Ecco i 25 miliardi per la formazione ICT

Il ministero del Lavoro pubblica in Gazzetta Ufficiale la circolare per gli stanziamenti contro la disoccupazione intellettuale. Cosa e come

Roma - Annunciati da tempo sono in arrivo gli stanziamenti per la formazione nei settori della nuova tecnologia per i giovani residenti in Molise, Campania, Puglia, Calabria, Basilicata, Sicilia e Sardegna.

Per accedere agli stanziamenti, gli interessati dovranno risultare disoccupati da almeno 12 mesi. Così potranno partecipare al "Programma straordinario contro la disoccupazione intellettuale" approvato con il decreto della Presidenza del consiglio dei ministri il 25 gennaio 2001. Lo ha confermato il ministero del Lavoro con la nota pubblicata sulla Gazzetta ufficiale di ieri, 18 gennaio, serie generale n. 139 (avviso 3/01).

"Saranno considerati prioritari - afferma la nota ministeriale - i progetti che hanno come destinatari laureati e/o possessori di diploma universitario in discipline umanistiche."
Stando a quanto pubblicato, i progetti devono prevedere obbligatoriamente il coinvolgimento delle imprese, pubbliche o private, singole o associate, interessate a soddisfare il proprio fabbisogno professionale nel campo delle tecnologie informatiche e della comunicazione.

Nel comunicato il ministero delinea gli obiettivi e le modalità di attuazione del programma che - come stabilito dagli ordinamenti della Commissione UE in occasione del consiglio straordinario di Lisbona (23-24 marzo 2000) sul tema "Una società dell?informazione per tutti" - prevede la definizione di progetti di formazione nel campo delle tecnologie informatiche e della comunicazione.

Il programma si avvale di uno contributo statale di 25 miliardi di lire. I percorsi di formazione potranno essere proposti da università, organismi di formazione, Associazione temporanee di imprese e di scopo, e dovranno prevedere il coinvolgimento delle imprese. Ogni progetto dovrà coinvolgere almeno 150 ragazzi e potrà usufruire al massimo di un contributo non superiore ai quattro miliardi di lire.

"Gli interventi finanziabili - si legge nella nota del Ministero - devono avere carattere sperimentale e innovativo in quanto a modalità di attuazione e contenuti e devono promuovere il principio delle pari opportunità favorendo l'accesso e la presenza delle donne in ruoli, settori produttivi e professioni in cui sono sottorappresentate."

Gli obiettivi dei corsi (azioni) dovranno comprendere, oltre ad un programma di educazione informatica a livello utente, almeno uno dei seguenti interventi (vedi seconda pagina).
TAG: mercato
10 Commenti alla Notizia Ecco i 25 miliardi per la formazione ICT
Ordina
  • Non riesco a spiegarmi come mai i finanziamenti finiscono sempre al sud, priorita' massima al sud e poi spariscono e non se ne sente piu' parlare.
    Avete qualche notizia di progetti realizzati al sud con tutti questi finanziamenti di cui si sente parlare? Io non sono razzista, assolutamente, ma qui al nord e penso anche al centro e' pieno di giovani (e non) bisognosi di aiuti da questo stato che parla di finanziamenti e poi se ti vai ad informare da qualche parte ti palleggiano di centralino in centralino e non ottieni nulla.
    Ho investigato un po', ed ho scoperto che alcuni addetti ai lavori si intascano bustarelle multimilionarie con questi finanziamenti, come?
    Ipotizziamo che ci sia un finanziamento per un progetto X in cuo l'UE e' disposta a sborsare il 60% del valore Y, a "fondo perduto".
    Un furbo (del sud come del nord) gonfia i costi di un altro 50% con varie falsita' (credibili, e non e' difficile visto che chi deve approvare il progetto poi ne e' coinvolto nella truffa).

