USA, bocciata la censura di stato

Applaudono i sostenitori dei diritti civili: non si può chiedere ai provider di filtrare i contenuti web al posto dei propri abbonati. Si finisce per censurare un'enorme quantità di siti del tutto legittimi

USA, bocciata la censura di statoWashington (USA) - C'è aria di festa nei quartieri generali delle associazioni per i diritti civili statunitensi: un tribunale distrettuale ha bocciato una normativa che costringeva i provider a censurare internet per conto dei propri abbonati, in nome della lotta alla diffusione di pedopornografia.

Gli effetti della decisione del giudice Jan E. DuBois sono destinati ad andare ben oltre quelli di una bocciatura di una legge della Pennsylvania, in quanto la sentenza avrà un forte impatto sul futuro del COPA (Child Online Protection Act), la normativa federale che prevede proprio l'utilizzo su larga scala dei filtri antiweb.

La cosa più importante secondo i sostenitori dei diritti civili che hanno portato quella normativa in tribunale, è che la corte abbia riconosciuto come i filtri su Internet siano inefficaci, al punto che i provider sono stati costretti a cancellare la possibilità di accedere non solo a siti sospetti o illegali ma anche a decine di migliaia di siti perfettamente legittimi. In questo senso hanno rilasciato deposizioni anche big del settore, come America Online e Verizon.
Quella sui filtri sui contenuti web è una battaglia che risale alla fine degli anni '90 ma la decisione che boccia la legge della Pennsylvania viene vista dal Center for democracy and technology e dall'American civil liberties union come una tappa storica nel far riconoscere a livello istituzionale l'assurdità dei filtri di stato.

Proprio secondo le due associazioni, che hanno monitorato l'andamento della censura negli ultimi due anni, sono stati tagliati fuori almeno 1,5 milioni di siti web che si occupavano di tutto meno che di disseminare immagini di pornografia infantile. Un'altra conseguenza della legge si è vista due anni fa, quando l'operatore MCI ha dovuto cedere alle richieste del procuratore generale della Pennsylvania e impedire l'accesso a cinque siti web: un blocco che dovette essere esteso a tutti gli utenti nordamericani che sfruttavano le dorsali di MCI.

Secondo il giudice DuBois, la tecnologia oggi più avanzata "non può essere utilizzata senza portare ad una censura della libera espressione, in violazione del Primo Emendamento". Si tratta, ha concluso DuBois, di una legge incostituzionale.

Dopo l'alt al COPA deciso dalla Corte Suprema degli Stati Uniti, quella di queste ore è una sentenza che potrebbe secondo gli osservatori portare alla morte dei filtri obbligatori o quantomeno della loro imposizione obbligatoria perché non funzionano o funzionano male. Eppure ancora oggi, in una vicenda diversa ma vicina al COPA, negli USA soltanto le biblioteche che adottano filtri a monte per le proprie postazioni Internet possono ottenere fondi di sostegno federali.

