Linux non vince sempre nella PA

Lo afferma uno studio sull'approccio al software libero da parte dei governi di mezzo mondo. Ciò che emerge è più che altro un forte interesse e una maggiore capacità di scelta

Washington (USA) - Il Pinguino avanza nelle linee programmatiche delle pubbliche amministrazioni di mezzo mondo ma la scelta open source è tutt'altro che scontata e semmai alimenta una maggiore sensibilità negli amministratori. Questo è il cuore del rapporto presentato in queste ore dal Center for Strategic and International Studies CSIS americano, che ha lavorato sulle policy in materia informatica dei governi.

Secondo il CSIS, il software proprietario non rischia di essere messo da parte. I risultati dello studio, affermano gli autori, indicano infatti che "non siamo dinanzi né ad una messa al bando del software closed e neppure a dichiarazioni che l'open source sia in sé superiore".

Come noto sono molti i Governi, compreso quello italiano, che hanno messo in pista progetti di acquisizione di software libero oppure, più spesso, hanno attivato nuove procedure di analisi nell'acquisto di piattaforme informatiche per le strutture pubbliche. Ma questo, secondo CSIS, non rappresenta oggi un ostacolo alle imprese del software proprietario, in primis Microsoft.
"Le diverse iniziative normative e organizzative - spiegano al CSIS - sembrano aver prodotto una sorta di neutralità tecnologica. Le scelte di acquisto sono determinate più da considerazioni sul prezzo e la performance piuttosto che su qualche elemento normativo".

Secondo gli autori oggi sono 129 i governi nazionali e 57 quelli locali che in varia misura hanno preso in considerazione l'adozione dell'open source, ma più di metà delle iniziative non hanno superato la soglia di semplici proposte. Sebbene emerga una maggioritaria preferenza per il software libero, afferma il CSIS, "non vengono imposti regolamenti o limitazioni" all'uso del software proprietario.

Delle 24 determinazioni che puntano a Linux e al software aperto, continua il CSIS, "nessuna è ancora operativa e non abbiamo trovato casi di governi che rendano obbligatorio l'uso dell'open source o vietino quello di prodotti proprietari".

Il CSIS ha sottolineato di aver analizzato la situazione presente che appare comunque assai dinamica. Come a dire, cioè, che del futuro non v'è certezza.
73 Commenti alla Notizia Linux non vince sempre nella PA
Ordina
  • Diciamo che, dal lasciar campo aperto alla microsoft, così come succedeva anche solo 4/5 anni fa, al "non vincere sempre", mi sembra che si siano fatti OTTIMI passi avanti...

    Fan Apple
    Terra2
    2332
  • Tutte le volte che qualcuno esprime opinioni diverse dalle vostre lo accusate di essere di parte e/o di essere sul libro paga Microsoft, o di aver intascato bustarelle.

    Se consideriamo che almeno il 98% degli utenti non la pensa come voi, e continua ad usare software closed, possiamo concludere che, secondo voi, solo il 2% degli utenti è bravo, è sveglio, è intelligente, è furbo, non si lascia fregare, ecc, ecc... tutti gli altri non capiscono nulla, sono "utonti", idioti, ignoranti, disinformati, stipendiati da Microsoft, ecc, ecc..

    Chi è veramente di parte? il 2% o il 98%?

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Se consideriamo che almeno il 98% degli
    > utenti non la pensa come voi, e continua ad
    > usare software closed, possiamo concludere
    > che, secondo voi, solo il 2% degli utenti
    > è bravo, è sveglio, è
    > intelligente, è furbo, non si lascia
    > fregare, ecc, ecc... tutti gli altri non
    > capiscono nulla, sono "utonti", idioti,
    > ignoranti, disinformati, stipendiati da
    > Microsoft, ecc, ecc..
    >
    > Chi è veramente di parte? il 2% o il
    > 98%?