    Il "furbo" cosi' ha il suo progetto finanziato al 100% e cala un 10% all'addetto ai lavori. Ed il gioco e' fatto.
    Perche' l'UE non finanzia i progetti interamente? Ovvio, se l'imprenditore e' disposto a rischiare il proprio capitale, molto probabilmente crede in cio' che sta facendo, ma con il trucco spiegato sopra, tutto puo' diventare una truffa.
    Io non sono "furbo" come alcuni, oppure dovrei dire "truffaldino", ma la cosa mi e' stata spiegata proprio da un addetto ai lavori!
    Io penso che sia orribile quello che sta accadendo, e che sia ora di far saltare qualche poltrona.
    Penso che dietro a tutto questo ci sia come al solito un'organizzazione e la cosa mi preoccupa.
    Tangentopoli si sta transformando in Eurotangentopoli?
    Vorrei poter vedere online dove vanno i soldi pubblici, in parte sono anche soldi miei, sborsati per pagare le mie tasse, e voglio vedere a chi vanno, a cosa servono! Basta con tutti questi misteri, e sfruttiamo la rete per mettere in chiaro le cose.
    Ecco il primo vero progetto da finanziare! Voglio i nomi, i luoghi, i progetti, lo stato di avanzamento di ogni progetto, le scadenze, l'e quantita' di denaro sborsato per poter valutare o far valutare da persone esperte la genuinita' delle operazioni.
    Amici, attenzione che qui stanno drenando $ a fiumi.
    non+autenticato
  • io mi farei un'altra domanda, forse più pertinente e meno superficiale: ma perché i soldi finiscono al sud e i disoccupati, una volta formati, finiscono al nord? Il capitale, anche quello umano, va dove ci sono le opportunità per fruttare.

    - Scritto da: MK-ULTRA
    > Non riesco a spiegarmi come mai i
    > finanziamenti finiscono sempre al sud,
    > priorita' massima al sud e poi spariscono e
    > non se ne sente piu' parlare.
    > Avete qualche notizia di progetti realizzati
    > al sud con tutti questi finanziamenti di cui
    > si sente parlare? Io non sono razzista,
    > assolutamente, ma qui al nord e penso anche
    > al centro e' pieno di giovani (e non)
    > bisognosi di aiuti da questo stato che parla
    > di finanziamenti e poi se ti vai ad
    > informare da qualche parte ti palleggiano di
    > centralino in centralino e non ottieni
    > nulla.
    > Ho investigato un po', ed ho scoperto che
    > alcuni addetti ai lavori si intascano
    > bustarelle multimilionarie con questi
    > finanziamenti, come?
    > Ipotizziamo che ci sia un finanziamento per
    > un progetto X in cuo l'UE e' disposta a
    > sborsare il 60% del valore Y, a "fondo
    > perduto".
    > Un furbo (del sud come del nord) gonfia i
    > costi di un altro 50% con varie falsita'
    > (credibili, e non e' difficile visto che chi
    > deve approvare il progetto poi ne e'
    > coinvolto nella truffa).
    >
    > Il "furbo" cosi' ha il suo progetto
    > finanziato al 100% e cala un 10% all'addetto
    > ai lavori. Ed il gioco e' fatto.
    > Perche' l'UE non finanzia i progetti
    > interamente? Ovvio, se l'imprenditore e'
    > disposto a rischiare il proprio capitale,
    > molto probabilmente crede in cio' che sta
    > facendo, ma con il trucco spiegato sopra,
    > tutto puo' diventare una truffa.
    > Io non sono "furbo" come alcuni, oppure
    > dovrei dire "truffaldino", ma la cosa mi e'
    > stata spiegata proprio da un addetto ai
    > lavori!
    > Io penso che sia orribile quello che sta
    > accadendo, e che sia ora di far saltare
    > qualche poltrona.
    > Penso che dietro a tutto questo ci sia come
    > al solito un'organizzazione e la cosa mi
    > preoccupa.
    > Tangentopoli si sta transformando in
    > Eurotangentopoli?
    > Vorrei poter vedere online dove vanno i
    > soldi pubblici, in parte sono anche soldi
    > miei, sborsati per pagare le mie tasse, e
    > voglio vedere a chi vanno, a cosa servono!
    > Basta con tutti questi misteri, e sfruttiamo
    > la rete per mettere in chiaro le cose.
    > Ecco il primo vero progetto da finanziare!
    > Voglio i nomi, i luoghi, i progetti, lo
    > stato di avanzamento di ogni progetto, le
    > scadenze, l'e quantita' di denaro sborsato
    > per poter valutare o far valutare da persone
    > esperte la genuinita' delle operazioni.
    > Amici, attenzione che qui stanno drenando $
    > a fiumi.
    non+autenticato
  • sarebbe carino poterselo leggere subito....se qualcuno desse la dritta, 1000 grazie!
    non+autenticato
  • Va sul sito www.europalavoro.it e clicca su news o notizie.

