Dialer, PlugIt non ci sta

Le sanzioni decise dall'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni non vanno giù al management dell'azienda, che preannuncia ricorsi

Roma - Più di 3 milioni di euro. Questa la sanzione decisa contro PlugIt nei giorni scorsi dall'Autorità TLC, una multa che non va giù alla società.

PlugIt, da mesi ribattezzata Eutelia, ha infatti da un lato sottolineato di non aver ancora ricevuto alcuna notifica di alcunché ma ha anche dichiarato che si riserva di difendersi in tutte le sedi più opportune, ritenendo ingiusta la deliberazione dell'Autorità. In ballo, come noto, l'annosa questione dei dialer, i programmi gonfiabolletta.

Secondo Eutelia l'Autorità ha sparato ma ha sbagliato il suo obiettivo. Anziché prendere di mira chi forniva in modo fraudolento i contenuti su Internet, ha spiegato Eutelia, l'AGCOM ha preferito aggredire "gli operatori titolari dei codici 709". Secondo Eutelia, PlugIt ha seguito le regole: "Gli scaglioni tariffari 709 utilizzati dagli operatori erano riportati in offerte di interconnessione di riferimento pubbliche, regolarmente approvate dall'Autorità".
In uno statement, Eutelia se la prende anche con le dichiarazioni del commissario dell'AGCOM relatore del provvedimento di sanzione, Alessandro Luciano, spiegando che "il tenore delle dichiarazioni appare di una durezza senza precedenti e irrazionale".

Come si ricorderà, Luciano aveva descritto le sanzioni come necessarie per "tutelare l'utenza contro quei comportamenti illegali che gettano discredito sul settore delle tlc, minandone lo sviluppo". Stando all'azienda è inappropriato parlare di "comportamenti che minano lo sviluppo del settore" in riferimento ad una società che è impegnata "in un processo di espansione anche attraverso l'acquisizione di aziende di telecomunicazioni in difficoltà economiche ed occupazionali".
10 Commenti alla Notizia Dialer, PlugIt non ci sta
Ordina
  • Path: news3.tin.it!news-out.tin.it!news-in.tin.it!newsrm.news.garr.it!NewsITBone-GARR!nntp.eutelia.it!news.edisontel.com!53ab2750!not-for-mail
    From: "Annunci"
    Newsgroups: it.comp.giochi
    Subject: *** Suonerie e Loghi x cellulari tramite SMS ***
    Lines: 8
    X-Priority: 3
    X-MSMail-Priority: Normal
    X-Newsreader: Microsoft Outlook Express 5.50.4133.2400
    X-MimeOLE: Produced By Microsoft MimeOLE V5.50.4133.2400
    Message-ID:
    Date: Sun, 28 Nov 2004 17:47:35 +0100
    NNTP-Posting-Host: 62.94.130.61
    X-Complaints-To: news@edisontel.com
    X-Trace: news.edisontel.com 1101660756 62.94.130.61 (Sun, 28 Nov 2004
    17:52:36 MET)
    NNTP-Posting-Date: Sun, 28 Nov 2004 17:52:36 MET
    Organization: EdisonTel SpA
    Xref: news-in.tin.it it.comp.giochi:5226908
    X-Received-Date: Sun, 28 Nov 2004 17:52:41 MET (news3.tin.it)

    *** Suonerie e Loghi x cellulari tramite SMS ***

    http://popstar.48281.com/

    Tiziano Ferro, Duran Duran, Maroon 5, Renga, Vasco Rossi, ecc...


    l'ip 62.94.130.61 corrisponde a eutelia spa ex. Plug It Spa
    48281.com è registrato da A-TONO S.R.L. di Milano VIA AMEDEI 15 -
    MILANO
    non+autenticato
  • Tutti fanno a gara a stracciarsi le vesti sul tema DIALER
    (la colpa e' di telecom...... di Eutelia......... degli utenti....... dell'authority........ del Ministero delle Comunicazioni   -   che è forse l'unico vero responsabile......)
    MA NEL FRATTEMPO Telecom Italia AUTORIZZA e PROMUOVE l'utilizzo di dialer nei suoi documenti ufficiali, con tanto di bolli, e benedizioni ministeriali e dell'AGCOM.

    Sembra incredibile, eppure nell'OFFERTA DI RIFERIMENTO 2004 che chiunque puo' scaricare in formato PDF a questo LINK
    http://www.wholesale-telecomitalia.it/wsintranet/s...
    si dice chiaramente (a pagina 16) che l'operatore dovra' produrre FILE ESEGUIBILI CHE "DISCONNETTONO DAL FORNITORE DI ACCESSO AD INTERNET PER RICONNETTERLO CON NUMERAZIONI NON GEOGRAFICHE" (leggasi: 899 - oltre 2 euro al minuto oppure 12 euro flat)

    Ingenuamente (e con molta incompetenza) TELECOM ITALIA definisce tali FILE ESEGUIBILI (sarebbero i dialer) dei cosidetti "TROJAN HORSE" (che sono tutt'altra cosa, ma gli operatori, bonta' loro, NON SEGUONO l'invito di Telecom Italia a utilizzare addirittura dei virsu informatici, qualsi sono in realta' i Trojan Horse).

