Musica, Microsoft contro Apple

99 cent a brano, catalogo da mezzo milione di brani, portabilità su 70 diversi player portatili. Così il big di Redmond si lancia nella grande battaglia della musica legale. Ma Apple arma i siluri. Il P2P intanto vola

Musica, Microsoft contro AppleRedmond (USA) - Come previsto oggi è il giorno di Microsoft: il colosso del software si è ufficialmente lanciato in una sfida a tutto campo con l'avversario di sempre, Apple, una sfida che dovrà incoronare il leader nell'esplosivo settore della vendita di musica legale via Internet.

La ricetta per riuscire a far tremare la casa di Cupertino e il suo dilagante iTunes coniugato ad iPod si chiama MSN Music, un servizio oggi in fase beta che consente agli utenti americani di scaricare brani musicali a 99 centesimi e di sceglierli in un catalogo che oggi conta mezzo milione di pezzi, ma che presto arriverà a raddoppiare l'offerta. I brani sono diffusi su licenza delle major del settore e di 3mila etichette indipendenti.

MSN Music, che promette di inserire nel proprio catalogo anche musica d'autore che spesso è difficilmente reperibile offline, offre ai suoi clienti la possibilità di trasferire le canzoni scaricate su una grande molteplicità di device portatili, quelli che supportano la piattaforma Windows Media, vale a dire più di 70 dispositivi prodotti da un vasto ventaglio di case costruttrici. Se Apple può contare sull'immensa popolarità del suo player iPod, Microsoft potrebbe invece tirare dalla sua parte i costruttori alternativi, ampliando quindi le potenzialità del proprio mercato di riferimento.
Con la musica scaricata è anche possibile realizzare CD personalizzati, sebbene ci si debba accontentare di una compressione WMA senz'altro di qualità, ma limitata dai 160 Kbps in cui sono generalmente disponibili. Sul piano della gestione dei diritti dei brani, a chi utilizza il nuovo Windows Media Player 10, MSN Music consente di ascoltare la musica su cinque diversi PC con piattaforma Windows, di masterizzare le proprie playlist fino a sette volte su CD e di trasferirle, come detto, a qualsiasi player portatile compatibile Windows Media.

In effetti Windows Media rappresenta la chiave di volta del meccanismo tecnologico, sia per quanto riguarda la distribuzione dei brani quanto, appunto, la gestione dei diritti. I brani possono essere acquistati attraverso Internet Explorer oppure l'ultima versione di Windows Media Player (vedi approfondimento di oggi su Punto Informatico). Problema non secondario in questo senso è il fatto che il nuovo WMP gira soltanto su XP, una versione di Windows che, pur diffusa, è ben lontana dal rappresentare il grosso dell'installato negli USA e nel mondo.

Ad ogni modo, MSN Music punta moltissimo, com'è ovvio, non solo sulla preminenza acquisita nel tempo dal portale MSN ma anche sulla costituzione di una sorta di comunità musicale in seno al servizio. Per riuscirci, viene reso possibile dare un proprio giudizio sulla musica scaricata e vederlo integrare in forma anonima ad un sistema di rating aperto alla consultazione da parte degli utenti; si consente di inviare facilmente segnalazioni di pezzi di proprio interesse ad amici e conoscenti e presto si prevede di integrare i servizi di MSN Music con il Messenger, una delle più diffuse applicazioni di instant messaging.

Il sistemone, condito da un servizio di presentazione e ricerca dei brani che potrebbe un domani essere integrato nel motore di ricerca su cui da tempo si lavora a Redmond, vanta anche l'integrazione con MSN Radio, una radio web dinamica da 50 canali musicali che permette, tra le altre cose, di "mettere via" e ascoltare a proprio piacere i brani trasmessi che riscuotano l'interesse dell'utente.

In Italia il servizio MSN Music è disponibile per i consumatori dallo scorso aprile e prevede l'accordo con OD2, il maggior distributore digitale europeo di musica online. Nel nostro paese MSN Music offre cataloghi di oltre 75 etichette discografiche incluse, ovviamente, le major, per un totale di circa 350.000 titoli e 12.000 artisti.