"Piuttosto che bloccare quantità enormi di contenuti Internet legali per tentare di nascondere la pornografia infantile - ha chiosato John Morris del Center for democracy and technology - le forze dell'ordine dovrebbero perseguire la fonte del pedoporno, i criminali che la creano e la diffondono".
TAG: censura
58 Commenti alla Notizia USA, bocciata la censura di stato
Ordina
  • ....quello che disse un esperto di sicurezza diversi anni fa:
    "per evitare che i piccoli entrino in contatto con queste cose basta mettere un sistema di filtraggio, se i bambini riescono a scavalcare quel sistema di filtraggio vuol dire che sono abbastanza maturi per vedere quello che c'è oltre senza esserne sconvolti".
    Voglio chiarire intanto che questo discorso riguarda non la pedopornografia ma la pornografia, a scanso di possibili equivoci.
    La frase detta sopra potrebbe sembrare strana ma non lo è poi così tanto se ci si ragiona a fondo; io ho un computer mio e posso permettermi di fare un PC a mio figlio ma dubito che, anche così, abitando nella stessa casa lui non possa vedere quello che molte volte neanch'io riesco ad evitare completamente; parlo di banner, popup e via dicendo... infondo mi sà che alla fine ci si abitua, la malignità è negli occhi di chi guarda non in quel che si vede... per un bambino non c'è poi tanta differenza fra la classica velina nel calendario del meccanico e un qualche banner del solito sito che "popuppa" qua e là.
    La libertà d'informazione porta con sè anche queste cose, la pedopornografia è una cosa orribile ma è fin troppo facile tentar di far passare la parola "pedo" come un suffisso eliminabile quando si parla di leggi e regolamenti; bisogna imparare a distinguere e capire che la pornografia che è legale, non perchè adori la pornografia ma perchè ogni cosa che si vieta per legge è un vulnus alla mia libertà individuale e, sebbene sia felice di accettare queste limitazioni per quelle porcherie non lo sono quando si parla di cose che, almeno sulla carta, sono legali.
    La pornografia non può essere illegale (noi italiani siamo cresciuti, forse a causa di una religione molto restrittiva e di una società liberitaria, con uno spirito voyeuristico anche superiore a quello della maggior parte del resto del mondo) e, comunque, come abbiamo già visto sul "mezzo" internet non è possibile "tagliar fuori" qualcosa in modo semplice e comunque non con un sistema di censure; serve piuttosto un nuovo approccio all'apprendimento.
    Se gli anni '70, '80 e '90 hanno visto la TV balia per molti bambini (me compreso) oggi il flusso delle informazioni non è più così "addomesticabile".
    Nel trentennio scorso è bastata qualche associazione dei genitori (il MOIGE), qualche associazione religiosa, le sempre presenti forze semilaiche e la dea DiCcì (chi si ricorda Drive In?) a fare in modo che tutti i mezzi di conoscenza fossero a prova di bambini (vi ricordate quando si provò con un canale pornografico terrestre ? venne soprannominato "maiale 5" e le solite associazioni per il bene, la moralità, la giustizia e via dicendo lo fecero chiudere in pochi mesi, nonostante non fosse fruibile se non attraverso un apposito decoder); in compenso quella stessa TV ci ha infarcito di concetti spesso retrogradi e perbenistici che hanno provocato un "rigetto" socio-culturale che stiamo scontando oggi, soprattutto con la cosiddetta "caduta dei valori".
    Oggi la TV non è più una balia, troppo contaminata direbbe qualcuno, "troppo poco interessante" dico io; i ragazzi, ed i ragazzini, smaniano per giocare, per cercare i walkthrough dei videogiochi preferiti, per chattare online e via dicendo: la TV non interessa...
    ...se la nuova governante dei bambini è Internet, Internet sia penserete voi... e invece no; Internet è pericolosa perchè la gente esercita liberamente il suo diritto di parola e dice, scrive, disegna e palesa quel che è, in ogni suo aspetto.
    Fra queste manifestazioni e la mercificazione dei desideri della gente (è il sistema capitalistico, domanda-offerta) emergono delle cose poco adatte ai bambini che, nel non spazio senza barriere della rete delle reti possono urtare i bambini... cosa fare?
    Filtrare si, aiuta un po', ma fra client di IM, chat varie (da IRC a MSN) e via dicendo possiamo forse censurare anche quello che ai bambini viene detto ?
    Voglio dire, Azzurra.it è un provider ed ha una webchat, nessun filtro andrà mai a censurare "www.azzurra.it" eppure anche un bambino potrebbe andare nella webchat di azzurra e finire nel canale #sesso o #uccelli dove magari potrebbero accettare un immagine .JPG via DCC.
    Penso che a meno di non staccare la linea dati (ma vi assicuro che i bambini sono molto più svegli degli adulti ad aggirare quello che gli è vietato) impedire certe cose è impossibile e, tutto sommato, stupido.
    Mia madre lavora in un asilo e posso assicurare che c'è ben poco che i bambini, innocentemente, non sanno.
    Non hanno certamente la malizia che noi vediamo nelle varie cose, ma sicuramente oggi, complici la TV, i costumi e anche i modi di fare della gente hanno tutte le informazioni e le conoscenze che gli servono, anche più di quante non ne avessi io a quell'età.
    Serve che i genitori tornino a "considerare" i figli, non è una nenia, è che onestamente se un figlio potesse giocare col padre/madre, navigare col padre/madre, fare le ricerche per la scuola col padre/madre queste cose non succederebbero... invece il padre è a farsi (come ha imparato dai SUOI genitori) i cavoli propri, magari leggendo il giornale, la madre sta scoprendo l'ennesimo trend di Costantino e che fine ha fatto veramente Ridge che si pensava scomparso nella 12573563 puntata di Beautiful, la sorella non può perdersi il suo tizio preferito che muove il culetto davanti alle telecamere di Saranno famosi ed il nostro Mr.X è "abbandonato" ad internet.
    Ci vorrebbero meno lacrime di coccodrillo e più autocritica... i bimbi non vanno seminati come soprammobili nei posti dove meno provocano danno/fastidio e SE ci si comporta in questo modo bisogna assumersi le responsabilità di cosa ciò comporta e non armarsi di forcone e scendere in piazza....
    non+autenticato
  • Qualche giorno fa una collega raccontava che la figlia di una sua amica, che come molte mamme lavoratrici lascia i propri figli a casa con la nonna, è andata su internet per fare una ricerca di scienze sugli uccelli. Ebbene la bambina ingenuamente ha scritto subito nell'indirizzo "uccelli.it" e immaginate cos'è comparso. La bima ha poi chiamato la mamma sul lavoro ecc. ecc.
    Ebbene, la colpa non è della bambina che non può sapere più di quanto sappia e neppure del sito porno ma è dei suoi genitori (imho).
    Esistono degli strumenti semplici da quello in dotazione nelle opzioni di internet exlplorer a quelli più raffinitati.
    Io conosco, x es., norton internet security con l'opzione di controllo dei genitor. Le restrizioni internet x i figli minori sono agevoltate dal programma che si aggiorna scaricando i cataloghi relativi ai siti da censurare.
    non+autenticato

