Una cella solare alla clorofilla

Alcuni scienziati del MIT hanno svelato una cella solare capace di convertire l'energia luminosa in energia elettrica grazie alle stesse sostanze contenute nella clorofilla delle piante

Roma - Un gruppo di scienziati americani ha sviluppato un dispositivo che converte la luce solare in energia elettrica ispirandosi al principio di funzionamento della fotosintesi clorofilliana delle piante.

In un articolo apparso su NewScientist.com si spiega che alcuni ricercatori del MIT hanno costruito una cella solare che integra un complesso vitaminico derivato dal cloroplasto degli spinaci con dei semiconduttori organici. I cloroplasti sono corpuscoli verdi contenenti la clorofilla e preposti alla fotosintesi clorofilliana, un processo che nelle piante trasforma l'energia luminosa in energia chimica.

"La natura fa questo da miliardi di anni", ha affermato Shuguang Zhang, uno dei ricercatori a capo del progetto. "E' questa la prima volta che si è riusciti a sfruttare la fotosintesi in un dispositivo elettronico".
Zhang ha spiegato che le celle fotovoltaiche organiche sono molto più sottili e leggere di quelle tradizionali e, sebbene al momento riescano a convertire in corrente elettrica solo il 12% della luce, in futuro promettono di raggiungere un'efficienza di gran lunga superiore a quella delle celle tradizionali.

Gli scienziati ammettono tuttavia che il loro sistema è ancora molto rudimentale: prima di vedere le prime applicazioni pratiche ci vorranno probabilmente ancora molti anni.
TAG: ricerca
141 Commenti alla Notizia Una cella solare alla clorofilla
Ordina
  • sia innocua?
    per determinare se c'e' stata fusione si cercano i neutroni, se ci sono i neutroni allora la fusione e' sta ottenuta, calda o fredda e' la stessa cosa.
    Peccato che quando un neutrone colpisce un atomo lo trasforma in un suo isotopo, il piu' delle volte instabile che tende a rompersi in atomi piu' piccoli emettendo particelle varie, insomma diventa radioattivo, quindi anche la fusione non e' pulita.
    L'unica fusione controllata che e' stata ottenuta finora per pochissimi istanti e' avvenuta tra un atomo si deuterio (un protone e un neutrone) e uno di trizio (un protone e due neutroni) per formare un atomo di elio (due protoni e due neutroni) avanza un neutrone ...toh ma guarda un po'
    non+autenticato
  • Informati meglio, ragazzo. TFTR, JET, Tore Supra hanno funzionato per ben altro che "pochi istanti"... e adesso ITER, con fusione D-D, ossia Deuterio-Deuterio e fattore Q nettamente superiore all'unità. I deflettori ergodici e l'uso di materiali a bassissima attivazione nella zona tritigena rendono semplicemente RIDICOLE le tue paturnie.

    LA FUSIONE CONTROLLATA E' L'UNICO FUTURO DELL'ENERGIA ATOMICA. Specialmente quando metteremo mano alla fusione inerziale, con la calma necessaria, le chiappe coperte e le esigenze energetiche primarie ben garantite dai reattori a contenimento magnetico superconduttivo come ITER.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Informati meglio, ragazzo. TFTR, JET, Tore
    > Supra hanno funzionato per ben altro che
    > "pochi istanti"... e adesso ITER, con
    > fusione D-D, ossia Deuterio-Deuterio e
    > fattore Q nettamente superiore
    > all'unità. I deflettori ergodici e
    > l'uso di materiali a bassissima attivazione
    > nella zona tritigena rendono semplicemente
    > RIDICOLE le tue paturnie.
    >
    > LA FUSIONE CONTROLLATA E' L'UNICO FUTURO
    > DELL'ENERGIA ATOMICA. Specialmente quando
    > metteremo mano alla fusione inerziale, con
    > la calma necessaria, le chiappe coperte e le
    > esigenze energetiche primarie ben garantite
    > dai reattori a contenimento magnetico
    > superconduttivo come ITER.
    Qualcuno ha mai menzionato il fatto che il piccolo sole acceso sulla terra produrrà una quantità di calore che con altri sistemi non verrà mai prodotta contribuendo all'inquinamento termico del pianeta in modo MOLTO più decisivo di altre fonti di energia termica? Ah, se poi i soli sono più di uno l'energia dispersa nell'ambiente aumenterebbe di conseguenza....:(
    non+autenticato
  • > Qualcuno ha mai menzionato il fatto che il
    > piccolo sole acceso sulla terra
    > produrrà una quantità di
    > calore che con altri sistemi non
    > verrà mai prodotta contribuendo
    > all'inquinamento termico del pianeta in modo
    > MOLTO più decisivo di altre fonti di
    > energia termica?