    Forse il 98% degli utenti non è un tecnico. Nell'ambiente che frequento io l'adozione/uso di sw libero ha una % di diffusione del 75%. Ovviamente lavoro a CubaOcchiolino

    Tornando seri, tu sai vero come MS è stata fondata, con quale partner strategico e in che periodo storico il suo DOS si è diffuso, quale politica ha adottato sin dall'inizio nei confronti delle copie pirata del suo software di punta, etc etc etc?
    Contestualizzare aiuta a capire. Nella seconda metà degli anni sessanta chi si faceva di LSD aveva delle esperienze, dieci anni dopo chi si faveva di LSD cercava una droga sapendo di drogarsi. Questione di tempi, di diffusione di conoscenza.
    Oggi si incomincia a parlare di sw libero al di fuori della ristretta cerchia degli addetti ai lavori, e i risultati si vedono: valori assoluti di utilizzo che raddoppiano ogni sei mesi (trovassi il benedetto link!).
    Vai a vedere le percentuali relative ai server: qualcosa vorrà dire, no?

    ciao
    fb
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Oggi si incomincia a parlare di sw libero al
    > di fuori della ristretta cerchia degli
    > addetti ai lavori, e i risultati si vedono:
    > valori assoluti di utilizzo che raddoppiano
    > ogni sei mesi (trovassi il benedetto link!).
    > Vai a vedere le percentuali relative ai
    > server: qualcosa vorrà dire, no?
    >
    > ciao
    > fb

    Sui server ti do ragione. Sul fatto che raddoppino gli utenti Linux & c. ogni 6 mesi ho seri dubbi. Dalle statistiche degli accessi dei siti che gestisco (che parlano di argomenti diversi) mi risulta che gli utenti che accedono a quei siti con Linux siano circa lo 0,6%, e 2 anni fa erano lo 0,5%.

    Anche le statistiche di Google dicono più o meno la stessa cosa. Purtroppo anche io non ritrovo il link.

    Ciao.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Tutte le volte che qualcuno esprime opinioni
    > diverse dalle vostre lo accusate di essere
    > di parte e/o di essere sul libro paga
    > Microsoft, o di aver intascato bustarelle.
    >
    > Se consideriamo che almeno il 98% degli
    > utenti non la pensa come voi, e continua ad
    > usare software closed, possiamo concludere
    > che, secondo voi, solo il 2% degli utenti
    > è bravo, è sveglio, è
    > intelligente, è furbo, non si lascia
    > fregare, ecc, ecc... tutti gli altri non
    > capiscono nulla, sono "utonti", idioti,
    > ignoranti, disinformati, stipendiati da
    > Microsoft, ecc, ecc..
    >
    > Chi è veramente di parte? il 2% o il
    > 98%?

    Lo sai che miliardi di mosche mangiano merda ? Si ? Bene... buon appetito...


    Comunque il 98% di quel 98% non è che non la pensi come noi. E' che non la pensa e basta. Semplicemente va in un ipermercato e compra il primo PC che trova. Il quale ovviamente ha sopra l'unico (per lui) sistema operativo esistente.

    non+autenticato
  • Sarebbe stato più corretto scrivere che Linux non sempre vince. (punto). Anzi, che non vince quasi mai, eccetto nel settore server, in casa di qualche smanettone e nelle università (e tutti sappiamo quale sia la corrispondendenza tra ciò che si fa a scuola e ciò che si fa nel mondo del lavoro), voi dove lo trovate Linux?
    non+autenticato
  • > voi dove lo trovate Linux?
    In questa pagina:
    http://punto-informatico.it/p.asp?i=49492
    ... e nelle scuderie di Maranello, e...

    Fan Apple
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > voi dove lo trovate Linux?
    > In questa pagina:
    > punto-informatico.it/p.asp?i=49492
    > ... e nelle scuderie di Maranello, e...
    >
    > Fan Apple

    boh... sarà, ma io l'ho visto solo un paio di volte perchè ho avuto la curiosità di installarlo

    c'ho perso un paio d'ore ad installare la suse di qualche anno fa e una mandrake e poi mi sono messo a ridere...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    >
    > c'ho perso un paio d'ore ad installare la
    > suse di qualche anno fa e una mandrake e poi
    > mi sono messo a ridere...