  • - Scritto da: nessuno53
    > Qualche giorno fa una collega raccontava che
    > la figlia di una sua amica, che come molte
    > mamme lavoratrici lascia i propri figli a
    > casa con la nonna, è andata su
    > internet per fare una ricerca di scienze
    > sugli uccelli. Ebbene la bambina
    > ingenuamente ha scritto subito
    > nell'indirizzo "uccelli.it" e immaginate
    > cos'è comparso. La bima ha poi
    > chiamato la mamma sul lavoro ecc. ecc.
    > Ebbene, la colpa non è della bambina
    > che non può sapere più di
    > quanto sappia e neppure del sito porno ma
    > è dei suoi genitori (imho).
    > Esistono degli strumenti semplici da quello
    > in dotazione nelle opzioni di internet
    > exlplorer a quelli più raffinitati.
    > Io conosco, x es., norton internet
    > security con l'opzione di controllo dei
    > genitor. Le restrizioni internet x i figli
    > minori sono agevoltate dal programma che si
    > aggiorna scaricando i cataloghi relativi ai
    > siti da censurare.


    e va bè, si torna alla responsabilità dei genitori, sarebbe meglio che si documentasseri sulle 'armi difensive' da usare in questi casi...
    non+autenticato
  • - Scritto da: nessuno53
    > Qualche giorno fa una collega raccontava che
    > la figlia di una sua amica, che come molte
    > mamme lavoratrici lascia i propri figli a
    > casa con la nonna, è andata su
    > internet per fare una ricerca di scienze
    > sugli uccelli. Ebbene la bambina
    > ingenuamente ha scritto subito
    > nell'indirizzo "uccelli.it" e immaginate
    > cos'è comparso. La bima ha poi
    > chiamato la mamma sul lavoro ecc. ecc.
    > Ebbene, la colpa non è della bambina
    > che non può sapere più di
    > quanto sappia e neppure del sito porno ma
    > è dei suoi genitori (imho).
    > Esistono degli strumenti semplici da quello
    > in dotazione nelle opzioni di internet
    > exlplorer a quelli più raffinitati.
    > Io conosco, x es., norton internet
    > security con l'opzione di controllo dei
    > genitor. Le restrizioni internet x i figli
    > minori sono agevoltate dal programma che si
    > aggiorna scaricando i cataloghi relativi ai
    > siti da censurare.

    massì, bisogna fare buon viso a cattivo gioco: se non altro la bambina, non avrà imparato molto dai volatili, ma avrà appreso comunque cose d'indubbia utilità nella vita!A bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta

    Troll
  • Alla richiesta al mio provider di feed della gerarchia news free.it, mi è stato riposto che loro non danno feed di free.* a causa dei contenuti illeciti che spesso ci sono dentro...

    Premesso che ero interessato ad alcuni gruppi di discussione su viaggi che non sono presenti in it.* e non a roba illecita, ho rinunciato e ho fatto un abbonamento ad un provider di solo news (che per 4$ una tantum mi feeda TUTTO);

    Poi mi sono chiesto: può davvero impedirmi (legalmente) di scaricare tutta la gerarchia free.*? E posso insistere per avere il feed della gerarchia?

    Tenete presente che altri provider maggiori la danno tranquillamente e che non credo che il provider debba esercitare una funzione di protezione (e nei riguardi di chi?).

    O sbaglio....?

    certo, se fossimo negli USA sarebbe mooooolto più scandaloso!!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Alla richiesta al mio provider di feed della
    > gerarchia news free.it, mi è stato
    > riposto che loro non danno feed di free.* a
    > causa dei contenuti illeciti che spesso ci
    > sono dentro...

    Scusa, ma non ho capito. Vuoi dire che il tuo provider non tiene alcun post della gerarchia free.*
    Non c'entra nulla il feed nel senso di RSS feed...immagino...

    > Premesso che ero interessato ad alcuni
    > gruppi di discussione su viaggi che non sono
    > presenti in it.* e non a roba illecita, ho
    > rinunciato e ho fatto un abbonamento ad un
    > provider di solo news (che per 4$ una tantum
    > mi feeda TUTTO);

    Ti sei abbonato ad un servizio di newsserver a pagamento...