    qualcuno ti ha mai menzionato il fatto che proprio questo fanno le centrali elettriche ? dal calore generato riescono ad ottenere energia, pensa un po'! e addirittura oso dirti che più calore significa più energia!
    (con buona pace del secondo principio, ovviamente)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Qualcuno ha mai menzionato il fatto che
    > il
    > > piccolo sole acceso sulla terra
    > > produrrà una quantità di
    > > calore che con altri sistemi non
    > > verrà mai prodotta contribuendo
    > > all'inquinamento termico del pianeta in
    > modo
    > > MOLTO più decisivo di altre
    > fonti di
    > > energia termica?
    >
    > qualcuno ti ha mai menzionato il fatto che
    > proprio questo fanno le centrali elettriche
    > ? dal calore generato riescono ad ottenere
    > energia, pensa un po'! e addirittura oso
    > dirti che più calore significa
    > più energia!
    > (con buona pace del secondo principio,
    > ovviamente)
    Un conto è l'energia prodotta da tante piccole (si fa per dire) centrali che sfruttano un salto termico relativamente piccolo, ma l'accensione di un sole comporta le temperature in uso MOLTO più elevate, ti ricordo che il sole ha una temperatura superficiale di circa 6000 gradi Kelvin, mentre l'interno raggiunge tranquillamente (:|) anche 10milioni di gradi Kelvin.
    Anni fa in tempi un po meno difficili energeticamente, ci fu il grande Isaac Asimov che denunciò il problema (ricordo, per chi lo ignorasse, che oltre che uno scrittore di SF era anche uno scienziato...) e con un po di calcoli con l'energia collegata a simili temperature il panorama non è poi così bello come viene dipinto, ma il problema è che tale forma di energia è sempre stata definita PULITAPerplesso:|:(
    Ah, la famosa bomba termonucleare a fusione per accendersi necessita di una piccola esplosione nucleare a fissione e se mi ricordo bene gli studi di fisica nucleare fatti ai tempi di Ingegneria, l'accensione della fusione nucleare controllata richiede una potenza mica da poco...
    Ma tutto questo NON viene mai detto, chissà perché...:(
    non+autenticato
  • > Un conto è l'energia prodotta da
    > tante piccole (si fa per dire) centrali che
    > sfruttano un salto termico relativamente
    > piccolo, ma l'accensione di un sole comporta
    > le temperature in uso MOLTO più
    > elevate, ti ricordo che il sole ha una
    > temperatura superficiale di circa 6000 gradi
    > Kelvin, mentre l'interno raggiunge
    > tranquillamente (:|) anche 10milioni di
    > gradi Kelvin.

