NetWare si evolve con Linux

Novell ha forgiato la prima versione beta di una piattaforma, Open Enterprise Server, con cui spera di far leva sull'unione di NetWare e Linux per erodere il mercato enterprise di Microsoft

Milano - Novell ha annunciato la versione beta di Open Enterprise Server (OES), un framework che integra il vecchio sistema operativo proprietario dell'azienda, NetWare, con il giovane acquisto SuSE Linux Enterprise Server 9.

OES fornisce un'interfaccia di gestione comune ai due sistemi operativi che permette all'utente di amministrare servizi di networking, di comunicazione, di collaborazione nonché applicazioni indipendentemente dalla piattaforma software su cui questi girano.

"OES, che al suo interno contiene l'ultima versione di NetWare, include tutto ciò che un cliente può desiderare da NetWare, con in più il pieno supporto per Linux e i servizi open source su Web e per le applicazioni", ha affermato Jack Messman, chairman e CEO di Novell. "Gli utenti possono scegliere di implementare i propri servizi sia su NetWare sia su SUSE LINUX Enterprise Server o su entrambi, e persino in ambienti misti con server Windows".

Messman sostiene che OES sia "una valida alternativa aperta e flessibile a Microsoft", lo stesso colosso che negli anni '90 spinse Novell in una piccola nicchia del mercato enterprise. Ora Novell spera di ribaltare la situazione e tornare, grazie all'inedita accoppiata NetWare/Linux, a erodere quote di mercato aziendale all'antica rivale. La società afferma che, fra i tester che nei prossimi 18 mesi faranno girare OES, il 48% ha intenzione di sostituire Windows 2000/2003 con Linux: i motivi di tale scelta sarebbero da imputare alla ricerca di maggiore stabilità e al desiderio di tagliare i costi.
Novell afferma di aver dedicato al beta testing di OES il più ampio team di tester mai utilizzato nella propria storia.

Oltre al supporto per le applicazioni basate su Linux, i servizi di rete di OES che operano su NetWare e il kernel Linux includono i servizi di file e stampa iFolder, Storage Services, NetStorage e iPrint; i servizi di identità di eDirectory; la tecnologia Novell Clustering; i servizi di installazione e gestione delle patch ZENworks; gli strumenti di gestione e amministrazione dei sistemi di iManager.

"L'acquisizione di SuSE Linux da parte di Novell rappresenta una pietra miliare poiché offre alle organizzazioni IT la completa libertà di scelta delle tecnologie open source", ha affermato Gorge Weiss, vice president e analista di Gartner. "Con il crescente utilizzo di Linux nelle aziende, questa tipologia di prodotti può accelerare l'adozione di Linux attraverso software proprietari e open source all'avanguardia quale parte di una gamma di software integrati".
7 Commenti alla Notizia NetWare si evolve con Linux
Ordina
  • Questa è l'ennesima prova che Novell sta facendo sul serio!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Questa è l'ennesima prova che Novell
    > sta facendo sul serio!


    Me lo auguro davvero: le potenzialità non mancano sicuramente!
    ... speriamo riescano a convincere molti sysadmin "pigri".....
    Fan Linux
    non+autenticato
  • Speriamo. Ho dei bellissimi ricordi di NW come file e printer server compensati da pessimi ricordi come application server .... l'ingresso di linux dovrebbe però colmare le lacune
    L'accoppiata linux + servizi di directory di Novell deve essere senza dubbio tecnicamente superiore a Windows più AD ma non sempre vince il migliore ...

  • - Scritto da: doppiaemme
    > Speriamo. Ho dei bellissimi ricordi di NW
    > come file e printer server compensati da
    > pessimi ricordi come application server ....
    > l'ingresso di linux dovrebbe però
    > colmare le lacune
    > L'accoppiata linux + servizi di directory di
    > Novell deve essere senza dubbio tecnicamente
    > superiore a Windows più AD ma non
    > sempre vince il migliore ...

    Oggi linux sta' sfondando. Se ti attacchi a lui hai un traino incredibile.
    Considerando che oggi Novell vende e consulenza, il traino in questione e' perfetto.

    I servizi che riguardano Zen Works, non solo ti permetteranno di gestire i client Linux, da un server linux, ed i server Linux, sempre dallo stesso server Linux [ con una gestione stabile, semplice, completa, senza i rischi di totale crash all win32] :
    ma ti permetteranno INOLTRE di gestire l'intero parco macchine attuali che abbiano win95, 98, 2K pro, Xp Pro.

    Tutta l'installazione del sw gestita da un'unica entita', gestendo tutto il sw, sia per l'installazione, che la disinstallazione, in remoto, schedulata/ pianificata, sia che hai 10 pc , che ne hai 200.000 sparsi per tutta la costa occidentale dell'america.

    Chiedi oggi a microsoft un tool per installare Opera in rete, o una patch non microsoft, che NON ha magari un programma di installazione. Gentilmente ti risponderanno di buttare via tutto cio' che possiedi, rimpiazzandolo con una rete di pc win2k o winxp. Anche se magari quello che hai e' un mix di win95, 98., win2k, winxp.
    non+autenticato
  • quoto in toto paole sante

    Peccato che quando da noi passammo da NW 5.x a Windows NT ed io parlai di downgrade i miei boss mi risero dietro dicendomi che NW 5.x era a riga di comando invece NT aveva le finestre. Ora con 2000 + AD ci tocca pure comprare un altro SW per gestire le installazioni di patch sulle ws ....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Questa è l'ennesima prova che
    > Novell
    > > sta facendo sul serio!
    >
    >
    > Me lo auguro davvero: le potenzialità
    > non mancano sicuramente!
    > ... speriamo riescano a convincere molti
    > sysadmin "pigri".....
    > Fan Linux

    Ahahahah!

    Non sono i sysAdmin quelli da convincere, ma chi decide le piattaforme da utilizzare!!!

    Quanti pensati si fideranno di Novell?

    Quanti sviluppatori sw pensate che si fideranno a sviluppare su una piattaforma che dal nulla dovrebbe "erodere" quote di mercato?

    Io non ci scommetterei nemmeno 2 Euro!
    non+autenticato

  • >
    > Ahahahah!
    >
    > Non sono i sysAdmin quelli da convincere, ma
    > chi decide le piattaforme da utilizzare!!!
    >
    > Quanti pensati si fideranno di Novell?
    >

    Quelli che adesso sono soffocati dalla stretta sempre più forte delle licenze MS.
    E Novell conserva intatta la valenza tecnologica nel settore, conquistata sul campo negli anni passati.
    non+autenticato