    > Poi mi sono chiesto: può davvero
    > impedirmi (legalmente) di scaricare tutta la
    > gerarchia free.*? E posso insistere per
    > avere il feed della gerarchia?

    Se i gruppi della gerarchia free.* sono presenti su newssserver, dovresti anche riuscire a scaricarli.
    Mi sfugge ancora il significato del "il feed della gerarchia". Intendi dire che non puoi scaricare gli headers?
    Allora, non sono presenti sul newsserver.

    > Tenete presente che altri provider maggiori
    > la danno tranquillamente e che non credo che
    > il provider debba esercitare una funzione di
    > protezione (e nei riguardi di chi?).
    >
    > O sbaglio....?

    A mio parere i providers considerano il newssserver come un servizio di serie B, forse anche perche' non sono molti quelli che ne fanno uso e si sentono liberi di non specificare a priori quanti gruppi ospitano, i giorni di "tenuta" di un post, la velocita' di download. A mio parere si tratta di un abuso, si' ma evidentemente sono servizi non usati ne' conosciuti da molti, per cui si e' sempre in pochi a lamentarsi.

    Il mio provider ad esempio, ha deciso che non si puo' postare. Forse per problemi di abuso....non so ma comunque a farne le spese siamo noi....

    > certo, se fossimo negli USA sarebbe
    > mooooolto più scandaloso!!!

    Anzi sarebbe molto piu' normale visti i tempi che tirano.

    Hai considerato newsserver web based ?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Scusa, ma non ho capito. Vuoi dire che il
    > tuo provider non tiene alcun post della
    > gerarchia free.*
    > Non c'entra nulla il feed nel senso di RSS
    > feed...immagino...

    Esatto, non "vedo" nessun gruppo free.*!

    > > provider di solo news (che per 4$ una
    > tantum
    > > mi feeda TUTTO);
    >
    > Ti sei abbonato ad un servizio di newsserver
    > a pagamento...

    4$ per tutta la vita, praticamente è gratis. l'unico limite sono 50Mb al giorno da scaricare, ma per leggere messaggi sono anche troppi!
    Ovviamente se paghi un tot al mese hai più disponibilità

    > Se i gruppi della gerarchia free.* sono
    > presenti su newssserver, dovresti anche
    > riuscire a scaricarli.
    > Mi sfugge ancora il significato del "il feed
    > della gerarchia". Intendi dire che non puoi
    > scaricare gli headers?
    > Allora, non sono presenti sul newsserver.

    Non vedo proprio i gruppi; i provider possono decidere se fare o meno il feed di alcune gerarchie, sotto gerarchie o singoli gruppi...
    Se non fanno il feed non vedi il(i) gruppo(i)

    > A mio parere i providers considerano il
    > newssserver come un servizio di serie B,
    > forse anche perche' non sono molti quelli
    > che ne fanno uso e si sentono liberi di non
    > specificare a priori quanti gruppi ospitano,
    > i giorni di "tenuta" di un post, la
    > velocita' di download. A mio parere si
    > tratta di un abuso, si' ma evidentemente
    > sono servizi non usati ne' conosciuti da
    > molti, per cui si e' sempre in pochi a
    > lamentarsi.

    Questo è vero, ormai il web copre gran parte dei servizi...


    > Il mio provider ad esempio, ha deciso che
    > non si puo' postare. Forse per problemi di
    > abuso....non so ma comunque a farne le spese
    > siamo noi....

    Questo è veramente assurdo! Hai mai chiesto il motivo?

    > > certo, se fossimo negli USA sarebbe
    > > mooooolto più scandaloso!!!
    > Anzi sarebbe molto piu' normale visti i
    > tempi che tirano.
    > Hai considerato newsserver web based ?

    si' infatti per ora uso google. E' abbastanza comodo, a parte quando voglio salvarmi dei 3ad sull'hd...
    :(
    non+autenticato
  • Il motivo è semplice e complesso al tempo stesso....
    ....mantenere sincronizzato un newsserver completo richiede una banda ed una quantità di spazio che non è umanamente ragionabile....
    Ci sono interi gruppi dedicati alla condivisione di ISO di roba pirata, di immagini porno, di mp3 (il paradiso insomma A bocca aperta ) e tutta questa roba dovrebbe essere sincronizzata IN TEMPO REALE fra tutti i server di tutto il mondo...
    La banda ALL'ESTERO i nostri provider la pagano, la banda IN ITALIA pure, ma MOOOOLTO meno.
    Seconda considerazione:
    tu magari ti colleghi e scarichi 100 messaggi al giorno da un ng qualsiasi (come alt.system.recovery) (vabè, ammetto di essere un po'nerd) ma per 100 messaggi che prendi tu, dei quali ne leggi 10, 10.000.000.000 vengono conservati sul server, essendo lo spazio limitato (rispetto alla mole di roba che viene aggiunta ogni secondo) è necessario CANCELLARE qualcosa per mettere qualcos'altro... se si tenessero tutti i gruppi ci vorrebbe più spazio (e ti ricordo che in ambito server lo spazio costa più che in ambito desktop) e probabilmente si rischierebbe di perdere dei messaggi, magari importanti, se non si controlla tutto ogni giorno...
    I news sono una brutta bestia (ma brutta brutta brutta...)
    non+autenticato

