Ho 3 cd di linux Red Hat vorrei sapere dove posso trovare un manuale in Italiano per l'istallazione e configurazione di Linux

    grazie a tutti

    Livio
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ho 3 cd di linux Red Hat vorrei sapere dove
    > posso trovare un manuale in Italiano per
    > l'istallazione e configurazione di Linux
    >
    > grazie a tutti
    >
    > Livio

    Da noi in Sicilia ti risponderemmo: "r' unnegghiè!!!"Occhiolino, proprio su Red Hat su internet si trova l'impossibile!

    Google ti è amico!

    TAD

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ho 3 cd di linux Red Hat vorrei sapere dove
    > posso trovare un manuale in Italiano per
    > l'istallazione e configurazione di Linux

    http://www.manualinux.it/
    (Scritto da Cristiano Macaluso, del lug di Versilia Lucca Massa e Carrara)
    Se poi vieni nel forum del lug, troverai tutto l'aiuto che vuoi (chiunque è il benvenuto):
    http://www.tivedotonico.it/forum/index.php

    Ciao
    Gianni
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ho 3 cd di linux Red Hat vorrei sapere dove
    > posso trovare un manuale in Italiano per
    > l'istallazione e configurazione di Linux
    >
    > grazie a tutti
    >
    > Livio

    Red Hat = Cappello Rosso => Comunista
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Ho 3 cd di linux Red Hat vorrei sapere
    > dove
    > > posso trovare un manuale in Italiano per
    > > l'istallazione e configurazione di
    > Linux

    linuxfacile di daniele medri prova
    so google non e' difficile!
  • Per logica chia ha fatto la distro?
    Redhat, quindi digiti www.redhat.it, ma guarda esiste anche una serzione documentazione, fantastico e poi divino ci sono i manuali della distro.ohhohoho...
    Ma qualcuno lo accende il cervello al mattino dopo che si è svegliato o .....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Per logica chia ha fatto la distro?
    > Redhat, quindi digiti www.redhat.it, ma
    > guarda esiste anche una serzione
    > documentazione, fantastico e poi divino ci
    > sono i manuali della distro.ohhohoho...
    > Ma qualcuno lo accende il cervello al
    > mattino dopo che si è svegliato o
    Appena acceso retromarcia totate
    non+autenticato
  • > Per logica chia ha fatto la distro?
    > Redhat, quindi digiti www.redhat.it, ma
    > guarda esiste anche una serzione
    > documentazione, fantastico e poi divino ci
    > sono i manuali della distro.ohhohoho...
    > Ma qualcuno lo accende il cervello al
    > mattino dopo che si è svegliato o
    > .....

    Questa sarebbe la proverbiale disponibilità della comunità linuxDelusoDelusoDeluso
    non+autenticato
  • In libreria, per esempio:
    Red Hat Linux 9 - Tutto e oltre, della Apogeo.
    Ovviamente sul sito www.redhat.com c'e' un'ampia e accurata documentazione disponibile, ma e' in inglese.
    Su Linux in generale e su RedHat esiste una vasta documentazione su web, basta cercare.
    Ovviamente, per chi ha comprato il pacchetto ci sono i manuali in italiano inclusi.
    Saluti
    Prospero
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ho 3 cd di linux Red Hat vorrei sapere dove
    > posso trovare un manuale in Italiano per
    > l'istallazione e configurazione di Linux
    >
    > grazie a tutti
    >
    > Livio

    Hai visto quante risposte hai ottenuto? Sei pronto a disperdere le tue energie in questo rivolo di informazioni? Quale scegliere adesso?? Ehehehe!!! Auguriii!!!
    non+autenticato
  • Che bella cosa questa associazione, apro il link

    http://www.iosn.net/

    con mozilla non si vede bene invece con InternetExplorer si.

    saraì perche e' scritta in xhtml:

    comunque

    Mozilla 1.8a3: Si vede male
    Internet Explorer: si vede bene
    Opera: Si vede come con IE, solo che appare un logo in altro a sinistra.

    Ho provato 3 browser, due closed ed uno open, il loro sito si vede bene solo con quelli closed.

    Vero che mozilla e' una versione Alfa, ma non ha mai dato problemi come browser, l'unico e' che ogni tanto il newsreader diventa lento a scaricare i messaggi e bisogna chiuderlo.


  • - Scritto da: pippo75
    > Che bella cosa questa associazione, apro il
    > link
    >
    > www.iosn.net /
    >
    > con mozilla non si vede bene invece con
    > InternetExplorer si.
    >
    > saraì perche e' scritta in xhtml:
    >
    > comunque
    >
    > Mozilla 1.8a3: Si vede male
    > Internet Explorer: si vede bene
    > Opera: Si vede come con IE, solo che appare
    > un logo in altro a sinistra.
    >
    > Ho provato 3 browser, due closed ed uno
    > open, il loro sito si vede bene solo con
    > quelli closed.
    >
    > Vero che mozilla e' una versione Alfa, ma
    > non ha mai dato problemi come browser,
    > l'unico e' che ogni tanto il newsreader
    > diventa lento a scaricare i messaggi e
    > bisogna chiuderlo.
    >
    Ti sbagli, forse ottieni degli errori di time-out a causa dell'estrema lentezza del sito, posso assicurarti che si vede perfettamente con Mozilla (anche firefox) e con Konqueror,
    il sito si vede abbstanza bene persino con un browser testuale (lynx).

