E-gov spazzato via dalla Finanziaria?

Questo il timore degli esperti dopo l'allarme lanciato dal CNIPA: mancano quasi 780 milioni di euro per alimentare i numerosi progetti di governo elettronico

Roma - Alcuni dei più importanti progetti di governo elettronico italiano, il cosiddetto e-government, potrebbero finire nel vasto mondo dei "desiderata" e non conoscere mai la luce.

Ad affermarlo sono alcuni esperti che da molto tempo, sotto la spinta del dipartimento all'Innovazione, stanno seguendo da vicino l'evoluzione dell'e-gov italiano che, come noto, mette assieme risorse nazionali e locali per fornire ai cittadini trasparenza amministrativa e una gamma di nuovi servizi.

Il timore che il "giochino" a cui si attribuisce la possibilità di rivoluzionare la pubblica amministrazione possa rompersi si deve all'allarme lanciato nei giorni scorsi dal CNIPA. Il braccio informatico del Governo ha infatti sottolineato che per completare i progetti già avviati nel campo dell'informatizzazione della pubblica amministrazione all'appello mancano 778 milioni di euro.
Secondo il CNIPA, che ha presentato la propria relazione annuale, è necessario che si proceda al rifinanziamento di quel Fondo per l'innovazione tecnologica che, pur non disponendo di risorse enormi, ha fin qui consentito di mettere in campo strategie a lungo termine. Si tratta di denari necessari, anzi "essenziali" nel linguaggio del CNIPA, per tutto quello che va dalla formazione dei dipendenti pubblici alla dotazione di risorse informatiche.

L'avvertimento del CNIPA è arrivato proprio nei giorni di una importante conferenza a Firenze sull'e-gov durante la quale, peraltro, sono stati evidenziati una serie di passi avanti su vari fronti, in primis quello dei rapporti tributari tra aziende e Stato.

Come noto, in queste settimane è in discussione in Parlamento la manovra finanziaria di cui proprio nei giorni scorsi il ministro all'Economia Siniscalco ha presentato i punti essenziali. Tra questi non spicca, appunto, l'e-gov.
TAG: italia
18 Commenti alla Notizia E-gov spazzato via dalla Finanziaria?
Ordina
  • Ogni manovra finanziaria da un po' di anni a questa parte è farcita di tagli, che servono a recuperare i soldi che non entrano perchè le tasse sono state abbassate.

    La domanda è: perchè non tagliano lo scandaloso contributo ai decoder digitale terrestre? perchè non quello ridicolo ad ADSL (75 euro che gli operatori si sono affrettati a chiamare "spese di attivazione" e che comunque sarebbero state abbuonate anche in assenza del contributo)?
    Perchè non ritirano le truppe da quel fottuto pantano che è diventato l'Iraq (250 milioni di euro ogni 6 mesi!!!!!!!!)?

    Quando mi faccio queste domande mi viene in mente una sola risposta: ma vaffanc.....
  • Perche' i parlamentari non si riducono lo stipendio?
    Perche' il loro e' l'unico stipendio che aumenta ogni sei mesi?
    Perche' i sacrifici dobbiamo sempre farli noi e non i politici?
    non+autenticato
  • alla fine mi ritrovo a svolgere mansioni e compiti che vanno al di fuori di tutte le mie competenze informatiche.venduti a basso prezzo all'utente che a suo piacimento decide cosa come e quanto sfruttarti
    ti ritrovi in mezzo a una strada sottopagato,svenduto,sfruttato,in balia di un appalto che dovrà essere rinnovato e ricontrattato,lavori con gente che pur affiancandoti guadagna il doppio di te.
    tu per contro devi fare buon viso a cattivo gioco,far finta di essere della s....o della g.....sennò va tutto a friggersi e ti ritrovi tra l'incudine e il martello.
    la mia situazione è di tanti consulenti come me che vengono venduti e alla fine si ritrovano a fare cose che non sono di loro competenza solo per soddisfare il cliente.
    l'informatica italiana è a pezzi,troppi squali hanno mangiato.
    serve una riorganizzazione.
    ma siamo noi che dobbiamo muovere il mercato.finchè accetteremo di essere sfruttati e malgestiti,ma sopratutto svenduti saremo destinati a scomparire.
    non+autenticato
  • > l'informatica italiana è a
    > pezzi,troppi squali hanno mangiato.
    > serve una riorganizzazione.
    > ma siamo noi che dobbiamo muovere il
    > mercato.finchè accetteremo di essere
    > sfruttati e malgestiti,ma sopratutto
    > svenduti saremo destinati a scomparire.
    Purtroppo i fascisti sono troppo intenti a battagliare contro i comunisti per essere patriottici e i comunisti vestono in chachemire e stanno attenti solo all'iraq.
    Come vedi, esclusa la classe politica ignorante ci restano solo gli imprenditori italiani arretrati e non aiutati e gli squali stranieri che col capitalismo ci stanno più lontani di Marx.

    Non la vedo rosea.
    Bisognerebbe aver un pò di amor patrio, ma quello scarseggia...
    non+autenticato
  • Tutti i soldi che vengono investiti vanno a finire in mano dei 4 scagnozzi mafiosi che detengono il giro delle gare di appalto.Siemens, Getronics, HP etc. etc...
    Parco macchine che fa cagare, assistenza offerta da utonti appena presi a contratto con 600 euro al mese schiavizzati senza formazione fino all'inverosimile!!
    Beh! se i soldi delle mie tasse devono finire in mano a questi sciacalli...meglio allora che si continua con penna e taccuino...in quest'Italia da brodo primordiale seconda anche al Sud Africa.
  • e l'informatizzazione estesa sarebbero trainanti nel settore informatico, che in Italia e' decisamente in crisi, creerebbero valore e lavoro, oltre che migliorare i servizi e la qualita' degli stessi.
    Ovvio che deve essere un processo pianificato e di lunga veduta, sicuramente non semplice ne immediato; in sostanza ci vogliono attributi, capacita' e lungimiranza.
    Ma purtroppo si preferisce dare la priorita' alla tivvu' digitale, ai decoder in tutte le case, all'assurdo e costosissimo ponte sullo stretto ......... probabilmente c'e' piu' interessi a fare queste cose.
    non+autenticato
  • e della campagna di promozione sui PC per le famiglie a bassissimo reddito.
    Ecco con che lungimiranza siamo governati.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > e della campagna di promozione sui PC per le
    > famiglie a bassissimo reddito.
    > Ecco con che lungimiranza siamo governati.

    I decoder era "necessario" regalarli perche' interessano alle aziende del premier...(il famoso conflitto di interessi che anche ill governo precedente ha avuto paura di "regolamentare").
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)