Annunciata l'offerta ADSL di Atlanet

Il provider ha appena presentato le sue proposte di banda larga, Portalis Professional Oro e Portalis Professional Platino

Roma- La banda larga di Atlanet si rivolge ai professionisti e alle piccole e media imprese. Due le offerte appena presentate al pubblico: Portalis Professional Oro e Portalis Professional Platino.

Le proposte di banda larga di Atlanet sono piuttosto ortodosse: in entrambe le offerte, la massima velocitÓ raggiungibile in connessione Ŕ il canonico 640 kb/s in download e 128 kb/s in upload. La MCR (Minimum Cell Rate), ossia la banda minima garantita, non Ŕ particolarmente alta: 25kb/s nell'offerta Platino.

Atlanet non sembra aderire, quindi, al trend seguito da altri operatori, che tendono a giocare al rialzo sulla banda minima garantita.
I prezzi? Per l'offerta Portalis Professional Oro, il canone mensile previsto Ŕ di 120mila lire (1.152.000 lire con pagamento annuale), mentre per Portalis Professional Platino il costo sale a 174mila lire il mese (o 1.800.000 lire l'anno). Nell'offerta Platino, oltre alla banda garantita, Ŕ inclusa anche la registrazione di un dominio di secondo livello e 100MB di spazio web gratuiti (75MB nell'altra proposta di Atlanet) e fino a 15 caselle di posta elettronica con un limite di 30 MB ciascuna (fino a 20 con un limite di 20MB ciascuna nell'altro caso). Tutti i canoni sopraindicati sono IVA inclusa; in entrambe le offerte, Ŕ prevista anche l'installazione gratuita di un programma per la creazione di pagine web (chiamato Infodisegno).
TAG: adsl
7 Commenti alla Notizia Annunciata l'offerta ADSL di Atlanet
Ordina

  • Ma veramente a Punto Informatico ci hanno preso per idioti? La pubblicita' deve essere chiara, non truccata da articolo. Condirla poi con commenti "ad Hoc" contro i concorrenti e' veramente il massimo.
    Vi siete accorti che Aruba ha un'offerta da 74.000 al mese con ** 600k ** dico 600k di banda minima garantita? ma gia', a punto informatico sono come Juke Box, cantano solo se ci metti la monetina.


    non+autenticato
  • arpax sei peggio di zorro, quello che insulta PI per coltivare le proprie patatine. anche tu sbagli obiettivo.
    beccati questo articolo sull'adsl di aruba:

    http://punto-informatico.it/p.asp?i=35613


    *con memorella la vita e' piu' bella*
    non+autenticato
  • guarda che l'offerta e' per 60kbps non 600, tonto.

    - Scritto da: Arpax
    >
    > Ma veramente a Punto Informatico ci hanno
    > preso per idioti? La pubblicita' deve essere
    > chiara, non truccata da articolo. Condirla
    > poi con commenti "ad Hoc" contro i
    > concorrenti e' veramente il massimo.
    > Vi siete accorti che Aruba ha un'offerta da
    > 74.000 al mese con ** 600k ** dico 600k di
    > banda minima garantita? ma gia', a punto
    > informatico sono come Juke Box, cantano solo
    > se ci metti la monetina.
    >
    >
    non+autenticato
  • Perche' non fate un bell'articolo in cui
    spiegate alla gente che modi abbiano di difendersi contro i provider in malafede ?
    Prendiamo ad esempio la banda garantita,
    chi ha modo di provare che il provider non rispetta questa opzione del contratto ?
    Ve lo dico io , NESSUNO !
    Per quanto riguarda noi mucche da latte (nel senso che noi utenti esistiamo solo quando c'e' da mungerci), possono garantire anche 640 kbps
    che tanto non cambierebbe assolutamente nulla,
    basta guardare Aruba in questi giorni, siamo in
    molte persone che subiscono disconnessioni continue, ho i log a disposizione, ma in caso
    ci ribellassimo per mancata osservazione del contratto (24h/24h 7/7)non avremmo possibilita' di essere riconosciuti a causa della mancanza di prove efficaci da esporre contro il provider !
    E allora, chi se ne frega dei contratti ?!?
    Addirittura so di molta gente che ha stipulato
    abbonamenti Teleconomy 256 (BB.B) e di contratti
    non ha visto neppure l'ombra !
    Allora dico io, facciamo un bel contratto in cui
    scriveremo:
    "Io sono il provider, tu l'utente, tu dovrai pagare sempre e comunque senza poter fare o pretendere assolutamente nulla"
    Ecco, anche se non sono scritti cosi, i contratti attuali hanno l'esatta valenza di questo esposto
    sopra.
    Insomma bell'articolo sul come puo' difendersi un utente, non andrebbe proprio sprecato....
    Meglio ancora, perche' non create voi stessi
    un 'punto di contatto' tra persone svenate dai
    provider che non forniscono un giusto servizio ?