    mmmmh non credo che tanti piccoli fuochi inquinino di meno di uno grande, ma a parte questo, l'inquinamento dipende dalla quantità di calore Q disperso, che è ininfluente dalla temperatura del sistema (puoi anche essere a 100000 K, ma se disperdi 1 inquini 1)
    forse che forse ti riferisci all'aumento di entropia? nel caso d(entropia)=dQ/T mi pare
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Un conto è l'energia prodotta da
    > > tante piccole (si fa per dire) centrali
    > che
    > > sfruttano un salto termico relativamente
    > > piccolo, ma l'accensione di un sole
    > comporta
    > > le temperature in uso MOLTO più
    > > elevate, ti ricordo che il sole ha una
    > > temperatura superficiale di circa 6000
    > gradi
    > > Kelvin, mentre l'interno raggiunge
    > > tranquillamente (:|) anche 10milioni di
    > > gradi Kelvin.
    >
    > mmmmh non credo che tanti piccoli fuochi
    > inquinino di meno di uno grande, ma a parte
    > questo, l'inquinamento dipende dalla
    > quantità di calore Q disperso, che
    > è ininfluente dalla temperatura del
    > sistema (puoi anche essere a 100000 K, ma se
    > disperdi 1 inquini 1)
    > forse che forse ti riferisci all'aumento di
    > entropia? nel caso d(entropia)=dQ/T mi pare
    Non dipende solo dallentropia, ma dal fatto che la quantità di calore che può essere dispersa dal pianeta Terra nello spazio NON è infinita ma ha un limite: ciò che non disperdi si accumula con tutte le conseguenze del caso. Già adesso con la quantità di calore che non utilizziamo (i teoremi di termodinamica mica si possono eludere) non si disperde totalmente, se incrementiamo a dismisura il calore prodotto e non convertito in energia diversa dal calore, dove credi che vada?
    Il fatto è che il nostro pianeta NON viene mai considerato come un sistema chiuso con tutti i problemi di bilanciamento energetico che ne conseguono.
    Un modo di usare il nucleare a fissione certamente più sicuro ed utile lo ha proposto Rubbia, ma mi sembra che stia facendo anche lui la fine del predicatore al vento...:(In lacrimeIn lacrime
    non+autenticato
  • > Non dipende solo dallentropia, ma dal fatto
    > che la quantità di calore che
    > può essere dispersa dal pianeta Terra
    > nello spazio NON è infinita ma ha un
    > limite: ciò che non disperdi si
    > accumula con tutte le conseguenze del caso.
    > Già adesso con la quantità di
    > calore che non utilizziamo (i teoremi
    principi

    > di termodinamica mica si possono eludere) non
    > si disperde totalmente, se incrementiamo a
    > dismisura il calore prodotto e non
    > convertito in energia diversa dal calore,
    > dove credi che vada?
    cosa intendi per dismisura? non basta una pozzanghera di plasma ad aumentare la temperatura del pianeta in maniera apprezzabile ... una centrale a fusione genera il calore che il progettista desidera, indipendentemente dalla sua temperatura interna

    > Il fatto è che il nostro pianeta NON
    > viene mai considerato come un sistema chiuso
    questo perchè non lo è!!
    se disperdiamo energia nello spazio (ti cito) allora non siamo un sistema chiuso
    non+autenticato
  • Cut
    > cosa intendi per dismisura? non basta una
    > pozzanghera di plasma ad aumentare la
    > temperatura del pianeta in maniera
    > apprezzabile ... una centrale a fusione
    > genera il calore che il progettista
    > desidera, indipendentemente dalla sua
    > temperatura interna
    >
    Il fatto è che non si tratta di una pozzanghera di plasma, anche questa energia ha dei problemi collegati: deve essere confinata magneticamente (energia consumata, anche se utilizzi superconduttori per ottenere il campo magnetico necessario, consumi energia per mantenerli tali) e quindi l'estrazione del calore prodotto non avviene per contatto, visto che non esiste materiale conduttore di calore resistente alla temperatura in gioco, ma per convezione, sistema che non è proprio il massimo del rendimento...e questo porta al primo problema collegato: il reattore si automantiene, ma già il rendimeto non è alto (quando 20 anni fa affrontai lo studio del tokamak come tesi di laurea, il rendimento si aggirava intorno al 40%...nel frattempo sarà sicuramente aumentata ma non credo oltre il 50% la termodinamica NON è cambiata nel frattempo...
    > > Il fatto è che il nostro pianeta
    > NON
    > > viene mai considerato come un sistema
    > chiuso
    > questo perchè non lo è!!
    > se disperdiamo energia nello spazio (ti
    > cito) allora non siamo un sistema chiuso
    Mi sono espresso male:
    Il pianeta Terra è una scatola nera nella quale entra energia prodotta dal sole (calore e non solo), energia prodotta dall'uomo come scarto delle sua attività ed energia dovuta al processo di rafreddamento del pianeta stesso, ed esce energia (calore ed altro) verso lo spazio siderale (lo so che in realtà il modello è un po' più complesso, ma per lo scopo attinente il problema specifico è sufficientemente adeguato). Dato che la dispersione avviene per convezione e la superfice di dispersione NON è infinita (anche se molti scienziati fingono di ignorarlo) la quantità di energia che viene dissipata ha un limite FINITO, oltrepassato il quale l'energia che rimane all'interno del sistema Terra provoca un innalzamento della T interna. Tale processo è cominciato intorno alla fine del 1700 agli arbori della Rivoluzione Industriale, ma è dal 1945 che ha avuto un incremento considerevole: tale aumento di T è sicuramente da accreditare al fatto che la Terra disperde comunque la stessa quantità di energia (non mi risulta che il pianeta si sia igrandito nel frattempoDeluso ) oltre al fatto che c'è un effetto serra causato dall'aumento di CO2 dispersa.
    Se in tale sistema chiuso (nel senso che non può essere modificato termodinamicamente) aumenti in modo spropositato l'energia da disperdere cosa credi succeda?
    Ripeto il problema va al di la dell'effetto serra che sembra essere l'unica cosa importante per i pseudo ambientalisti attualmente in circolazione, che IMHO hanno una visione piuttosto limitata di cosa sia il sitema Terra...:s:(
    non+autenticato
  • Scusa se intervengo ma mi spinge la curiosita`: a conti fatti, anche se non necessariamente con precisione, quanta energia termica irradierebbe nella troposfera, un tokamak come ITER?

