Video editing supersonico sui Mac G4

Apple ha rilasciato la nuova versione di Final Cut Pro, un potente software di video editing in grado di stillare ogni singola goccia di potenza dai Power Mac G4

Milano - Uno dei più apprezzati software per il video editing su piattaforme Mac, l'Apple Final Cut Pro, giunge alla versione 1.2.5 ed introduce interessanti novità soprattutto sul piano delle prestazioni.

Quest'ultima versione del software è infatti ottimizzata per piattaforme Power Mac G4 di cui è in grado di sfruttare il "Velocity Engine", nome sotto il quale si nasconde un'unità a 128 bit che implementa le istruzioni estese AltiVec di Motorola. Grazie a questa nuova iniezione di potenza Final Cut Pro può contare su funzioni di rendering migliorate ed un più potente video capture.

Le altre migliorie riguardano il supporto per il capturing, l'editing e l'esportazione di video in formato widescreen 16:9, la modalità YUV per mantenere i valori del segnale sorgente originale, l'introduzione di nuovi filtri audio reverb, il supporto PAL, la possibilità di importare file Macromedia Flash e, infine, la funzione "make reference movies", che ottimizza il tempo di rendering e lo spazio su disco riducendo al massimo la grandezza dei file e impiegando dei puntatori sui file sorgente.
La qualità, si sa, esige il suo prezzo, che in questo caso è di 2.529.000 IVA compresa: una somma che consente di portarsi a casa tutto il pacchetto Final Cut Pro 1.2. Per chi è già cliente può invece scaricare l'aggiornamento gratuito alla versione 1.2.5 presso il sito di Apple.
TAG: apple