Microsoft: Linux potrebbe rallentarci

Tra le ragioni di un possibile rallentamento nel prossimo anno per la crescita economica di Microsoft vi potrebbe essere Linux e il software open source. Una concorrenza che potrebbe spingere l'azienda a ridurre i prezzi

Roma - Nell'ultimo periodo Microsoft ha tentato di sminuire l'entità della minaccia rappresenta da Linux, eppure oggi è lo stesso big di Redmond a segnalare, in un rapporto trasmesso alla Securities and Exchange Commission (SEC) americana, che nel 2005 il Pinguino sarà uno dei principali fattori di freno alla sua crescita economica.

Accanto ad una fase di decelerazione del mercato dei PC, Microsoft ha annoverato fra "i guai" del prossimo anno "il successo del software non commerciale", ovvero di Linux e degli altri prodotti open source. Tale situazione, dice Microsoft nel proprio rapporto, "potrebbe influire in modo importante sui nostri risultati operativi e sulla nostra condizione finanziaria".

"Stiamo continuando ad osservare l'evoluzione e la diffusione del software open source", si legge nel documento trasmesso alla SEC. "Riteniamo che la quota di mercato di Microsoft relativa ai server crescerà in modo modesto durante l'anno fiscale 2004, mentre le distribuzioni Linux cresceranno un po' più velocemente".
Il gigante del software imputa la crescita di Linux "ad alcuni importanti annunci dell'ultimo anno relativi al supporto e all'adozione del software open source sia sul mercato server che in quello desktop". Microsoft non è scesa nei dettagli, ma è facile intuire come si riferisca in modo particolare all'eclatante virata di Novell verso Linux.

"Con il crescere dell'accettazione, da parte del mercato, dei prodotti software open source, le vendite dei nostri prodotti potrebbero subire un calo, il quale potrebbe tradursi in una riduzione delle nostre entrate e dei margini operativi".

Per contrastare la crescita di Linux, il colosso potrebbe decidere di proseguire la strategia di riduzione dei prezzi dei suoi software, strategia che l'ha di recente spinta a commercializzare, in alcuni paesi in via di sviluppo, versioni "lite" di Windows XP a basso costo.

Microsoft ha poi preventivato, per il 2005, la spesa di una somma compresa fra 1,1 e 1,2 miliardi di dollari per risolvere le cause antitrust ancora in corso. In questo stesso anno la società si aspetta di investire in modo particolare nel settore consumer, quale quello dell'intrattenimento, e in quello delle piccole e medie imprese, a cui sta dedicando versioni ad hoc di un numero crescente di suoi prodotti chiave.
216 Commenti alla Notizia Microsoft: Linux potrebbe rallentarci
Ordina
  • c'è un sito anti-mac dove FX (un troll-moderatore) oggi ha aperto un thread intitolato "Facciamo i moralisti" in risposta a chi lo accusava di difendere la monopolista micrfosoft

    visto che per me ci sono scritte grosse cazzate, ve lo segnalo perché qualcuno - più esperto di me (e sicuramente di lui) sul tema, posssa intervenire in merito

    ecco il link del thread:
    http://eppol.cjb.net/phpBB2/viewtopic.php?p=21037#...

    ed ecco il post:
    --
    Fx
    Moderator

    Registrato: 16 Ott 2002
    Messaggi: 3410

    Inviato: Mar 07 Set, 2004 14:32    Soggetto: facciamo i moralisti

    mi vergogno ad usare linux, perchè viola un sacco di brevetti (tra cui anche molti di microsoft), è immorale

    e voi, dovreste vergognarvi ad usare mac os x che fa lo stesso!

    state maleeeee ma tantoooo
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > c'è un sito anti-mac dove FX (un
    > troll-moderatore) oggi ha aperto un thread
    > intitolato "Facciamo i moralisti" in
    > risposta a chi lo accusava di difendere la
    > monopolista micrfosoft
    >
    [..]
    > e voi, dovreste vergognarvi ad usare mac os
    > x che fa lo stesso!
    >
    > state maleeeee ma tantoooo

    pazzesco, concordo che sta male...

    due cose, Apple non è citata nellarticolo mi sembra e tra l'altro il doppio click si è visto prima su Apple... i sitemi Unix di allora non avevano una GUI con cui poter fare doppio click...

    che poi è un troll... beh lo hai già detto Sorride

    Fan Apple
    non+autenticato
  • Inoltre il sistema icone&finestre è venuto prima su OS che su windows, che allora non esisteva, ma c'era il dos. Per l'unix non saprei proprio.
    non+autenticato
  • Il vero problema con linux è che molto spesso i produttori di hardware si dimenticano di noi utenti linux. Non scrivono i drivers o se lo fanno, ne fanno delle versioni scadenti.
    Sto smadonnando da 2 giorni con un driver per un pennino wi-fi della Acer. Alla fine il driver che ho recuperato da un altro produttore (Gericom) ma con lo stesso chip, compila solo sui kernel della serie 2.4.x fino al 2.4.19.
    Sono panato, io ho il kernel 2.6.8.1 quindi addio.
    Se qualche programmatore opensource non riscrive il wrapper o non si trova qualche altro trucco per farlo funzionare posso scordarmi di usare il wi-fi sul pinguino.
    Oppure devo comprare altro hardware supportato. Il problema è che non tutti i negozi hanno materiale supportato. Quindi lo scazzo raddoppia.
    A tutti i produttori di HW. Rilasciate i driver anche per linux! Anche binari, ma manteneteli!!!!
    non+autenticato

