Wind riduce il Web per infilarlo nei cellulari

Sfrutta la tecnologia Ericsson per consentire il caricamento di pagine web senza immagini, Java e orpelli vari

Roma - Se la calma piatta che circonda il WAP non lo imponeva, con l'arrivo del GPRS la questione a quanto pare non può essere rimandata; così Wind ha adottato ufficialmente la tecnologia WebOnAir di Ericsson per consentire un più veloce caricamento delle pagine web sui telefonini GSM o GPRS dei propri utenti.

Il servizio si chiama WindFly, non presenta costi aggiuntivi per l'utente, ma ha lo scopo di eliminare i codici Java, ridurre la pesantezza delle immagini e degli altri elementi presenti nelle pagine web che possano ridurre la velocità di connessione via wireless.

Il tutto si dovrebbe tradurre, secondo l'azienda dell'Arancia, in una più facile navigazione per gli utenti e in un risparmio, vista la "velocizzazione" dei collegamenti. WindFly, afferma l'azienda, offre gratuitamente un proxy per il browser e filtri personalizzabili di compressione delle pagine web che consentono di:
- eliminare le immagini nelle pagine
- modificare la qualità delle immagini
- cambiare le dimensioni delle immagini
- visualizzare immagini a colori o bianco e nero
- eliminare java script e applet java
Chi "naviga" con il GSM Wind avrà come sempre la tariffa calcolata a tempo collegandosi al numero 5588. Chi naviga con Wind da PC deve registrarsi presso InWind, mentre chi naviga da cellulare GPRS avrà una tariffazione "a volume" di traffico dati: riducendo la quantità di byte scaricati si ridurrà, dunque, anche il costo del servizio.
9 Commenti alla Notizia Wind riduce il Web per infilarlo nei cellulari
Ordina