  • un minore che cerca in rete immagini di sesso di sue coetanee e' un pedofilo?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > un minore che cerca in rete immagini di
    > sesso di sue coetanee e' un pedofilo?

    No. O, meglio, non é punibile...
    Escluso nel texas: anni fa emanarono una legge che prevedeva il carcere per i minorenni che facevano sesso. Questo per fronteggiare la piaga delle ragazzine incinte.
  • > Escluso nel texas: anni fa emanarono una
    > legge che prevedeva il carcere per i
    > minorenni che facevano sesso. Questo per
    > fronteggiare la piaga delle ragazzine
    > incinte.

    Educazione sessuale nelle scuole, no eh? Meglio una bella legge da reato penale...massi'....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Escluso nel texas: anni fa emanarono una
    > > legge che prevedeva il carcere per i
    > > minorenni che facevano sesso. Questo per
    > > fronteggiare la piaga delle ragazzine
    > > incinte.
    >
    > Educazione sessuale nelle scuole, no eh?
    > Meglio una bella legge da reato
    > penale...massi'....
    In uno stato dove il puritanesimo incombe come non mai questo e altro...Triste ma è così in tutti gli USA: ricordate Clinton e le sue peripezie sessuali? In altri posti al massimo avrebbero detto "Ah,si?", ma in una nazione dove la Bibbia versione puritana la fa ancora da padrone è normale che si compiano tutte le peggiori oscenità, purché nessuno lo venga a sapere!
    E, aggiungo per chi lo ignorasse, nonostante la NASA c'é ancora in USA (sopratutto nel profondo SUD!!) chi sostiene che la Terra è Piatta ed il Sole gira intorno alla stessa perché così è scritto sulla Bibbia....:(
    Grandezze e miserie di una nazione....:$:p:|:)
    non+autenticato
  • Almeno i mormoni possono avere più mogli, se non erro. Quasi quasi cambio religione... questa non sembra male, anche l'islam invero permetterebbe la poligamia, ma visti i tempi che corrono e il divieto di maiale e alcool preferisco il mormonèsimo.
    Anzi: me la fondo io stesso una religione. Il testo sacro verrà scritto dagli adepti, previo pagamento di una quota spese. Ovviamente più uno paga più la mia religione diverrà flessibile verso le sue esigenze: diamo voce alle persone illuminate noi.
    Qualcuno voule aderire?Sorride
    Dite che non sono il primo che pensa a queste cose? Ma dài...A bocca aperta

    Sua Eccelsa Imprescindibile Santità

    Deus Markus I
    3p
    201
  • > ricordate Clinton e le sue peripezie
    > sessuali? In altri posti al massimo
    > avrebbero detto "Ah,si?"

    Clinton é finito nella merda perchè ha dichiarato il falso sotto giuramento... comunque hai ragione: se in italia un premier fosse coinvolto in uno scandalo sessuale, verrebbe portato in trionfo e rieletto per mille anni a venire!
    :D
  • Infatti si diceva che Berlusconi fosse becco a causa di un non meglio specificato personaggio politico di minore levatura (gerarchica).
    non+autenticato

  • - Scritto da: soulista
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > un minore che cerca in rete immagini di
    > > sesso di sue coetanee e' un pedofilo?
    >
    > No. O, meglio, non é punibile...
    > Escluso nel texas: anni fa emanarono una
    > legge che prevedeva il carcere per i
    > minorenni che facevano sesso. Questo per
    > fronteggiare la piaga delle ragazzine
    > incinte.

