Cybersquatting: il servizio scovadomini

Register.com lancia Trademark Guardian, un servizio di monitoraggio pensato per avvertire aziende e corporation quando qualcuno cerca di usare i loro trademark per mettere in piedi domini abusivi

New York (USA) - Contro il cybersquatting e per la difesa dei trademark: questo il biglietto da visita di Trademark Guardian, l'ultima invenzione di Register.com per dare più peso al proprio ruolo di registro internazionale di domini.

Si tratta di un servizio che, stando all'azienda e alla sua partner Name Protect, permette alle imprese e alle corporation di sapere se i propri marchi commerciali siano utilizzati online da speculatori che con quei trademark registrano domini "abusivi". Naturalmente non viene presa in considerazione l'ipotesi che qualcuno possa registrare un dominio senza sapere che in realtà sta "abusando" di un trademark.

Stando ad una nota di Register.com, Trademark Guardian offre un report mensile sia sull'attività "illegale" nei domini sia sulla nascita di trademark "abusivi", ovvero copie di trademark già registrati. In questo modo, gli utenti del servizio potranno sapere, sostengono gli autori di Trademark Guardian, se i propri interessi "sono messi in pericolo".
Va detto che il sistema sembra affidabile più che altro per chi si trova in nordAmerica, visto che le fonti principali di informazione per Trademark Guardian si trovano in Canada e Stati Uniti. Secondo Register.com, comunque, costituiscono fonte di informazione una serie di registri di domini nazionali in tutto il mondo.

Quanto costa tenere d'occhio il proprio trademark? 600 dollari all'anno.
TAG: domini