Microsoft spera nella rete wireless

Ma un suo dirigente avverte anche che le previsioni di un ambiente veramente senza fili si sono contraddette per anni

Singapore - "Sarei felice di dire che credo che siamo ad un anno dal vedere la luce, e vorrei tornare l'anno prossimo per dire che avevo ragione". Così Juha Christensen, vicepresidente della divisione mobile di Microsoft, ha spiegato ad una conferenza di Singapore sul futuro del wireless che la sua azienda "spera" in un ambiente di comunicazione "senza fili" davvero efficiente in tempi rapidi.

Christensen ha spiegato che i servizi wireless di nuova generazione possono rappresentare una decisa novità ma ha sottolineato come da anni le speranze che entro poco tempo arrivino le tecnologie necessarie sono state deluse, e ha dunque invitato alla prudenza.

Il dirigente Microsoft ha spiegato che, rispetto ad un tempo, oggi c'è un "motore" in più, ovvero la necessità per le compagnie di telefonia mobile di trasformare la rete wireless in un efficace business redditizio. E questo si deve al fatto che in molti casi, come in Europa, la transizione verso il wireless di nuova generazione, come l'UMTS, ha già pesato moltissimo sui bilanci delle aziende.
Oggi, ha spiegato Christensen, la redditività annuale per utente di servizi wireless è di circa 530 dollari contro un costo compreso tra i 650 e i 680 dollari: "Noi riteniamo che il profitto per utente crescerà in un contesto di dati veicolati via wireless".

Secondo Christensen lo sviluppo del mondo digitale nel wireless segue tre "fasi". La prima è legata all'accesso wireless ad applicazioni di base, come il messaging o la posta elettronica. La seconda riguarda invece lo sfruttamento della personalizzazione dei contenuti, della localizzazione dell'utente e della possibilità di essere collegati in modo permanente alla rete wireless. La terza riguarderà lo streaming audio e video sui device portatili.