    mi viene in mente il caso simile che riguardava l'inghilterra con la differenza che invece di vietare li si parlava di insegnare a scuola a come evitare il problema, fra i consigli quello di preferire il sesso orale..........
    Almeno gli inglesi si sono dimostrati piu' competenti.
    non+autenticato
  • Quanti genitori non sanno cosa fanno i figli????
    Quanti mandano i figli minorenni in giro e non sanno con chi vanno???
    Purtroppo oggi sono TANTI!
    I pedofili in giro non sono pochi, comunque meno occasioni hanno meglio è!
    Non serve che nel pc sia installato un web blocker o che siano censurati dei siti quando poi i pedofili sono per la strada ed i genitori non sono lì a controllare.
    E' bene che i genitori controllino anche quando i figli sono al pc, perchè il loro controllo supera le limitazioni di un software!
    non+autenticato
  • Le generalizzazioni portano sempre a degli errori di approssimazione.
    Sono un genitore e ho deciso di seguire la strada della consapevolezza per i miei figli. Insieme abbiamo usato e ancora lo usiamo internet e cosi' come per il mondo reale ho cercato di spiegargli i rischi del mondo virtuale. Non e' semplice, ma credo sia l'unica strada per dare a loro degli strumenti per sapersi difendere per capire prima di cadere nelle numerose trappole della rete.
    Io pero' sono fortunato, so usare internet e ho un pochino di tempo (troppo poco) da dedicare a loro e per fare delle cose con loro.
    Ci sono pero' genitori che non sanno usare un computer oppure non hanno il tempo per stare insieme ai loro figli. Non sono situazioni rare. Anche se siamo nel paese delle tre "I", comprere un pc, navigare ed avere il tempo per imparare ad usarlo per mettere al sicuro i propri figli è costoso sia economicamente che in termini di tempo. Tempo che nella nostra vorticosa vita spesso non rimane oppure c'e' quando non hai piu' energie fisiche o mentali per poterlo sfruttare.
    La famiglia e' un po' come un organismo che se e' in salute ha buone difese dalle malattie, mentre quando e' stanco si indebolisce e le malattie possono attaccare e magari riuscire a far danni.
    La responsabilità e' dei genitori sempre, nel bene e nel male, ed e' per questo che non vanno lasciati soli, soprattutto dalle istituzioni.

  • - Scritto da: osolnon
    > Le generalizzazioni portano sempre a degli
    > errori di approssimazione.
    > Sono un genitore e ho deciso di seguire la
    > strada della consapevolezza per i miei
    > figli. Insieme abbiamo usato e ancora lo
    > usiamo internet e cosi' come per il mondo
    > reale ho cercato di spiegargli i rischi del
    > mondo virtuale. Non e' semplice, ma credo
    > sia l'unica strada per dare a loro degli
    > strumenti per sapersi difendere per capire
    > prima di cadere nelle numerose trappole
    > della rete.
    > Io pero' sono fortunato, so usare internet e
    > ho un pochino di tempo (troppo poco) da
    > dedicare a loro e per fare delle cose con
    > loro.
    > Ci sono pero' genitori che non sanno usare
    > un computer oppure non hanno il tempo per
    > stare insieme ai loro figli. Non sono
    > situazioni rare. Anche se siamo nel paese
    > delle tre "I", comprere un pc, navigare ed
    > avere il tempo per imparare ad usarlo per
    > mettere al sicuro i propri figli è
    > costoso sia economicamente che in termini di
    > tempo. Tempo che nella nostra vorticosa vita
    > spesso non rimane oppure c'e' quando non hai
    > piu' energie fisiche o mentali per poterlo
    > sfruttare.
    > La famiglia e' un po' come un organismo che
    > se e' in salute ha buone difese dalle
    > malattie, mentre quando e' stanco si
    > indebolisce e le malattie possono attaccare
    > e magari riuscire a far danni.
    > La responsabilità e' dei genitori
    > sempre, nel bene e nel male, ed e' per
    > questo che non vanno lasciati soli,
    > soprattutto dalle istituzioni.

    Sì ci sono genitori che non sanno usare il pc, ma neanche badare ai propri figli e responsabilizzarli e si fidano del fatto che magari le figlie dicono di andare con le amiche e poi prendono un'altra strada....purtroppo oggi esistono molte famiglie malate!
    non+autenticato
  • A bocca aperta
    Erano almeno trent'anni che non sentivo una cosa del genere:

    > Sì ci sono genitori che non sanno
    > (...) neanche badare ai propri
    > figli e responsabilizzarli e si fidano del
    > fatto che magari le figlie dicono di andare
    > con le amiche e poi prendono un'altra
    > strada....

    ...e invece magari vanno con il loro ragazzo a far l'amore....e allora?

    E se fossero stati figli maschi sarebbe stato invece meno grave?

    E poi che contraddizioni: 1) non sanno badare ai figli, 2) non li responsabilizzano 3) si fidano troppo.
    Devono responsabilizzarli o non fidarsi di loro e tenerli a bada? Deciditi !

    > purtroppo oggi esistono molte
    > famiglie malate!

