Chipset, parto plurigemellare per Intel

Sul pianeta PC vedono la luce due nuovi chipset Intel, i fratellini i815 e i815E, dotati di controller grafico e supporto alle memorie SDRAM da 133 MHz

Santa Clara (USA) - I due fratellini Solano, nome in codice dei nuovi chipset i815 e i815E, hanno finalmente imboccato la via del mercato.

I due nuovi chipset saranno destinati alla fascia bassa del mercato e supporteranno unicamente le più economiche memorie SDRAM, ora fino a 133 MHz (PC-133). Come già l'i810, i due chipset adottano un controller grafico 2D/3D (GMCH) con 4 MB di memoria grafica integrata, ma in questo caso fortunatamente lo si potrà bypassare installando una scheda video nello slot AGP 4x.

Come l'i820E, l'i815E si contraddistingue dal suo fratello minore per l'adozione del nuovo ICH2 (I/O Controller Hub), il chip che in pratica gestisce tutte le comunicazioni che avvengono all'interno di un PC. Questa seconda versione dell'ICH introdurrà il supporto per l'ATA-100, per due HUB USB 2.0, per 6 canali audio AC-97 e per un'interfaccia LAN o phone integrata.
Con l'uscita di questi due nuovi chipset, che si vanno ad affiancare al recente i820E, Intel intende mettere definitivamente in pensione l'ormai glorioso 440BX, un chipset che ha tirato avanti a lungo sia grazie alle sue doti prestazionali e di stabilità sia grazie agli incidenti di percorso capitati all'i820: il 440BX ricorda per certi versi il glorioso e longevo 430HX per Pentium.

Il principale avversario di Intel sui chipset è Via che con il suo Apollo Pro133A, che offre funzionalità simili ai nuovi i815, incluso il supporto alle memorie PC-133, ma a differenza di questi ultimi non integrerà nessun controller grafico. Se, come è probabile che sia, Via offrirà il suo chipset a prezzi più bassi di quelli stabiliti da Intel per l'i815, l'esito della battaglia potrebbe essere meno scontato del solito.