  • Molti dicono che non c'entran nulla un coll'altro...ma perche?
    dietro l'informatica ci sono interessi enormi (quando il peru decise di passare al SW LIBERO intervenne l'ambasciata usa...) e dove ci sono interessi enormi (e perche no diverse visioni del mondo) c'e' politica.
    RMS e' politicalmente MOLTO attivo (guardate il suo sito personale) e tutta la dialettica sull'utilizzo dei termini
    "OpenSource" o "Software Libero" e' basata sulla convenienza di porre l'accento sulla questione tecnica piu che politica (open source) o sulla questione politica (software libero) ora la sinistra antagonista(ma non solo) vede nella libertaria filosofia del software libero un modello cooperativo
    e una possibilita di sviluppo per i paesi poveri (non a caso Chavez,Lula ma anche il sudafrica sn passati al sw libero)

    PS basta col criticare la politica..la politica e' una cosa nobilissima l'antipolitica un po meno
    non+autenticato
  • ... tutta la possibile concorrenza e ovviamente Linux.
    Basta spingere perche' le aziende sw e gli sviluppatori usino tools, tecniche e formati CHIUSI, che funzionano solo con IE, con la JVM di M$ ecc. , in questi casi non c'e' scampo. Servizi web che girano solo su Win+IE, fogli excel con macro in vBasic solo per dirne alcune... certo quella della M$-JVM e' proprio scandalosa... .
    Io mi sono imbattuto in casi simili e credetemi in questi casi non c'e' nulla da fare.

    ==================================
    Modificato dall'autore il 07/09/2004 16.46.01

  • - Scritto da: Alessandrox
    > ... tutta la possibile concorrenza e
    > ovviamente Linux.
    > Basta spingere perche' le aziende sw e gli
    > sviluppatori usino tools, tecniche e formati
    > CHIUSI, che funzionano solo con IE, con la
    > JVM di M$ ecc. , in questi casi non c'e'
    > scampo. Servizi web che girano solo su
    > Win+IE, fogli excel con macro in vBasic solo
    > per dirne alcune... certo quella della
    > M$-JVM e' proprio scandalosa... .
    > Io mi sono imbattuto in casi simili e
    > credetemi in questi casi non c'e' nulla da
    > fare.

    Non sara' per caso che c'e' uno "scambio di favori"?

    Lo stesso che sta dietro IBM (nel caso del mainframe)?

    Scena 1:
    Il manager chiama il direttore IT e gli dice che bisogna ridurre i costi.

    Scena 2:
    Il responsabile IT (che non capisce normalmente un ciufolo di IT ma che e' li' perche ce lo ha messo babbo natale) DEVE dare una risposta e presentare un piano di ristrutturazione.

    Scena 3:
    Il manager IT telefona a Accenture (o simili) (che e' come la ferrari al gran premio tutta patacchini di "sponsor e partners" che pagano profumatamente)

    Scena 4:
    Il piano di ristrutturazione e' pronto (lo ha scritto il vendit.. pardon consulente di accenture) con tante belle slides.
    Comprende una riscrittura delle nuove applicazioni usando i "webbeservices e dottenette" integrati con il database (backend) che sta sul IBMMAINFRAME e una riduzione del personale del 8% (con le nuove "grouppepolicies" risparmiamo ?!? sulla "gestione"....?!!??").

    Scena 5:
    Parte una commessa e si mettono al lavoro un pletora di team manager (carissimi) e una vasta schiera di programmatori (economici e quasi sempre incompetenti) che eseguono il lavoro.

    Scena 6:
    Cominciano i litigi col sindacato...
    poi ...
    un tot (meno del previsto) viene in qualche qualche modo mandato a fare nulla in qualche altra azienda (a volte del "gruppo").
    Il personale ci va.. il sindacato se ne sbatte del fatto che il suddetto personale potrebbe benissimo fare (di solito meglio e a costi inferiori) le stesse porcherie che stanno facendo gli esterni... per non parlare di quello che potrebbe fare se non fosse impiegato in una ristrutturazione imbecille in partenza....
    Ma si sa cambiare mentalita' e complicato....

    Scena 7:
    Il deploy delle applicazioni si rivela piu' complesso del previsto... sono passati 2 anni ... sulla carta il costo del personale (IT) e' diminuito il grande manager se ne va' con un apparente successo.

    Scena 8:
    Il nuovo manager (fra due anni promuovono anche lui) chiama il manager IT e scopre che c'e' (nonostante la riduzione del personale) una serie di inefficenze organizzative ...
    Il manager IT sostiene di avere scelto il meglio (M$, IBM, SAP, Accenture).. ovvero i "leader di mercato"..
    Il nuovo CEO e' costretto a convenire (e' un ex Accenture o IBM o M$)..
    Tuttavia bisogna recuperare efficenza e ridurre i costi...

    Scena 9:
    si ricomincia dalla scena 2.....

    Perche' lo so?... semplice ... faccio il consulente! A bocca aperta
    non+autenticato
  • Il manager di cui parli che qualifiche ha?
    Cioè è un ingegnere o cosa?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 29 discussioni)