    Stefano.
    non+autenticato
  • Sarebbe da fare. Certo se ne puo' parlare anche sui forum.
    Pero' un OSSERVATORIO sui provider non sarebbe male.. La rilancio anch'io a p.i.

    non+autenticato
  • E' cosa buona e giusta!

    - Scritto da: Nemo
    > Perche' non fate un bell'articolo in cui
    > spiegate alla gente che modi abbiano di
    > difendersi contro i provider in malafede ?
    > Prendiamo ad esempio la banda garantita,
    > chi ha modo di provare che il provider non
    > rispetta questa opzione del contratto ?
    > Ve lo dico io , NESSUNO !
    > Per quanto riguarda noi mucche da latte (nel
    > senso che noi utenti esistiamo solo quando
    > c'e' da mungerci), possono garantire anche
    > 640 kbps
    > che tanto non cambierebbe assolutamente
    > nulla,
    > basta guardare Aruba in questi giorni, siamo
    > in
    > molte persone che subiscono disconnessioni
    > continue, ho i log a disposizione, ma in
    > caso
    > ci ribellassimo per mancata osservazione del
    > contratto (24h/24h 7/7)non avremmo
    > possibilita' di essere riconosciuti a causa
    > della mancanza di prove efficaci da esporre
    > contro il provider !
    > E allora, chi se ne frega dei contratti ?!?
    > Addirittura so di molta gente che ha
    > stipulato
    > abbonamenti Teleconomy 256 (BB.B) e di
    > contratti
    > non ha visto neppure l'ombra !
    > Allora dico io, facciamo un bel contratto in
    > cui
    > scriveremo:
    > "Io sono il provider, tu l'utente, tu dovrai
    > pagare sempre e comunque senza poter fare o
    > pretendere assolutamente nulla"
    > Ecco, anche se non sono scritti cosi, i
    > contratti attuali hanno l'esatta valenza di
    > questo esposto
    > sopra.
    > Insomma bell'articolo sul come puo'
    > difendersi un utente, non andrebbe proprio
    > sprecato....
    > Meglio ancora, perche' non create voi stessi
    > un 'punto di contatto' tra persone svenate
    > dai
    > provider che non forniscono un giusto
    > servizio ?
    >
    > Stefano.
    non+autenticato
  • Ciao Nemo, hai perfettamente ragione....
    ti ho visto sul forum di a-rubba (sei un arubbato anche tu...compagni di sventura!!)...l'unica cosa sulla quale non sono daccordo e' sul fatto che debbano "solarci" per forza...e se provassimo a metterci insieme a centinaia per cercare di farci rispettare? (Nel NOSTRO caso specifico...come la vedi una bella azione a tutela dei nostri diritti?
    Qualcuno se ne sta occupando..per esempio...www.cittadinionline.it.

    - Scritto da: Nemo
    > Perche' non fate un bell'articolo in cui
    > spiegate alla gente che modi abbiano di
    > difendersi contro i provider in malafede ?
    > Prendiamo ad esempio la banda garantita,
    > chi ha modo di provare che il provider non
    > rispetta questa opzione del contratto ?
    > Ve lo dico io , NESSUNO !
    > Per quanto riguarda noi mucche da latte (nel
    > senso che noi utenti esistiamo solo quando
    > c'e' da mungerci), possono garantire anche
    > 640 kbps
    > che tanto non cambierebbe assolutamente
    > nulla,
    > basta guardare Aruba in questi giorni, siamo
    > in
    > molte persone che subiscono disconnessioni
    > continue, ho i log a disposizione, ma in
    > caso
    > ci ribellassimo per mancata osservazione del
    > contratto (24h/24h 7/7)non avremmo
    > possibilita' di essere riconosciuti a causa
    > della mancanza di prove efficaci da esporre
    > contro il provider !
    > E allora, chi se ne frega dei contratti ?!?
    > Addirittura so di molta gente che ha
    > stipulato
    > abbonamenti Teleconomy 256 (BB.B) e di
    > contratti
    > non ha visto neppure l'ombra !
    > Allora dico io, facciamo un bel contratto in
    > cui
    > scriveremo:
    > "Io sono il provider, tu l'utente, tu dovrai
    > pagare sempre e comunque senza poter fare o
    > pretendere assolutamente nulla"
    > Ecco, anche se non sono scritti cosi, i
    > contratti attuali hanno l'esatta valenza di
    > questo esposto
    > sopra.
    > Insomma bell'articolo sul come puo'
    > difendersi un utente, non andrebbe proprio
    > sprecato....
    > Meglio ancora, perche' non create voi stessi
    > un 'punto di contatto' tra persone svenate
    > dai
    > provider che non forniscono un giusto
    > servizio ?
    >
    > Stefano.
    non+autenticato