Mentre Microsoft cucina il lancio di MSN Music, però, né Apple né gli altri grandi nomi del settore stanno a guardare. Ecco come stanno preparando i siluri anti-Gates.
451 Commenti alla Notizia Musica, Microsoft contro Apple
Ordina
  • mmst://video.jumpy.it/tgcom/tgcomdownloads/C_0_video_20292_file2.wmv
    mmst://video.jumpy.it/tgcom/tgcomdownloads/C_0_video_20298_file2.wmv
    non+autenticato

  • a) sei off_topic

    b) il secondo filmato non centrava un cippolo con moore ma era il solito servizio tette&culi su qualche velina di turno. Gradevole da guardare ma che la dice lunga sia sulla tua capacità di fare un cut&paste corretto, sia sulla professionalità del TGcom e sull'intelligenza media di chi lo segue...

    c) Moore ed i suoi film, ultimamente, ricevono premi ed applausi a scena aperta... il congresso dei republicani è l'unico posto in cui moore sia stato fischiato...


    PS: L'avvio del windows media player (prodotto microsoft) ha causato il VI crash del mio eMac dal Febbraio 2003
    Piccola nota statistica: su 6 crash 2 sono stati causati a media player microsoft ed uno dall'excel microsoft quest'ultimo tenuto in prova per 25 minuti e rimosso insieme al resto di office. In pratica, il 50% dei crash della mia macchina sono stati causati da programmi microsoft che non uso praticamente mai...


    Fan Apple Fan Linux
    Terra2
    2332
  • Forse sono un po' stupido, o mi manca un passaggio, ma se io mi incido la mia playlist in un cd in formato CD-AUDIO, non vengono a cadere tutte le protezioni?? Poi me lo rippo in mp3, ogg, o quel che volete e la protezione non c'è più!A bocca aperta

    Oppure la protezione nei wma non permette di fare un CD-AUDIO dal brano??? E in tal caso non si potrebbe bypassare il tutto registrando l'uscita del player con un altro programmino qualsiasi, anche il famigerato "Registratore di Suoni" di windows (che è cmq un po' limitato), come si faceva (e faccio tutt'ora) per registrare in WAV i brani MIDI????

    A chi ne sa più di me la parola!!

  • - Scritto da: ChyXeN
    > Forse sono un po' stupido, o mi manca un
    > passaggio, ma se io mi incido la mia
    > playlist in un cd in formato CD-AUDIO, non
    > vengono a cadere tutte le protezioni?? Poi
    > me lo rippo in mp3, ogg, o quel che volete e
    > la protezione non c'è più!A bocca aperta
    >
    > Oppure la protezione nei wma non permette di
    > fare un CD-AUDIO dal brano??? E in tal caso
    > non si potrebbe bypassare il tutto
    > registrando l'uscita del player con un altro
    > programmino qualsiasi, anche il famigerato
    > "Registratore di Suoni" di windows (che
    > è cmq un po' limitato), come si
    > faceva (e faccio tutt'ora) per registrare in
    > WAV i brani MIDI????
    >
    > A chi ne sa più di me la parola!!

    http://www.macitynet.it/macity/aA18902/index.shtml

    Fan Apple

    PS. anche su iTMS se masterizzi un CD-Audio la protezione va a farsi benedire...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > www.macitynet.it/macity/aA18902/index.shtml
    >
    > Fan Apple
    >
    > PS. anche su iTMS se masterizzi un CD-Audio
    > la protezione va a farsi benedire...

    Non e' un invito alla "pirateria" e/o all'aggiramento di metodi di "protezione" perseguibili secondo quanto stabilito dalle aziende ame... ehm ... dal governo americano ?

    alla m$ son diventati bucanieri ?Sorride
    chef
    191
  • Beh, sai, giusto per... come dire...
    completezza dell'informazioneOcchiolino

  • eMule e eDonkey in genere avrebbero mezzo milione di utenti?
    In questo momento sul solo Razorback 2 sono connessi 700.000 mila utenti.
    Tutti dati sballati per convicerci che loro sono i migliori.
    Io encodo mpc in brain dead, 99cent per uno squallido wma a 160kbs (e protetto per giunta) non li sborserei mai.

    E' bello vedere come la M$ catalizzi molte risorse su i vari MSN e Win Media Player, lo si evince dal fatto che sono integrati nel so, e penso sia questo che le darà la vittoria.