  • > Ti sbagli, forse ottieni degli errori di
    > time-out a causa dell'estrema lentezza del
    > sito, posso assicurarti che si vede
    > perfettamente con Mozilla (anche firefox) e
    > con Konqueror,
    > il sito si vede abbstanza bene persino con
    > un browser testuale (lynx).

    il browser non mi comunicava errori, solo mostrava la pagina in maniera divera a seconda del browser.

    Magari e' dovuto al fatto che non era riuscito a scaricare tutti quello che gli serviva per vedere la pagina (anche se devo dire che non mi ha dato messaggi di errore).

    un'organizzazione finanziata dalle Nazioni Unite, ma comprare un po piu' di banda? Sicuramente questa guida a linux non da un incentivo (almeno per i problemi del sito)


    sto ricacendo i test,
    con

    Mozilla 1.8a3
    opera 7.60
    Internet Explorer 6.0.2800
    FireFox 0.93

    dopo 7 minuti di load di pagine quello che sta proponendo qualcosa e' opera, gli altri........

    Risultati

    Firefox 0.93: Si vede bene
    Opera: Si vede bene
    gli altri due dopo oltre 1/2 ora non riescono a ricaricare la pagina.

    Ho letto (di corsa) il promo capitolo, non sembra male, una guida passo passo per usare linux.

    ciao
  • Non ti sembra di essere un po' OT?

    non+autenticato
  • Il sito è fatto con zope, come fa ad essere non compatibile con browser open?
    non+autenticato
  • Guarda che con Mozilla si vede perfettamente.
    Saluti
    Prospero
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Guarda che con Mozilla si vede perfettamente.
    > Saluti
    > Prospero

    non vorrei che sia per problemi di ultra-lentezza, l'ho tenuto oggi un ora a caricare con opera e niente.........

    con FireFox sono riuscito a vederlo, purtroppo con mozilla non sono riuscito a ricaricalo di nuovoTriste

    ciao
  • Non riesco ad accedere .....
    il ping e' strano ...
    chi sa cosa significa?

    [bgates@xpsp2 bgates]$ ping www.iosn.net
    PING iosn.net (202.187.94.11) 56(84) bytes of data.
    64 bytes from ns2.apdip.net (202.187.94.11): icmp_seq=1 ttl=233 time=3446 ms
    64 bytes from apdip.net (202.187.94.11): icmp_seq=2 ttl=233 time=2732 ms
    64 bytes from ns2.apdip.net (202.187.94.11): icmp_seq=3 ttl=233 time=4280 ms
    64 bytes from ns2.apdip.net (202.187.94.11): icmp_seq=4 ttl=233 time=5001 ms
    64 bytes from iosn.net (202.187.94.11): icmp_seq=5 ttl=233 time=5035 ms
    64 bytes from apdip.net (202.187.94.11): icmp_seq=6 ttl=233 time=5713 ms
    64 bytes from iosn.net (202.187.94.11): icmp_seq=7 ttl=233 time=5316 ms
    64 bytes from apdip.net (202.187.94.11): icmp_seq=8 ttl=233 time=5596 ms
    64 bytes from ns2.apdip.net (202.187.94.11): icmp_seq=11 ttl=233 time=3404 ms
    64 bytes from iosn.net (202.187.94.11): icmp_seq=12 ttl=233 time=3470 ms
    64 bytes from iosn.net (202.187.94.11): icmp_seq=13 ttl=233 time=2935 ms
    64 bytes from hephaestus.apdip.net (202.187.94.11): icmp_seq=14 ttl=233 time=2823 ms
    64 bytes from mail.apdip.net (202.187.94.11): icmp_seq=15 ttl=233 time=3250 ms
    64 bytes from apdip.net (202.187.94.11): icmp_seq=16 ttl=233 time=2632 ms
    64 bytes from hephaestus.apdip.net (202.187.94.11): icmp_seq=17 ttl=233 time=2095 ms
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Non riesco ad accedere .....
    > il ping e' strano ...
    > chi sa cosa significa?
    Che il sito ha un sacco di visite e troppa poca banda, non c'era bisogno di pubblicare 30 righe di pings
  • > Che il sito ha un sacco di visite e troppa
    > poca banda, non c'era bisogno di pubblicare
    > 30 righe di pings

    a ragazzé stai calmo che i forum non sono
    i tuoi
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)