Mp3 russi? Il prezzo della musica

Ne parla un lettore, secondo cui è ovvio che su un negozio web russo si trovino brani musicali di tutto il mondo a prezzi stracciati

Roma - Spett. P.I., ho seguito con particolare interesse la discussione scaturita dalla notizia che informava della possibilità di comprare musica in formato digitale e legalmente da siti russi a prezzo stracciato.

Io questa estate in vacanza sono stato a S.Pietroburgo e ho potuto vedere con i miei occhi come prezzi bassi e popolari di cd e dvd possano eliminare definitivamente la pirateria.

In ogni angolo della città ci sono negozi più o meno grandi sempre pieni di gente. Il costo medio di un cd musicale è di 2 euro, i film ed i videogiochi per pc poco si discostano (in Russia Linux costa come Windows)!
A conferma dico che una ragazza che ho conosciuto mi ha spiegato che da loro la pirateria non ha senso dato i prezzi così "cheap" e che il download da internet è troppo laborioso e praticato in misura marginale. Questa realtà mi è stata chiarita anche da un articolo apparso su una rivista di videogiochi che riportava un'intervista ad alcuni sviluppatori russi.

Cito quanto detto da Alexander Shcherbakov di Akella: "L'unico modo per combattere la pirateria è distribuire prodotti che possano rivaleggiare con il prezzo di un cd copiato". E lo speciale continua spiegando come le software house dell'est si siano impegnate a confezionare versione dei giochi esistenti a basso costo, rinunciando al packaging e a tutto cio' che ci fosse di superfluo.

La stesso principio è stato adottato per la musica ed il cinema. Infatti i cd hanno un aspetto perfettamente originale ma la confezione include solo la copertina, niente testi ed altre amenità.

Sono perfettamente conscio che è stata una situazione alquanto infelice (la crisi economica del 1998) a creare una situazione del genere, ma non possiamo anche noi "occidenatali" trarre delle conclusioni?

Io penso che ormai siamo arrivati ad un punto tale che l'industria della musica e del cinema dovrebbero rivedere le proprie strategie di business, in modo da cogliere le nuove opportunità che la rete offre. Invece mi sembra che da una parte cerchino di preservare le proprie posizioni dominanti (prezzi alti, controllo della distribuzione e della fruizione) e dall'altro di fermare l'innovazione (lotta al p2p e alle altre forme di distribuzione on-line fuori dal loro controllo) con ogni mezzo a loro disposizione (balzelli, pressioni politiche e sui media). È questo il liberismo del nuovo millennio?

XavierX

Caro XavierX
la diffusione di musica sul mercato a quei prezzi è dovuta in realtà al fatto che non esiste in Russia un vero "enforcement" delle leggi sul diritto d'autore (e per questo Mosca è stata richiamata più volte in sede WTO). Per cui accanto a negozi che vendono prodotti originali, peraltro a prezzi contenuti rispetto ai nostri (ci sono CD a 8-10 euro) ve ne sono tanti altri che non hanno alcun timore di vendere prodotti pirata, ovviamente a prezzi bassissimi.
Un saluto,
Adele Chiodi
TAG: mondo
229 Commenti alla Notizia Mp3 russi? Il prezzo della musica
Ordina
  • anche in cina trovi cd a prezzi stracciati venduti nei negozi... il motivo è molto semplice: sono cd taroccati... non ti credere che la mancanza di quelle che tu chiami "amenità" sia un espediente delle case discografiche per rispoarmiare: semplicemente chi duplica i cd (duplicare non significa necessariamente masterizzare: si possono fare anche cd silver se si è ben organizzati e se le carenze legislative fanno si che non ci siano troppi controlli) non si preoccupa di duplicare anche l'intero libretto: basta la copertina

    non+autenticato
  • mi chiedo come facciano ad avere (e principalmente a vendere) il nuovo cd dei Duran Duran che esce l'11/10?
    Se effettivamente fosse tutto legale, la casa discografica li avrebbe cmq costretti a venderlo dopo tale data. E' come quando vai MW il giorno prima dell'uscita di un CD, lo vedi lì a terra ma non puoi acquistarlo se non il giorno dopo...
    non+autenticato
  • Infatti in Russia un anno fa sono apparsi sugli scaffali i Cd con la copia "rubata" e compilta di Half Life 2 (che in seguito a questo furto ritardò l'uscita di un anno... anzi, deve ancora uscire).

    non+autenticato
  • Ma era finita, scusa? Hanno rubato la sola copia che avevano?
    Che io sappia quei sorgenti non erano completi, ed infatti ci stanno lavorando ancora su da più di un anno.