    Indubbiamente, e mi sa che la tua con le tue contraddizioni e' proprio una di quelle....Sorride

    A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >A bocca aperta
    > Erano almeno trent'anni che non sentivo una
    > cosa del genere:
    >
    > > Sì ci sono genitori che non sanno
    > > (...) neanche badare ai propri
    > > figli e responsabilizzarli e si fidano
    > del
    > > fatto che magari le figlie dicono di
    > andare
    > > con le amiche e poi prendono un'altra
    > > strada....
    >
    > ...e invece magari vanno con il loro ragazzo
    > a far l'amore....e allora?
    >
    > E se fossero stati figli maschi sarebbe
    > stato invece meno grave?

    Be' il fatto è che i figli maschi non ti torneranno mai indietro con la pancia.....!!!!!

    >
    > E poi che contraddizioni: 1) non sanno
    > badare ai figli, 2) non li
    > responsabilizzano 3) si fidano troppo.
    > Devono responsabilizzarli o non fidarsi di
    > loro e tenerli a bada? Deciditi !
    >

    1) Non li badano quando sono piccoli e poi si lamentano quando si perdono....
    2) Non li responsabilizzano perchè oggi molte minorenni hanno il "fidanzatino" che è più sveglio di loro e che prima o poi combina qualche guaio grosso (ci capiamo...), ma dopo è troppo tardi!
    3) Ognuno conosce bene i suoi polli e quindi deve regolarsi di conseguenza!

    > > purtroppo oggi esistono molte
    > > famiglie malate!
    >
    > Indubbiamente, e mi sa che la tua con le tue
    > contraddizioni e' proprio una di
    > quelle....:)
    >

    Assolutamente no! La mia è una famiglia in cui i genitori hanno sempre saputo con chi e dove eravamo e c'è sempre stato un rapporto di fiducia!

    >A bocca aperta
    non+autenticato
  • > > ...e invece magari vanno con il loro
    > ragazzo
    > > a far l'amore....e allora?
    > >
    > > E se fossero stati figli maschi sarebbe
    > > stato invece meno grave?
    >
    > Be' il fatto è che i figli maschi non
    > ti torneranno mai indietro con la
    > pancia.....!!!!!

    Anche questa mi mancava, altro flash back anni 60/70...A bocca aperta

    Di un po' "Retro", ammesso che al tuo paese siano ancora tutti cosi' sprovveduti da non usare anticoncezionali (sai cosa sono almeno?), hai mai sentito parlare del test del DNA?

    Tranquillo che se una sta con la pancia e decide di non abortire (mai sentito dire che in Italia l'aborto e' legale ?), anche il padre naturale c'ha la "pancia"....di tutte le responsabilita' che lo riguardano direttamente ed indirettamente. Quindi e' sbagliato per un maschio non sentirsi esente da pericoli di "pance" varie.

    > 1) Non li badano quando sono piccoli e poi
    > si lamentano quando si perdono....

    In italiano si dice "non badano a loro". Comincio a capire, sei straniero...sei un talebano, vero? Sorride

    > 2) Non li responsabilizzano perchè
    > oggi molte minorenni hanno il "fidanzatino"
    > che è più sveglio di loro e
    > che prima o poi combina qualche guaio grosso
    > (ci capiamo...), ma dopo è troppo
    > tardi!

    Non ho capito niente invece. Dove sta la responsabilizzazione delle minorenni col fidanzatino che le mette incinta?
    Sul dopo e' troppo tardi cé' da discutere (ammesso che succeda - ripeto, tu non li userai, ma le coppie minorenni o maggiorenni che siano usano anticoncezionali, di solito).
    L' aborto non e' certo una bella cosa ma cé' anche questa possibilita' di scelta. Ma mi immagino dal tipo che sei che urlerai al sacrilegio...

    > 3) Ognuno conosce bene i suoi polli e quindi
    > deve regolarsi di conseguenza!

    Non ho capito neppure questa.

    Mi sembra che parli per frasi fatte e fai un collage del tutto.

    > Assolutamente no! La mia è una
    > famiglia in cui i genitori hanno sempre
    > saputo con chi e dove eravamo e c'è
    > sempre stato un rapporto di fiducia!

    Uhm....vorrei sentire cosa ne pensano le tue sorelle della tua famiglia perfetta....Sorride

    Ti auguro una veloce ed indolore evoluzione della specie (anche se mi pare difficile: il tuo caso e' di quelli seri).

    Ciao
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Quanti genitori non sanno cosa fanno i
    > figli????
    > Quanti mandano i figli minorenni in giro e
    > non sanno con chi vanno???
    > Purtroppo oggi sono TANTI!
    > I pedofili in giro non sono pochi, comunque
    > meno occasioni hanno meglio è!
    > Non serve che nel pc sia installato un web
    > blocker o che siano censurati dei siti
    > quando poi i pedofili sono per la strada ed
    > i genitori non sono lì a controllare.
    > E' bene che i genitori controllino anche
    > quando i figli sono al pc, perchè il
    > loro controllo supera le limitazioni di un
    > software!