    Io cmq non comprerei mai suddetti brani, piuttosto preferisco il cd originale.
    non+autenticato
  • Questa è bellissima: MS non ce la fa più a stare dietro ad Apple, nemmeno copiando ... e allora suggeriscono di usare direttamente quel che Apple produce! A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Questa è bellissima: MS non ce la fa
    > più a stare dietro ad Apple, nemmeno
    > copiando ... e allora suggeriscono di usare
    > direttamente quel che Apple produce! A bocca aperta

    MS dietro Apple? Mi sono perso qualcosa?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Questa è bellissima: MS non ce
    > la fa
    > > più a stare dietro ad Apple,
    > nemmeno
    > > copiando ... e allora suggeriscono di
    > usare
    > > direttamente quel che Apple produce! A bocca aperta
    >
    > MS dietro Apple? Mi sono perso qualcosa?


    Si, gli ultimi vent'anni di ITOcchiolino

    PS: anche la FIAT "vende" mooooolto di più della BMW, ma rimane dietro in tutto ciò che non sia solo potenza di marketing....
    non+autenticato
  • http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=7337...

    ( mi quoto: )
    Non e' un invito alla "pirateria" e/o all'aggiramento di metodi di "protezione" perseguibili secondo quanto stabilito dalle aziende ame... ehm ... dal governo americano ?

    alla m$ son diventati bucanieri ?
    chef
    191
  • ...ci sarebbero dei grandi database musicali che incassano una piccola percentuale su ogni brano scaricato, dei siti che selezionano la musica in base ai gusti e generi, che prenderebbero una piccola percentuale su ogni brano trovato tramite loro, il resto va all'artista. Costo totale? ci si avvicina ai prezzi dei siti russi, e tutti guadagnano giustamente per quello che fanno, e il guadagno dell'artista sarebbe lo stesso di adesso in quanto la percentuale che prende per album venduto é il ~3%. Senza contare che si acquisterebbe molto di più da casa, con un semplice clic e per pochi cents.

    Cardinale Ratzinger
    non+autenticato
  • Ok, questo andrebbe benissimo per gli artisti famosi, che hanno già soldi per regsitrare i loro brani e che, vista la fama, avranno un ritorno dei soldi investiti.

    E per quelli sconosciuti? Chi paga la registrazione? Lo studio di registrazione costa una cifra non indifferente. Sempre che non si parla di musica puramente elettronica, dove si spende molto meno (basta pensare a come sono divenuti famosi i chemical brothers)
    non+autenticato
  • gli artisti in erba potrebbero fare dei concerti (facendosi le ossa) per pagarsi lo studio, che in piccolo non costa tanto, anzi. E poi gli studi di registrazione avrebbero interesse a selezionare nuovi talenti, anticipando le spese, o anche i siti locali, o di musica garge, e che ne so io, ma anche una volta un musicista prima di diventare famoso e remunerato doveva fare esperienza e dimostrare di valere. Se poi l'artista e una bella ragazza, ci penserà sempre MTV.

    Cardinale Ratzinger
    non+autenticato

  • Bravo Cardinale Ratzinger ,
    deve esserci qualcuno della RIIA che scorrazza per questo forum, facendo da balia a qualche cantante piagnucoloso che non si da pace.
    Se a qualche ugola non piace il futuro, c'è sempre un bel badile.
                                                                   qflonix





    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ...ci sarebbero dei grandi database musicali
    > che incassano una piccola percentuale su
    > ogni brano scaricato, dei siti che
    > selezionano la musica in base ai gusti e
    > generi, che prenderebbero una piccola
    > percentuale su ogni brano trovato tramite
    > loro, il resto va all'artista. Costo totale?
    > ci si avvicina ai prezzi dei siti russi, e
    > tutti guadagnano giustamente per quello che
    > fanno, e il guadagno dell'artista sarebbe lo
    > stesso di adesso in quanto la percentuale
    > che prende per album venduto é il
    > ~3%. Senza contare che si acquisterebbe
    > molto di più da casa, con un semplice
    > clic e per pochi cents.
    >
    > Cardinale Ratzinger




    In un mondo giusto non si dovrebbe essere costretti a cambiare sistema operativo solo per scaricare musica o usufruire dei servizi online statali.....


    Fan Apple Fan Linux
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | Successiva
(pagina 1/8 - 39 discussioni)