    Tanti anni fa?
    Perchè ti hanno fatto ridere?
    Trin
    132

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > > voi dove lo trovate Linux?
    > > In questa pagina:
    > > punto-informatico.it/p.asp?i=49492
    > > ... e nelle scuderie di Maranello, e...
    > >
    > > Fan Apple
    >
    > boh... sarà, ma io l'ho visto solo un
    > paio di volte perchè ho avuto la
    > curiosità di installarlo
    >

    allora sei un l'espertone...

    > c'ho perso un paio d'ore ad installare la
    > suse di qualche anno fa e una mandrake e poi
    > mi sono messo a ridere...

    sapessi le risate che mi faccio io ad usare win qualche volta...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > boh... sarà, ma io l'ho visto solo un
    > paio di volte perchè ho avuto la
    > curiosità di installarlo
    >
    > c'ho perso un paio d'ore ad installare la
    > suse di qualche anno fa e una mandrake e poi
    > mi sono messo a ridere...

    Adesso cosa usi, XBox o PS/2?
    Io vengo da una settimana passata a ripulire macchine XP dai vari Blaster, Sasser, e compagnia bella. Perchè sicuramente la colpa è dell'utente che non ha applicato le patch a ora e tempo (ovviamente solo gli smanettoni hanno l'abitudine di leggere i forum sulla sicurezza, di tenere aggiornati gli antivirus, di usare i firewall,... )
    L'utente Win notoriamente invece ha altro da fare. Lui il computer lo usa per LAVORARE.
    Impressionante il numero di scuse che mi vengono propinate quotidianamente per giustificare l'interminabile sfilza di siti porno che trovo nelle cache dei pc.
    Alle volte ho l'impressione che l'utente medio (di cui ho esperienza io, ovviamente) sia un incrocio tra un orango adolescente e un bradipo cerebroleso.
    Va, torno al lavoro,un paio di portatili che casualmente si resettano dopo aver mostrato una finestrella che parla di un qualcosa che ha a che fare con uno strano servizio mi aspettano...

    ciao
    fbFan Linux
    non+autenticato
  • > c'ho perso un paio d'ore ad installare la
    > suse di qualche anno fa e una mandrake e poi
    > mi sono messo a ridere...
    Parecchi anni fa: mandrake e fedora ci mettono massimo 20 min. O sono io un hacker e non lo sapevo.

    Ma forse sono un hacker e non lo so: il mio mandrake ha riconosciuto il modem asdl usb in 30 secondi e non mi ha chiesto driver,,,

    Fan Apple
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    ...
    > c'ho perso un paio d'ore ad installare la
    > suse di qualche anno fa e una mandrake e poi
    > mi sono messo a ridere...

    Pensa invece che io mi metto a piangere tutte le volte che devo perdere un paio di giorni a (re)installare Windows....
    non+autenticato
  • Ergo, il software gratis e di nessuno (open source) non dovrebbe essere accettato da uno stato democratico...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ergo, il software gratis e di nessuno (open
    > source) non dovrebbe essere accettato da uno
    > stato democratico...


    "gratis e di nessuno"...


    Complimenti.

    2 cazzate in un colpo solo.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Ergo, il software gratis e di nessuno
    > (open
    > > source) non dovrebbe essere accettato
    > da uno
    > > stato democratico...
    >
    >
    > "gratis e di nessuno"...
    >
    >
    > Complimenti.
    >
    > 2 cazzate in un colpo solo.

    a si??

    allora dimmi un po'... chi è il proprietario di "Linux" o il diretto responsabile... ???

    Voglio nomi chiari di persone e di aziende!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > allora dimmi un po'... chi è il
    > proprietario di "Linux" o il diretto
    > responsabile... ???
    >
    > Voglio nomi chiari di persone e di aziende!

    Del kernel il responsabile e' l'OSDL l'OpenSource Development Laboratory, con in testa Linus Torvalds e quell'altro che ha sostituito Daniel Cox. Ma il laboratorio e' fnanziato (stipendi dei programmatori, macchine e locali) sia da donazioni pubbliche di privati ed enti non governativi che da aziende dell'IT come IBM, HP, Dell ecc.

    I vari software GPL che compongono gli altri componenti sono sviluppati da aziende o anche privati che li hanno rilasciati liberi e spesso gratuiti.