    C'é una trasmissione in america che inizia sempre con la frase: "sono le 23. Sapete dove si trovano i vostri figli?"
    E' una cosa che odio... certe volte pare che tra genitori e figli debba esserci guerra, invece di un rapporto fatto di amore e fiducia reciproca.
    Si parla sempre di bastone e carota: il fatto é che quando si usano certi metodi é molto difficile farlo in maniera equilibrata e da una parte si rischia di allontanarsi dai propri figli, dall'altra di farne dei mostri viziati.
    Un atteggiamento equilibrato non sarebbe l'ideale? trattarli come persone che un giorno dovranno essere autonome e porli davanti a scelte (anche piccole); portare loro rispetto soprattutto quando da loro lo si pretende; lasciare che si la vita a dare loro dei ceffoni; non giudicarli ma offrire sempre e comunque il proprio sostegno (anche solo morale!)...
    Se un figlio é amato e rispettato da chi di dovere credo sarà meno propenso ad accettare le famose "caramelle" dagli sconosciuti... e forse sarà una persona un tantino più equilibrata da adulto....

    Mi chiederete: "Ma chi sei te?"
    Io risponderò: "un figlio"
  • Sono perfettamente d'accordo con quanto hai detto.
    In America il problema è anche peggiore... grazie a dei genitori snaturati e fondamentalmente idioti i ragazzi minorenni sono considerati alla stessa stregua di oggetti che appartengono al genitore. Non sono quasi considerati persone al pari degli altri. Nelle scuole girano guardie armate e i ragazzi, per poter andare in bagno, devono prima chiedere il permesso al professore, e poi ad ogni singola guardia che incontrano durante il tragitto.

    Un paese in cui un ragazzino può essere condannato a morte ma non può permettersi di bere una birra fino a 21 anni... semplicemente ridicolo.

    Spero che non si voglia scendere in eccessi di questo tipo anche in Italia, per quello che mi riguarda, se ciò accadesse, io certamente non starei a guardare... anche a rischio di scendere nell'illegale.

    La libertà non è un diritto riservato ai soli adulti.

    Bye,
    Luca
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > Quanti genitori non sanno cosa fanno i
    > figli????
    > Quanti mandano i figli minorenni in giro e
    > non sanno con chi vanno???

    E allora? Ma ti meravigli davvero?

    Non ho capito: questa e' una provocazione/trollata o cosa?

    A me sembra abbastanza normale che non si sappia * sempre * dove vanno i figli minorenni.

    Alzi la mano chi non e' mai andare a feste o manifestazioni o qualsiasi cosa che ci erano stati vietati....

    E cosi' e' con Internet. Non puoi mica stare incollato dietro allo schermo ogni secondo che tuo figlio/a si siede al computer....

    Mah...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Quanti genitori non sanno cosa fanno i
    > > figli????
    > > Quanti mandano i figli minorenni in
    > giro e
    > > non sanno con chi vanno???
    >
    > E allora? Ma ti meravigli davvero?
    >
    > Non ho capito: questa e' una
    > provocazione/trollata o cosa?
    >
    > A me sembra abbastanza normale che non si
    > sappia * sempre * dove vanno i figli
    > minorenni.
    >
    > Alzi la mano chi non e' mai andare a feste o
    > manifestazioni o qualsiasi cosa che ci erano
    > stati vietati....
    >
    > E cosi' e' con Internet. Non puoi mica stare
    > incollato dietro allo schermo ogni secondo
    > che tuo figlio/a si siede al computer....
    >
    > Mah...


    hai perfettamente ragione, te lo dice uno che ancora pochi anni fa non riusciva a muovere un dito senza che i miei cominciassero con l'atteggiamento stile 'polizia'... ora ho qusi 30 anni e qualche problema psichiatrico...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Alzi la mano chi non e' mai andare a feste o
    > manifestazioni o qualsiasi cosa che ci erano
    > stati vietati....

    Io.
    Ho sempre potuto fare quel che volevo.
    Sono stato responsabilizzato fin da bambina, chiavi di casa a 6 anni, a scuola da solo dal primo giorno di elementari.
    Sara' che eravamo abbastanza poveri....
    Non ho mai commesso sciocchezze degne di nota.

    Se mai avro' dei figli(per ora ho 25 anni e non ne voglio) li educhero' come sono stata educata io:
    Massima liberta', massima fiducia, molte responsabilita'.
    A 13 anni potevo stare in giro la notte, a 18 anni quando i miei amici pensavano a fare stronzate io non ne sentivo il bisogno.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)