    Poiche' quanto detto era contenuto anche nelle Offerte di Riferimento 2003 e 2002, ERGO l'utilizzo dei dialer e' stato quantomeno PRESCRITTO e' non e' una fantasia dei Gestori tipo Eutelia, e tantomeno una "truffa" dei tanti Internet Provider che si sono impegnati in questo settore PERCHE' ATTIVAMENTE PROMOSSO DA TELECOM ITALIA E A SUO TEMPO APPROVATO DALL'AGCOM anche se ora con le "multe" vorrebbero RINNEGARE il loro operato.

    Intendiamoci: nulla di strano che accanto ad un Internet gratis ci siano dei siti a pagamento, soltanto la scelta delle tariffe e' stata infelicissima. Gli operatori avevano tutto l'interesse a far vivere questo mercato, non bruciarlo in un solo anno.
    se la tariffa 709 fosse stata limitata fra 50 cent e 1 euro al minuto, mettendo anche un adeguato limite massimo per ogni connessione, oggi nessun utente si lamenterebbe.





    non+autenticato
  • Il punto non sono i costi del servizio o i contenuti del servizio.

    Il punto e': gli utenti erano informati in modo chiaro dei costi del servizio? A me pare di no. Una postilla di 2pt a pie' pagina che dice "X.X euro al minuto" non mi sembra informazione fornita in buona fede.

    Per quanto riguarda la responsabilita': l'operatore ha adottato ordinaria buona condotta nei confronti dei clienti finali e buona fede durante i controlli nei confronti dei promotori?

    Lascio a voi la risposta, che a me sembra lampante...
    non+autenticato
  • La risposta e': no.
    non+autenticato
  • NO,HO VINTO QUALCHE CUSA? Sorride
    non+autenticato
  • aggredire "gli operatori titolari dei codici 709".

    certo, mi sembra giusto.

    Con chi se la dovevano prendere?
    Con i promotori che non c'entrano nulla con i proprietari dei 709 che hanno fatto lo scaricabarile delle LORO responsabilità su tutti i loro associati, dichiarando il falso?


    non+autenticato
  • Operando nel settore in tutta franchezza dico che se l'AGCOM vuol fare una multa, la dovrebbe fare a se stessa.
    Il 709 e' stato usato effettivamente per connettere ad internet, che poi durante la connessione venissero proposti dei contenuti non ci trovo nulla di sbagliato anzi direi che dato il prezzo della connessione e' il minimo che si potesse fare.
    Il problema e' che il 709 aveva un costo complessivo troppo elevato sia per i contenuti offerti sia a maggior ragione per la semplice connessione ad internet.
    Questi costi non sono stati decisi dai produttori di contenuti o dagl'internet service provider bensi dagli operatori di telefonia ed avvallati dall'AGCOM e dalla Telecom.

    Gli operatori del settore sono stati semplicemente obbligati ad usare tariffe sempre crescenti(si e' passati da 1,5 euro al minuto a 3 euro al minuto) dalla normale concorrenza, e' chiaro che basta che uno solo utilizza una tariffa piu' alta per spiazzare, con offerte pubblicitarie superiori, tutti gli altri.

    Questo settore esiste dal 1994 ed il costo massimo complessivo all'utente allora come fortunatamente oggi non poteva superare i 10,33 euro o le vecchie 20000 lire.

    Chi ha voluto quindi i 709?

    La telecom nel 2001 ha inviato una lettera che in sostanza diceva che per i servizi a valore aggiunto su internet bisognava usare il 709 in quanto era la numerazione appositamente studiata per la trasmissione dati.

    Nel 2003 si e' passati da una tariffa di 1,5 euro al minuto a 3 euro al minuto, questi aumenti sono stati approvati dall'AGCOM a cui evidentemente prima che i consumatori protestassero sembrava giusto che un utente pagasse 3 euro al minuto per connettersi ad internet(oggi fa le multe per delle tariffe che lei stessa ha approvato)

    Alla Telecom ovviamente questa cosa non dispiaceva in quanto per il servizio di fatturazione che svolge verso l'utente lei stessa percepisce una percentuale non inferiore al 10% dell'importo totale.

    Oggi ovviamente tutti fanno a scarica barile, l'agicom dice che e' colpa degli operatori di telefonia che hanno usato il 709 e per rafforzare l'ipotesi, li multa(ma a chi andranno questi soldi? Inoltre l'AGICOM e' autorizzato ad emettere delle sanzioni?)
    Gli operatori di Telefonia dicono che la colpa e' di alcuni centri servizi che hanno operato in modo poco pulito...il che in parte e' vero ma nulla e' stato fatto da parte loro per fermarli anzi visto il volume di minuti venivano contesi con reverse altissime.
    La Telecom si chiama fuori ma ugualmente pretende il pagamento delle chiamate che prima sull'onda mediatica consigliava di non pagare.
    Questo e' quanto....come diceva la telecom in un vecchio spot: Chissa cosa ci riserva il futuro!

    non+autenticato
  • Finiamola di nasconderci sempre dietro la frase: "chi ha voluto i 709" ?

    perchè non dici: "chi ha guadagnato con i 709"?

    Nessuno ti ha obbligato ad usarli, ovvio è, che se volevi guadagnare di più...

    per il resto, non ha più senso parlare dei "dialer", è finita un'era che non ritornerà più.

    E' giunto il momento di inventarsi qualcosa di nuovo, dei soliti "numeri a valore aggiunto".
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)