    Ma quelle che sono le distribuzioni cioe' l'insieme di Kernel+ programmi GPL di contorno possono essere messi insieme sia da aziende tradizionali che da enti senza scopo di lucro che da un pinco pallino qualsiasi che volesse farsi la propria distribuzione.

    Nell'opensource puo' esserci il gratis, il a pagamento, e il libero che ha un significato che te difficilmente potrai comprendere.

    --
    Saluti.
    Mr. Mechano

  • - Scritto da: Mechano
    >
    >
    > I vari software GPL che compongono gli altri
    > componenti sono sviluppati da aziende o
    > anche privati che li hanno rilasciati liberi
    > e spesso gratuiti.
    >

    ok, ma se uno di questi programmi gratis e liberi di cui tu parli dovesse danneggiare seriamente una rete aziendale, chi si potrebbe denunciare ???

    come vedi l'open source non sta in piedi, è tutta fuffa senza ordine, nome e cognome. Roba per i paesi dei balocchi...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > come vedi l'open source non sta in piedi,
    > è tutta fuffa senza ordine, nome e
    > cognome. Roba per i paesi dei balocchi...

    Senti ma se Winzozz ti brucia la rede aziendale a chi denunci la Micro$oft?
    Come fai a denunicare un'azienda per i danni provocati dal suo software, se prima di aprire il CD e la licenza d'uso di quel software hai automaticamente acconsentito all'esonero da qualsiasi responsabilita' per i danni causati da questo software?

    Anzi no con i nuovi Winzozz XP e 2000 c'e' un risarcimento per i danni causati da Winzozz, e' di $5. La tua rete aziendale per Micro$ozz vale $5.

    Non era meglio restare nel paese dei balocchi?

    --
    Saluti.
    Mr. Mechano

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > ok, ma se uno di questi programmi gratis e
    > liberi di cui tu parli dovesse danneggiare
    > seriamente una rete aziendale, chi si
    > potrebbe denunciare ???
    >

    ascolta, la licenza GPL dice che ti prendi il software "as is", così com'è. punto. dov'è il punto di forza? che con il software libero ti prendi il sorgente e guardi che non ci siano cose che possano danneggiare seriamente la tua rete. prova a farlo con il software closed-source....

    ti rovescio la domanda: se un programma a pagamento e con un'azienda a capo (per es. windows di microsoft) ti fa casino sulla tua rete, perchè non la denunci? perchè non chiedi il risarcimento danni a microsoft per tutti i virus presi con i loro programmi buggati?

    soprattutto: perchè rompi le scatole con le tue trolleggianti ed ignoranti riflessioni? prima di parlare, informati....

    ciao
    LEO

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Mechano
    > >
    > >
    > > I vari software GPL che compongono gli
    > altri
    > > componenti sono sviluppati da aziende o
    > > anche privati che li hanno rilasciati
    > liberi
    > > e spesso gratuiti.
    > >
    >
    > ok, ma se uno di questi programmi gratis e
    > liberi di cui tu parli dovesse danneggiare
    > seriamente una rete aziendale, chi si
    > potrebbe denunciare ???



    "ESCLUSIONE DI ALTRE GARANZIE. - Il Produttore non riconosce
    alcuna altra garanzia, espressa o implicita, comprese, tra le altre, la
    garanzia di commerciabilità ed idoneità per un fine particolare,
    relativamente al SOFTWARE, al materiale scritto di
    accompagnamento ed ad ogni hardware annesso.

    ESCLUSIONE DI RESPONSABILITÀ PER DANNI INDIRETTI. - In
    nessun caso il Produttore o i suoi fornitori saranno responsabili per
    i danni (inclusi, senza limitazioni, il danno all'integrità fisica nonchè
    il danno per perdita o mancato guadagno, interruzione dell'attività,
    perdita di informazioni o altre perdite economiche) derivanti dall'uso
    di questo prodotto, anche nel caso che il Produttore sia stato
    avvertito della possibilità di tali danni. In ogni caso, la responsabilità
    del Produttore e dei suoi fornitori ai sensi del presente contratto
    sarà limitata ad un importo corrispondente a quello effettivamente
    pagato per il software e/o per l'hardware Microsoft."