    Infatti in rete non ho mai visto una pseudodemo fatta da quei sorgenti.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Infatti in Russia un anno fa sono apparsi
    > sugli scaffali i Cd con la copia "rubata" e
    > compilta di Half Life 2 (che in seguito a
    > questo furto ritardò l'uscita di un
    > anno... anzi, deve ancora uscire).

    Veramente avevano rubato parte del motore grafico, mica tutti i sorgenti... è cosi che nascono le "leggende metropolitane", dicendo le ca***te!A bocca aperta
    non+autenticato
  • e che vorreste dire, che linux è gratis o costa poco e windows è craccato?

    si, è vero, il CD del pinguino è gratis (si trova nelle riviste), ma il resto no... per rendere un po' utile una macchina con linux, bisogna investire infatti migliaia di euro in sistemisti e tecnici truffaldini...

    evidentemente in russia sono tutti degli smanettoni

    Fan Windows Fan Apple
    non+autenticato
  • > si, è vero, il CD del pinguino
    > è gratis (si trova nelle riviste), ma
    > il resto no... per rendere un po' utile una
    > macchina con linux, bisogna investire
    > infatti migliaia di euro in sistemisti e
    > tecnici truffaldini...

    Ho guardato sulle pagineGGialle e alla voce "Sistemisti e tecnici truffaldini" ce ne sono un sacco.
    Tutti dicono che lo fanno per windoz, linuss e anche appelò.
    non+autenticato
  • > si, è vero, il CD del pinguino
    > è gratis (si trova nelle riviste), ma
    > il resto no... per rendere un po' utile una
    > macchina con linux, bisogna investire
    > infatti migliaia di euro in sistemisti e
    > tecnici truffaldini...
    Invece mettiamo win in mano ad un contadino russo e questo creera una rete perfettamente funzionante e una fabbrica leeder nel settore.
    Si, certo, come no.

    Spero che tu non voglia mettere su una fabbrica, perché se pensi che comprare win sia non aver bisogno di tecnici e sistemisti costosi, sei un'illuso, la tua rete crollerà in men che non si dica.
    Un sistemista win costa meno e deve lavorare MOLTO di più per stare dietro alle falle di win.

    > evidentemente in russia sono tutti degli
    > smanettoni
    Se per smanettone si intende uno che legge un manuale ed un libro, direi che non é difficile.
    Anche perché se un russo ha un computer ha abbastanza soldi e probababilmente é andato a scuola.

    Ma se per smanettone intendi sistemista, hai una concezione troppo alta di smanettone.
    non+autenticato
  • Eh gia`, perche` con windoze fai tutto gratis e i tecnici vengono a lavorare per te solo per la gloria.

    Pero` per i mac hai ragione, e` vero che i tecnici costano l'iradiddio (giustamente, ci vogliono 3 lauree ed un master per poter programmare sul Mac) pero` in realta` non ne hai mai bisogno, ti hanno gia` fatto pagare tutto quando hai comprato il MacA bocca aperta

    Riguardo ai tecnici truffaldini, non posso che essere d'accordo. Qualche azienda comincia ad essere stufa di pagare tecnici che conoscono windoze tanto quanto il figlio 15enne del mio vicino di casaPerplesso

  • - Scritto da: Anonimo
    > e che vorreste dire, che linux è
    > gratis o costa poco e windows è
    > craccato?
    >
    > si, è vero, il CD del pinguino
    > è gratis (si trova nelle riviste), ma
    > il resto no...

    cos'è IL RESTO ?

