Un brevetto scuote il mercato degli LCD

Sono pi¨ di 30 le societÓ accusate da Honeywell di violare un suo brevetto relativo ai display LCD, proprietÓ su cui l'azienda americana spera di ora di costruire una fortuna

Phoenix (USA) - ╚ una vera e propria raffica di querele quella che, partita da Honeywell, negli scorsi giorni ha raggiunto oltre una trentina di grandi venditori o produttori di display LCD di tutto il mondo, tra cui Apple e Dell. In un documento presentato lo scorso mercoledý presso la Corte Distrettuale del Delaware, la societÓ americana ha spiegato che tutte le societÓ citate in tribunale infrangerebbero un suo brevetto relativo alla costruzione dei display a cristalli liquidi.

Il brevetto citato da Honeywell porta il numero 5.280.371 ed Ŕ stato registrato nel 1992 presso lo U.S. Patent Office. Intitolato "Diffusore direzionale per un display a cristalli liquidi", il brevetto descrive una tecnologia per migliorare la luminositÓ delle immagini "senza richiedere ulteriore energia elettrica" e per "ridurre la comparsa sullo schermo di un fastidioso pattern d'interferenza chiamato "effetto Moire"".

Honeywell afferma di aver originariamente sviluppato tale tecnologia per l'industria aerospaziale, applicandola ai monitor LCD posizionati all'interno delle cabine di pilotaggio degli aerei.
Nei documenti presentati da Honeywell presso il tribunale si legge che "almeno alcuni schermi LCD prodotti, importati, messi in vendita o venduti" da una delle 34 societÓ denunciate violerebbero il proprio brevetto. L'azienda ha chiesto alla corte un'ingiunzione che impedisca a queste aziende di continuare a produrre o distribuire tali prodotti, chiedendo poi "un adeguato compenso per i danni subiti". Considerando il numero e il calibro delle aziende coinvolte nella causa, la somma pretesa da Honeywell a titolo di risarcimento danni - che verrÓ resa nota in una futura udienza - potrebbe essere ingente.

Le societÓ contro cui Honeywell ha sporto denuncia sono, oltre a quelle giÓ citate, Argus, Audiovox, Kodak, Kyocera, Concord Camera e varie unitÓ operative o succursali di Casio, Fuji, Fujitsu, Matsushita/Panasonic, Navman, Nikon, Nokia, Olympus, Pentax, Sanyo, Sony e Toshiba. Come si pu˛ notare, fra queste societÓ ve ne sono diverse che producono videocamere e fotocamere digitali.
TAG: mercato
44 Commenti alla Notizia Un brevetto scuote il mercato degli LCD
Ordina
  • Basta fare una legge che dice che se viene pubblicata apertamente una ricerca, allora nessuno può più reclamare il brevetto se non lo fa entro 1 anno.

    Problema risolto! Ma a quanto pare conviene di più nascondere le proprie ricerche tutti in coro, e pagare quando fanno causa.
    non+autenticato
  • Ma che bella invenzione il copyright:
    ti servono soldi?
    non hai idee?
    denuncia qualcuno dicendo che ti ha fregato un'idea!
    E' la moda di questi giorni.


    Ma andassero tutti affan...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma che bella invenzione il copyright:
    > ti servono soldi?
    > non hai idee?
    > denuncia qualcuno dicendo che ti ha fregato
    > un'idea!
    > E' la moda di questi giorni.
    >
    >
    > Ma andassero tutti affan...

    ti sei mai domandato perché il giappone, un territorio vasto poco più dell'italia, ma con il doppio della popolazione e oltre, in un paese che come unica risorsa offre soltanto del pesce (che per altro neanche cucinanoA bocca aperta ), riesce alla fine ad avere un pil pro capite superiore del 50% al nostro?
  • E' molto piu' conveniente brevettare di nascosto che andare sul mercato e rischiare.

    Gia' mi vedo le startup company del brevetto bastardo. Si fa ricerca grossolana, anzi, si sgama dove vanno gli altri. Scaracchi (depositi) un tot di brevetti in silenzio e infiltri un tirapiedi, finto fuoriuscito (pieno di idee !!), in una major, quelli ci cascano, sviluppano e vanno sul mercato.
    Lasci passare un tot poi gli scendi il brevetto e te li ingroppi tutti.

    Figata !

    Il problema e': chi ci crede ??
    Anzi, chi ci crede alzi la mano.
    Tutti gli altri, per cortesia, si diano da fare.
    Se no ci fottono.

    Osso di Seppia
    non+autenticato
  • .........è sicuro che ti paga, non prima però di aver riscosso dalla SUN, la quale a sua volta pagherà con quello che M$ le diede per il java...................e via dicendo......



    Era come dicevo qualche giorno fa, questi grandi colossi si autodistruggeranno, non passa giorno che qualcuno chiede soldi per un ipotetico brevetto presunto.......


    ma poi possibile che se ne siano accorti solamente adesso o semplicemente li hanno lasciati fare per poter poi battere cassa più facilmente???




    Che significa " almeno alcuni"??? Ma questi le prove le hanno o vanno a tentativi????????
    non+autenticato

  • > ma poi possibile che se ne siano accorti
    > solamente adesso o semplicemente li hanno
    > lasciati fare per poter poi battere cassa
    > più facilmente???

    In america li chiamano submarine patents. Prima si aspetta che la tale tecnologia sia adottata in massa con investimenti etc. Poi si sventola il brevetto e si batte cassa. In paesi civili chi si azzarda a fare robe del genere dovrebbe andare dentro per estorsione, imho.
  • In qualsiasi caso vada a finire saranno comunque e sempre gli utenti finali che pageranno sia la multa che il brevetto!
    A buon intenditore ben poche parole.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 16 discussioni)