    Questa non è la GPL. Questa è l'EULA Microsoft....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    ....
    > a si??
    >
    > allora dimmi un po'... chi è il
    > proprietario di "Linux" o il diretto
    > responsabile... ???
    >
    > Voglio nomi chiari di persone e di aziende!

    "Linux is a Registered Trademark of Linus Torvalds."

    http://www.kernel.org/

    Per quanto riguarda la proprietà del codice, ti scarichi i sorgenti e sei libero di verificare file per file.

    non+autenticato
  • > allora dimmi un po'... chi è il
    > proprietario di "Linux" o il diretto
    > responsabile... ???
    >
    > Voglio nomi chiari di persone e di aziende!

    La luna é piena di materie prime e metalli.
    Purtroppo, secondo il tuo ragionamento non potremo estrarle neppure quando ne avremo i mezzi adatti perché la luna non ha un proprietario, é di tutti quindi di nessuno.

    E i pesci del mare a chi appartengono? Pescarli é danneggiare le aziende che li allevano in vasche? I pesci del mare non sono di nessuno...

    E l'Italia ha un proprietario o é di tutti?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > allora dimmi un po'... chi è il
    > > proprietario di "Linux" o il diretto
    > > responsabile... ???
    > >
    > > Voglio nomi chiari di persone e di
    > aziende!
    >
    > La luna é piena di materie prime e
    > metalli.
    > Purtroppo, secondo il tuo ragionamento non
    > potremo estrarle neppure quando ne avremo i
    > mezzi adatti perché la luna non ha un
    > proprietario, é di tutti quindi di
    > nessuno.

    la luna è in comune a tutti i governi e un giorno forse verrà data in appalto...

    >
    > E i pesci del mare a chi appartengono?
    > Pescarli é danneggiare le aziende che
    > li allevano in vasche? I pesci del mare non
    > sono di nessuno...

    i mari sono dei governi e concessi (entro i limiti) a uso commerciale per i pescatori

    > E l'Italia ha un proprietario o é di
    > tutti?

    ti sei mai chiesto perchè paghi le imposte?
    non+autenticato
  • I dati sul numero di nazioni ed unità locali indicati sono errati.
    Vi sono alcune PA che pur non essendo state contate utilizzano almeno per alcune cose il software libero (soprattutto sui server).

    I dati si riferiscono soltanto a quelle realtà che usando solo sofware proprietario hanno fatto studi ed in alcuni casi avviato il processo di passaggio di parte del software da commerciale a libero.

    Non sono stati contati chi invece già aveva o è passato senza fare troppi studi, ma verificando la funzionalità e la soluzione di vari problemi non risolvibili riscontrati sui software commerciali. Quando dietro alla PA esiste già una struttura informatica, tante volte questa tende a proporre ed applcare queste soluzioni senza tante cerimonie
    non+autenticato
  • >Quando dietro alla PA esiste
    > già una struttura informatica, tante
    > volte questa tende a proporre ed applcare
    > queste soluzioni senza tante cerimonie

    Ma, so anche dell'esatto contrario, gente che ha proposto Linux e a cui e' stato riso in faccia proprio da esperti IT della pa.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Ma, so anche dell'esatto contrario, gente
    > che ha proposto Linux e a cui e' stato riso
    > in faccia proprio da esperti IT della pa.

    A me e' capitato di vedere proporre un software che si appoggiava a MSOffice per le stampe e la generazione dei documenti ed e' stata subito chiesta la modifica o la disponibilita' di un modulo per StarOffice/OpenOffice o non sarebbe stato acquistato.

    Fortunatamente si stanno diffondendo le alternative, e il risparmio e' tangibile, contrariamente a tutti coloro che dicono che non e' importante.

    --
    Ciao.
    Mr. Mechano
  • > Ma, so anche dell'esatto contrario, gente
    > che ha proposto Linux e a cui e' stato riso
    > in faccia proprio da esperti IT della pa.
    Mica deve essere sostituito del tutto Microsoft, a volte potrebbero mancare programmi o qualcosa del genere.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)