    Il fatto e` che cercavo di figurarmi se questo effetto collaterale sarebbe o no trascurabile rispetto ai possibili effetti collaterali delle altre soluzioni, rispetto alla quantita` di energia utile prodotta.

    E... si`, in effetti non ho mai letto degli accenni a quel problema sulle riviste di divulgazione. Personalmente me lo sono sempre figurato come trascurabile... mmh... il minore dei mali, insomma: messe cosi` le cose, pero`, ammetto che potrebbe non esserlo.
    non+autenticato
  • se la notizia parla di solar cell alla clorofilla, perchè (quasi) tutti i post parlano del nucleare?
    se volete chiacchierare di ciò che vi pare (o non avete niente da dire riguardo alla notizia) esistono altri forum!

    ps: report mi ha stancato! fanno servizi faziosi volti a convincere e non ad informare ... non me lo sogno neppure di leggere il loro servizio sul nucleare
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > se la notizia parla di solar cell alla
    > clorofilla, perchè (quasi) tutti i
    > post parlano del nucleare?

    Forse perché la maggior parte di noi è cosciente del fatto che la notizia è bella, ma i risvolti pratici arriveranno, FORSE, tra una ventina di anni se il progetto troverà dei finanziatori; nel frattempo noi saremmo comunque alla mercé di petrolieri vari ed il petrolio costerà sempre di più in quanto non è infinito!:(:$

    > se volete chiacchierare di ciò che vi
    > pare (o non avete niente da dire riguardo
    > alla notizia) esistono altri forum!
    Il discorso è comunque in tema perché si parla di energia e delle sue problematiche.Imbarazzato

    > ps: report mi ha stancato! fanno servizi
    > faziosi volti a convincere e non ad
    > informare ... non me lo sogno neppure di
    > leggere il loro servizio sul nucleare
    Se sei antinuclearista per partito preso sei fazioso, altrimenti puoi essere antinuclerista per la tecnologia attualmente in uso, ma ammettere che si può usare con altri metodi.
    Cerca in rete collegando energia nucleare e Rubbia..forse le sorprese non mancheranno, come ho già postato altrove.:)
    non+autenticato
  • > Il discorso è comunque in tema
    > perché si parla di energia e delle
    > sue problematiche.Imbarazzato
    in effetti hai ragione ... è solo che nel forum speravo di trovare qualcosa a riguardo e mi sono un po' irritato ... chiedo scusa


    > > ps: report mi ha stancato! fanno servizi
    > > faziosi volti a convincere e non ad
    > > informare ... non me lo sogno neppure di
    > > leggere il loro servizio sul nucleare
    > Se sei antinuclearista per partito preso sei
    > fazioso, altrimenti puoi essere
    > antinuclerista per la tecnologia attualmente
    > in uso, ma ammettere che si può usare
    > con altri metodi.
    anzi: io sono abbastanza nuclearista ... è repost che mi ha proprio rotto! non lo sopporto più dalla puntata sugli OGM ...