    - Scritto da: tina
    > sarebbe carino poterselo leggere
    > subito....se qualcuno desse la dritta, 1000
    > grazie!
    non+autenticato
  • Le solite cose lunatiche da politici ignoranti. Mentre questi si trastullano su come ridurre lo skill-shortage di professionisti della net-economy, sono già in campo importanti progetti di formazione che coinvolgono aziende, università ed agenzie di formazione private.
    Sono arrivati tardi, come sempre.
    non+autenticato
  • Ma porco cane!!! Noi le tasse non le paghiamo??
    Perchè gli stanziamenti li fanno solo al SUD?
    CAZZO!
    non+autenticato


  • - Scritto da: Ciccio
    > Ma porco cane!!! Noi le tasse non le
    > paghiamo??
    > Perchè gli stanziamenti li fanno solo al SUD?
    > CAZZO!

    Perché al sud la disoccupazione è del 20.3 % (di cui 50% giovani) e al nord del 4.7%. TI sembra un buon motivo?
    non+autenticato
  • Li al sud siete tutti occupati, altro che disoccupati.
    Io ci sono stato, e mentre da noi produciamo idee e lavoro, li rubate, ladri che non siete altro.
    Non siete occupati legalmente ma illegalmente siete attivissimi.
    E' impossibile scendere (in tutti i sensi) senza essere derubati di qualcosa, e' una situazione preoccupante.
    Ho anche qualche collega del sud, e sai una cosa? Sono gli unici che usano i sindacati per ogni cretinata, sono sempre in malattia e si aggrappano anche agli specchi. Sono la vergogna dell'azienda. Non e' razzismo, sono italiani anche loro, ma la loro cultura e' quella di vivacchiare e "sgrafignare" qua e la.
    Penza che propongono copie di software, e materiali contraffatti a tutti perche' dicono che "li da loro trovi tutto", capite?
    Ripeto, parlo per esperienza poramente personale, non per voci riportate.
    non+autenticato
  • Li al sud siete tutti occupati, altro che disoccupati.
    Io ci sono stato, e mentre da noi produciamo idee e lavoro, li rubate, ladri che non siete altro.
    Non siete occupati legalmente ma illegalmente siete attivissimi.
    E' impossibile scendere (in tutti i sensi) senza essere derubati di qualcosa, e' una situazione preoccupante.
    Ho anche qualche collega del sud, e sai una cosa? Sono gli unici che usano i sindacati per ogni cretinata, sono sempre in malattia e si aggrappano anche agli specchi. Sono la vergogna dell'azienda. Non e' razzismo, sono italiani anche loro, ma la loro cultura e' quella di vivacchiare e "sgrafignare" qua e la.
    Pensate che propongono copie di software, e materiali contraffatti a tutti perche' dicono che "li da loro trovi tutto" copiato ed a meno, capite, e come dire che rubare e piu' facile che comprarsi le cose onestamente.
    Ripeto, parlo per esperienza poramente personale, non per voci riportate.
    non+autenticato

  • Mi sembra un commento offensivo e razzista, che non può essere preso seriamente. Se nel sud fossero tutti occupati illegalmente, il costo della vita sarebbe molto più alto, mentre qui i soldi per comprare i prodotti non ce li hanno tutti. COme ti spieghi che i servizi tecnologici non arrivano da noi come da voi?
    - Scritto da: Juke
    > Li al sud siete tutti occupati, altro che
    > disoccupati.
    > Io ci sono stato, e mentre da noi produciamo
    > idee e lavoro, li rubate, ladri che non
    > siete altro.
    > Non siete occupati legalmente ma
    > illegalmente siete attivissimi.
    > E' impossibile scendere (in tutti i sensi)
    > senza essere derubati di qualcosa, e' una
    > situazione preoccupante.
    > Ho anche qualche collega del sud, e sai una
    > cosa? Sono gli unici che usano i sindacati
    > per ogni cretinata, sono sempre in malattia
    > e si aggrappano anche agli specchi. Sono la
    > vergogna dell'azienda. Non e' razzismo, sono
    > italiani anche loro, ma la loro cultura e'
    > quella di vivacchiare e "sgrafignare" qua e
    > la.
    > Pensate che propongono copie di software, e
    > materiali contraffatti a tutti perche'
    > dicono che "li da loro trovi tutto" copiato
    > ed a meno, capite, e come dire che rubare e
    > piu' facile che comprarsi le cose
    > onestamente.
    > Ripeto, parlo per esperienza poramente
    > personale, non per voci riportate.
    non+autenticato