    > per rendere un po' utile una
    > macchina con linux, bisogna investire
    > infatti migliaia di euro in sistemisti

    cioè in gente che ha imparato l'uso diun sistema serio e non quello che passa il "convento" del monopolio.

    impara a usare sistemi seri e non sbambocciate per cuccioli. vedrai che le migliaia di euro te le guadagni pure tu


    > e
    > tecnici truffaldini...

    sei pronto a confrontari in tribunale per questa maialata che hai vomitato?

    non+autenticato
  • Scarico continuamente file da internet: mp3, avi, mpg... centinaia di giga.
    Eppure, su nessun file c'è il bollino siae che indentifica un'opera protetta, e da nessuna parte c'è scritto "vietata la copia" o "solo per visione privata" eccetera. Ergo, si tratta solo di lunghe file virtuali di bit, e non si commette alcun reato a copiarle o condividerle.

    tanti saluti dal mondo fisico reale...

    non+autenticato
  • > Scarico continuamente file da internet: mp3,
    > avi, mpg... centinaia di giga.
    > Eppure, su nessun file c'è il bollino
    > siae che indentifica un'opera protetta, e da
    > nessuna parte c'è scritto "vietata la
    > copia" o "solo per visione privata"
    > eccetera. Ergo, si tratta solo di lunghe
    > file virtuali di bit, e non si commette
    > alcun reato a copiarle o condividerle.

    Sto allo scherzo e ti rispondo: cazzarola, a metterla così anche i libri non sono altro che puntini d'inchiostro su fogli di carta, un quadro altro non è che sputacchi di colore su una tela, i quattrini che TU hai in banca (io non ne ho) sono semplicemente ghirigori buttati qua e la' su un rettangolo...

    Seriamente, ti dico: SE esiste una legge qualsiasi che ti impone l'osservanza di una regola, poco importa che vi sia o meno un bollino che te lo ricorda...

    ... altrimenti si dovrebbe considerare reato SOLO il furto compiuto dove viene messo in bella mostra l'avviso "VIETATO RUBARE"... chissà, magari adesso mi brevetto l'dea e ci faccio soldi a pacchi (sempre che qualcuno non me la rubi... cavolo, mi sto inluppando...)


    > tanti saluti dal mondo fisico reale...

    Salutami i sette nani...
  • A parte il tono paradossale, UNA DIFFERENZA tra quello che dice lui (i bit) e quello che dici tu negli esempi (libri, ecc.) C'E' ECCOME !

    Nel primo caso la "copia dei bit" è come l'idea: se io do una mia idea a te e tu dai una tua idea a me, alla fine entrambi abbiamo 2 idee (ovvero 2 copie dei bit).

    Nei casi "fisici" si ha la sottrazione di un bene fisico, se io do un mio libro a te e tu dai un tuo libro a me, alla fine entrambi abbiamo 1 libro.

    Il primo caso non è come il secondo caso, nel primo caso posso sostenere che non c'è sottrazione di alcunchè.

    Chiaro no ?

    non+autenticato
  • > A parte il tono paradossale, UNA DIFFERENZA
    > tra quello che dice lui (i bit) e quello che
    > dici tu negli esempi (libri, ecc.) C'E'
    > ECCOME !
    >
    > Nel primo caso la "copia dei bit" è
    > come l'idea: se io do una mia idea a te e tu
    > dai una tua idea a me, alla fine entrambi
    > abbiamo 2 idee (ovvero 2 copie dei bit).
    >
    > Nei casi "fisici" si ha la sottrazione di un
    > bene fisico, se io do un mio libro a te e tu
    > dai un tuo libro a me, alla fine entrambi
    > abbiamo 1 libro.
    >
    > Il primo caso non è come il secondo
    > caso, nel primo caso posso sostenere che non
    > c'è sottrazione di alcunchè.
    >
    > Chiaro no ?

    Chiarissimo. E' chiaro che tu non hai la più pallida idea di cosa siano i diritti d'autore per le opere d'ingegno.

  • - Scritto da: Anonimo
    > Scarico continuamente file da internet: mp3,
    > avi, mpg... centinaia di giga.
    > Eppure, su nessun file c'è il bollino
    > siae che indentifica un'opera protetta,

    proprio per questo sono illegali

    > e da
    > nessuna parte c'è scritto "vietata la
    > copia" o "solo per visione privata"
    > eccetera.

    perché? se tu duplichi un cd ci scrivi sopra "vietata la copia"?

    > Ergo, si tratta solo di lunghe
    > file virtuali di bit, e non si commette
    > alcun reato a copiarle o condividerle.

    scommetto che se fossi artista o programmatore la penseresti diversamente

    > tanti saluti dal mondo fisico reale...

    Vai a lavorare e guadagnati quello che ti serve senza "rubare"...

    bye
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 29 discussioni)