    > Cerca in rete collegando energia nucleare e
    > Rubbia..forse le sorprese non mancheranno,
    avevo sentito
    > come ho già postato altrove.:)
    ;)
    non+autenticato
  • Per fortuna gli Italiani hanno deciso, con un referendum, di non proseguire nella strada del nucleare. Anche se lo hanno fatto per il motivo sbagliato.

    Il nucleare è conveniente come un finanziamento "compri adesso, paghi fra vent'anni".
    E quello che succede dopo si sta già vedendo negli USA: le prime centrali atomiche, costruite negli anni sessanta e con una vita produttiva di 20 anni, adesso non producono più energia ... ma sono ancora lì, in funzione, con gli ingegneri in sala controllo, i tecnici, gli operai e i conseguenti costi della manutenzione.
    Perchè? Perchè nessuno ha ancora trovato il modo di SMONTARE UNA CENTRALE ATOMICA USATA, e non sembra che il problema sarà facilmente risolvibile.

    Vogliamo davvero firmare per un finanziamento "prendi i soldi adesso, inizi a pagare tra trent'anni" sapendo che poi i nostri discendenti pagheranno le rate ... per i prossimi diecimila anni?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Per fortuna gli Italiani hanno deciso, con
    > un referendum, di non proseguire nella
    > strada del nucleare. Anche se lo hanno fatto
    > per il motivo sbagliato.

    Il risultato è una politica energetica scandalosa.
    Cito solo il comprare l'energia dalle centrali nucleari francesi

    >
    > Il nucleare è conveniente come un
    > finanziamento "compri adesso, paghi fra
    > vent'anni".
    > E quello che succede dopo si sta già
    > vedendo negli USA: le prime centrali
    > atomiche, costruite negli anni sessanta e
    > con una vita produttiva di 20 anni, adesso
    > non producono più energia ... ma sono
    > ancora lì, in funzione, con gli
    > ingegneri in sala controllo, i tecnici, gli
    > operai e i conseguenti costi della
    > manutenzione.
    > Perchè? Perchè nessuno ha
    > ancora trovato il modo di SMONTARE UNA
    > CENTRALE ATOMICA USATA, e non sembra che il
    > problema sarà facilmente risolvibile.
    >

    Semplicemente non è vero quello che dici!
    Si sa come trattare i rifiuti rdioattivi di vario tipo che uno smantellamento produce.
    E' possibile prolungare il tempo di vita di una centrale fino a 30 anni.
    Il vero problema è che bisogna preventivare la costruzione di nuove centrali che vadano a coprire la produzione di energia lasciata scoperte da quelle che vengono poste fuori produzione


    > Vogliamo davvero firmare per un
    > finanziamento "prendi i soldi adesso, inizi
    > a pagare tra trent'anni" sapendo che poi i
    > nostri discendenti pagheranno le rate ...
    > per i prossimi diecimila anni?
    Terrorismo psicologico puro.
    non+autenticato

  • > > Per fortuna gli Italiani hanno deciso,
    > con
    > > un referendum, di non proseguire nella
    > > strada del nucleare. Anche se lo hanno
    > fatto
    > > per il motivo sbagliato.
    >
    > Il risultato è una politica
    > energetica scandalosa.
    > Cito solo il comprare l'energia dalle
    > centrali nucleari francesi
    >

    A parte il fatto che le scorie radioattive nessuno le vuole e sono stoccate ancora nelle centrali. Non mancano proposte di mandarle in sardegna o in basilicata...

    Non diciamo puttanate, la fissione nucleare e' una soluzione che pone ben altri problemi.

