Qui HailStorm, mandatemi rinforzi

Il big di Redmond lancia un piano di collaborazione per accelerare lo sviluppo di servizi per HailStorm, uno dei pilastri di .NET

Atlanta (USA) - Con l'intento di accelerare lo sviluppo e l'adozione di quello che sarà uno dei pilastri della strategia.NET di Microsoft, HailStorm, durante il TechEd il presidente del colosso di Redmond, Bill Gates, ha annunciato l'avvio dello Shared Development Process (SDP), un progetto teso a coinvolgere le altre aziende nella definizione ed estensione dell'insieme di Web service che gireranno sulla piattaforma HailStorm.

"Abbiamo bisogno di un modo per accelerare lo sviluppo dei servizi di HailStorm come pure di un'insieme standard di schemi che possano avvantaggiarsene", ha dichiarato Charles Fitzgerald, direttore delle strategie di business per la piattaforma Microsoft.

HailStorm è un'insieme di mattoni software costruiti sull'infrastruttura di autenticazione Passport che permettono ad applicazioni e servizi di interagire integrando e centralizzando dati e informazioni personali e di lavoro. L'obiettivo di Microsoft è quello di trasformare HailStorm in una sorta di "centro di gravità" per centinaia di milioni di utenti privati e aziendali, una via d'accesso privilegiata verso il mondo dei servizi personali e dell'e-commerce.
L'elenco dei primi servizi che Microsoft intende rendere disponibili non appena rilascerà HailStorm, è possibile trovarlo qui.

Affinché HailStorm possa divenire uno standard industriale, e spiazzare le soluzioni della concorrenza - fra cui quelle di AOL, Sun e Oracle - Microsoft attraverso il programma SDP mette a disposizione dei partner e di chi ne farà richiesta procedure e strumenti tecnici e legali per consentire a queste aziende di lavorare insieme.

"Mentre il modello di computing sta passando dalle applicazioni standalone alle costellazioni di applicazioni, mentre dispositivi e servizi iniziano a lavorare assieme a vantaggio dell'utenza, noi abbiamo bisogno di un'ampia infrastruttura per lavorare a stretto contatto con i partner industriali per risolvere la prossima generazione di sfide nel computing", ha detto Sanjay Parthasarathy, vice presidente delle strategie legate alla piattaforma Microsoft.NET.

I primi servizi legati ad HailStorm verranno messi sotto test questa estate, mentre il lancio della piattaforma è previsto per il 2002.
TAG: microsoft
2 Commenti alla Notizia Qui HailStorm, mandatemi rinforzi
Ordina
  • Che ci sia un posto dove collezionano e aggregano dati su di me in modo occulto, e' forse solo una fantasia.

    Che ci sia un posto dove invece lo fanno in modo palese, e' la realta'.

    Non so, il tempo dira'. Nel frattempo, dato che non capisco ...... ne sospetto; anche se penso che il grande fratello e' gia' attivo da tempo e ormai sa gia' troppo su di me.

    Spero di salvare la generazione che verra'.
    non+autenticato

  • effettivamente più che di hailstorm c'e' da avere paura del M$.net la possibilità di collegare incrociare aggiornare dati aumenterà esponenzialmente e la legge di Moore non ci
    aiuterà di certo ...Triste

    la privacy è morta da tempo e anche tu mi sembra l'avrai già capito ..., hailstorm farà pubblicamente quello che volendo potrebbero già fare ora incrociando alcuni (???) dei numerosi numeri univoci (guid,cpuid,ata interface id ...)
    che sono presenti sul nostro pc .. non credo
    ci sia soluzione

    "la guerra è pace, la libertà è schiavitù,
    l'ignoranza è forza"
    a me un pò ha gia convintoSorride

    M99

    non+autenticato