Parla, l'auto ti ascolta

IBM e Honda hanno collaborato allo sviluppo di un nuovo sistema di riconoscimento vocale per auto capace di comprendere centinaia di comandi oltre ad un milione di nomi di strade e città

Tokyo (Giappone) - Le prime auto "parlanti" risalgono ad almeno trent'anni fa, ma dopo i primi esperimenti "ad effetto" la maggior parte dei produttori ha preferito concentrare le proprie divisioni di ricerca e sviluppo su tecnologie ritenute più utili e promettenti.

Oggi sembra finalmente arrivato il momento in cui le tecnologie vocali, soprattutto quelle di riconoscimento, potrebbero giocare un ruolo chiave nel segmento automobilistico, soprattutto per la disponibilità di strumenti, come i navigatori satellitari, che sono spesso scomodi da utilizzare con il solo ausilio di joystick e pulsanti.

Sebbene esistano già computer di bordo e navigatori satellitari in grado di comprendere alcuni comandi vocali, Honda è ora in procinto di commercializzare dei nuovi modelli di auto capaci di riconoscere oltre 700 comandi e più di 1,7 milioni di nomi topografici, quali vie e città: un record, stando a quanto affermato dalla casa giapponese.
Il sistema di riconoscimento e sintesi vocale è stato sviluppato da IBM sulla base dell'ormai ultracollaudato motore di ViaVoice, e verrà implementato su vari modelli di Acura e Odyssey che verranno venduti in USA e Canada a partire dalle prossime settimane.

Big Blue sostiene di aver ottimizzato gli algoritmi di riconoscimento vocale impiegati sulle auto di Honda per filtrare quanto più possibile i rumori di fondo ed offrire un'accuratezza molto elevata senza la necessità di istruire il software. Il risultato, secondo l'azienda, è che il guidatore potrà chiedere informazioni al navigatore satellitare utilizzando un linguaggio naturale. Ad esempio, sarà possibile chiedere: "Guidami fino al ristorante cinese più vicino". Il computer risponderà all'utente attraverso un motore di sintesi vocale o, in alternativa, attraverso messaggi scritti e segnali luminosi.

Oltre che per controllare lo stradario elettronico, i comandi vocali potranno essere utilizzati per comandare la strumentazione di bordo, fra cui l'impianto audio, i finestrini, il climatizzatore, ecc.
TAG: hw
7 Commenti alla Notizia Parla, l'auto ti ascolta
Ordina
  • Con il fatto che oggi tra possibili passeggeri e cellulari in vivavoce/auricolari le parole dette in auto sono già molte, credo che i rischi di "misunderstanding" siano troppo alte per una tecnologia di questo tipo, dove il valore aggiunto talvolta è troppo basso
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Con il fatto che oggi tra possibili
    > passeggeri e cellulari in
    > vivavoce/auricolari le parole dette in auto
    > sono già molte, credo che i rischi di
    > "misunderstanding" siano troppo alte per una
    > tecnologia di questo tipo, dove il valore
    > aggiunto talvolta è troppo basso

    osservazione numero 1)
    penso che questo servizio verrà per adesso dato in esclusiva a possessori di macchine di un certo livello.
    Dubito che essi usino un auricolare non originale per poter parlare in auto col telefonino da 50euro.
    Più probabilmente avranno un dock per il telefonino, o ancora meglio, un vivavoce bluetooth incorporato in auto. In quel caso, il sistema computerizzato dell'auto saprà quando si sta chiamando, saprà quando ci sono passeggeri (tramite sensori sotto i sedili), saprà tutto, e saprà quando sarà il caso di disabilitarsi.

    osservazione numero 2)
    penso che questo sistema verrà dapprima sperimentato per servizi non critici, come ad esempio i sistemi di guida satellitari. Solo più in avanti, con il progredire della precisione, si potrà pensare di utilizzare questi sistemi per pilotare anche funzionalità più vitali dell'auto, come freccie, fari, ecc; fermo restando che imho i sistemi attuali per queste funzionalità mi sembrano adeguati e non necessitano imho di rivisitazione (a differenza del sistema di input per i gps).


    tutto questo ovviamente e solamente imhoOcchiolino

  • - Scritto da: avvelenato
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Con il fatto che oggi tra possibili
    > > passeggeri e cellulari in
    > > vivavoce/auricolari le parole dette in
    > auto
    > > sono già molte, credo che i
    > rischi di
    > > "misunderstanding" siano troppo alte
    > per una
    > > tecnologia di questo tipo, dove il
    > valore
    > > aggiunto talvolta è troppo basso
    >
    > osservazione numero 1)
    > penso che questo servizio verrà per
    > adesso dato in esclusiva a possessori di
    > macchine di un certo livello.
    > Dubito che essi usino un auricolare non
    > originale per poter parlare in auto col
    > telefonino da 50euro.
    > Più probabilmente avranno un dock per
    > il telefonino, o ancora meglio, un vivavoce
    > bluetooth incorporato in auto. In quel caso,
    > il sistema computerizzato dell'auto
    > saprà quando si sta chiamando,
    > saprà quando ci sono passeggeri
    > (tramite sensori sotto i sedili),
    > saprà tutto, e saprà quando
    > sarà il caso di disabilitarsi.
    >
    > osservazione numero 2)
    > penso che questo sistema verrà
    > dapprima sperimentato per servizi non
    > critici, come ad esempio i sistemi di guida
    > satellitari. Solo più in avanti, con
    > il progredire della precisione, si
    > potrà pensare di utilizzare questi
    > sistemi per pilotare anche
    > funzionalità più vitali
    > dell'auto, come freccie, fari, ecc; fermo
    > restando che imho i sistemi attuali per
    > queste funzionalità mi sembrano
    > adeguati e non necessitano imho di
    > rivisitazione (a differenza del sistema di
    > input per i gps).
    >
    >
    > tutto questo ovviamente e solamente imhoOcchiolino

    oppure, molto più semplicemente, ci sarà un tastino voice-on voice-off
    non+autenticato
  • Impossibile .. sarebbe troppo semplice e costerebbe troppo poco: vuoi mettere il casino e il costo di una mezza chilata di elettronica sconosciuta, che puoi spacciare per indispensabile e costosissima? (vedi abs e sistemi di controllo della trazione, che dovrebbero costare 5? forse)


    asdasdsd.
    non+autenticato
  • > oppure, molto più semplicemente, ci
    > sarà un tastino voice-on voice-off

    Tanto per tornare al discorso di ieri, superamento a destra e profilo "tonti".

    La gente mi sembra già abbastanza disattenta così con il viva voce o con i suoi grilli per la testa, parlare con la machina non aiuta di certo.

    Stamattina sulla mi-laghi: codone di 10km per curiosi (incidentino insignificante dell'altra parte).

    Ciliegina sulla torta: tizio davanti, in terza corsia fisso come al solito con Gazzetta dello Sport che pretendeva di continuare a leggere anche quando ormai si riniziava ad andare...ArrabbiatoArrabbiato
    non+autenticato
  • ...io grido ma porca p******... la macchina accosta e apre la portiera del passeggeroA bocca aperta:D:D
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ...io grido ma porca p******... la macchina
    > accosta e apre la portiera del passeggero
    >A bocca aperta:D:D

    Bella questa!!, ben pensata, degna di zelig.

    Battute a parte questo puo' essere un problema vero in quanto l'auto puo' riconoscere le parole ma non capire il contensto.
    Forse per dialogare con l'auto occorrera' prima premere e tenere premuto un pulsate.
    non+autenticato