    A pensarci bene certe scorie le potremmo mandare in qualche paese africano... in tanti gia' lo fanno

  • - Scritto da: Rude
    >
    > > > Per fortuna gli Italiani hanno
    > deciso,
    > > con
    > > > un referendum, di non proseguire
    > nella
    > > > strada del nucleare. Anche se lo
    > hanno
    > > fatto
    > > > per il motivo sbagliato.
    > >
    > > Il risultato è una politica
    > > energetica scandalosa.
    > > Cito solo il comprare l'energia dalle
    > > centrali nucleari francesi
    > >
    >
    > A parte il fatto che le scorie radioattive
    > nessuno le vuole e sono stoccate ancora
    > nelle centrali. Non mancano proposte di
    > mandarle in sardegna o in basilicata...
    >
    > Non diciamo puttanate, la fissione nucleare
    > e' una soluzione che pone ben altri
    > problemi.
    >
    > A pensarci bene certe scorie le potremmo
    > mandare in qualche paese africano... in
    > tanti gia' lo fanno
    E se invece le usassimo nel reattore proposto da Rubbia?:$
    Tutti contro il nucleare per partito preso, ma conoscenze REALI di ciò che si può fare ZERO!:@
    Se fate una ricerca con "energia nucleare Rubbia" come chiave forse le sorprese non mancherebbero...:)
    E SOPRATUTTO SI EVITEREBBE DI STOCCARE SCORIE!
    Ambientalisti disposti a parlarne? O tutti col paraocchi?
    non+autenticato
  • un nuovo modo per recuprare l'energia dal sole, una centrale ogni 200000 famiglie, la prima la inizieranno a costruire in Australia nel 2005 http://www.wentworth.nsw.gov.au/solartower/

    e noi?
    non+autenticato
  • qualcuno sostiene che quella torre generi trombe d'aria e uragani...:|
    non+autenticato
  • Si bravo... fanno i comitati anti torri eoliche e tu vorresti costruire una simile "mostruosità" nelle campagne fiorentine o senesi?
    Povero illuso.
    non+autenticato
  • la scelta è tra:
    centrale nucleare
    centrale a petrolio-carbone
    torre


    non c'è altro
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > la scelta è tra:
    > centrale nucleare
    > centrale a petrolio-carbone
    > torre
    >
    >
    > non c'è altro

    No, ci sono anche le centrali a letame.
    E vista la quantità di comunistuccoli pseudopacifisti nel mondo (Bertinotti dice 110milioni....) direi che il combustibile è pressoché inesauribile.
    RIDATECI I FORNI TODT!!!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > la scelta è tra:
    > > centrale nucleare
    > > centrale a petrolio-carbone
    > > torre
    > >
    > >
    > > non c'è altro
    >
    > No, ci sono anche le centrali a letame.
    > E vista la quantità di comunistuccoli
    > pseudopacifisti nel mondo (Bertinotti dice
    > 110milioni....) direi che il combustibile
    > è pressoché inesauribile.
    > RIDATECI I FORNI TODT!!!!
    Cosa ci sia di divertente in un post simile non lo capisco....:@
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > la scelta è tra:
    > > > centrale nucleare
    > > > centrale a petrolio-carbone
    > > > torre
    > > >
    > > >
    > > > non c'è altro
    > >
    > > No, ci sono anche le centrali a letame.
    > > E vista la quantità di
    > comunistuccoli
    > > pseudopacifisti nel mondo (Bertinotti
    > dice
    > > 110milioni....) direi che il
    > combustibile
    > > è pressoché inesauribile.
    > > RIDATECI I FORNI TODT!!!!
    > Cosa ci sia di divertente in un post simile
    > non lo capisco....:@

    Beh, io a vederti bruciare mi divertirei moltissimo.....:D
    non+autenticato
  • potremmo costruirla nel Sahara e fare a meta' con Gheddafi dell'energia ottenuta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > un nuovo modo per recuprare l'energia dal
    > sole, una centrale ogni 200000 famiglie, la
    > prima la inizieranno a costruire in
    > Australia nel 2005
    > www.wentworth.nsw.gov.au/solartower /
    >
    > e noi?

    Si', una torre alta un chilometro ("the tower will be one kilometre high") e' giusto un bruscolino verticale che, se viene un vento un po' forte o un terremotino ti ritrovi in testa!

    non+autenticato
  • intanto loro la stanno facendo
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)