Ammonito sito dedicato a Fabrizio De André

Riportava alcuni spartiti e file MIDI realizzati in proprio. Lo spazio web dedicato al grande cantautore scomparso si piega ad una letterina della BMG Ricordi

Roma - Sarebbe sopraggiunta dalla Fondazione Fabrizio De André Onlus la segnalazione che avrebbe spinto BMG Ricordi a chiedere ad un sito dedicato al grande cantautore genovese di togliere dal proprio spazio web una quantità di materiali. Una situazione che ha suscitato l'attenzione di alcuni lettori che hanno scritto a PI.

Il condizionale è d'obbligo in quanto Punto Informatico, al momento, non ha ancora ricevuto risposta da BMG Ricordi in merito ad una lettera che avrebbe spedito al sito preso di mira, De André Tribute, per chiedere la rimozione di contenuti.

Stando al sito stesso, nei giorni scorsi l'azienda lo avrebbe accusato di riprodurre "senza le necessarie autorizzazioni, i testi e la musica di opere musicali dell'autore Fabrizio De André, per le quali la nostra società vanta i relativi diritti esclusivi di utilizzazione. Su tale sito viene offerta la possibilità di libero downloading di spartiti, testi, accordi e midi files delle predette opere.
Nell'evidenziarVi che il comportamento da Voi posto in essere, in assenza delle dovute autorizzazioni, costituisce un illecito sanzionato ai termini di legge, Vi invitiamo a cessare immediatamente l'illecita utilizzazione delle opere e a volerci dare un tempestivo riscontro a quanto comunicatoVi con la presente.
Distinti saluti.
BMG Ricordi Music Publishing S.p.A."
L'area download del sito è ora sostituita dal testo di questa lettera perché, evidentemente, i webmaster non intendono incrociare le spade, anzi gli avvocati, con BMG. Ciò non li ha comunque dissuasi dal replicare sulle pagine del sito:
"De André Tribute è nato solo, ed esclusivamente, per diffondere le canzoni, le poesie... l'opera di Fabrizio De André e pubblica info e media tratti da archivi privati e/o di pubblico dominio su base non periodica al solo scopo divulgativo e no profit.
DAT non ha mai pubblicato MP3 e i MIDI inseriti sono quasi tutti opera di un ragazzo che ho definito un vero talento musicale. Servivano esclusivamente a cantare le canzoni di Faber nell'apposita sezione "Canta Fabrizio". Anche gli accordi sono frutto dell'opera "amatoriale" svolta da diversi musicisti".

"Mi piacerebbe sapere - scrive Carlo F. a Punto Informatico - come si possa ritenere che quel tributo a De André, palesemente un atto di amore e non di interesse commerciale, si sia meritato una lettera del genere semplicemente per aver riportato alcuni testi, spartiti e alcuni spezzoni in formato midi di brani riprodotti amatorialmente e nello spirito del "fair use" descritto dall'articolo 70 della legge del 22 aprile 1941 n. 633".

Secondo il sito, l'opera di informazione sull'attività e la discografia del celeberrimo poeta e cantore italiano portata avanti in questi anni ha senz'altro stimolato la vendita di CD e altri materiali di cui, appunto, BMG Ricordi detiene i diritti.

"Ognuno tragga le conclusioni che vuole - concludono sconsolatamente i webmaster - Ciò che è dentro di noi ci appartiene... vive con noi".
TAG: censura
77 Commenti alla Notizia Ammonito sito dedicato a Fabrizio De André
Ordina
  • lo sapevate che i links della fondazione fabrizio de andre' portano a siti che contengono tutti materiale protetto dal diritto di autore? perche' solo con quel sito?
    non+autenticato
  • Sono stati anche "gentili" ad avvisare.
    C'è chi fa di molto peggio.

    Una casa editrice di fumetti ha se l'è presa con la webmistress di un sito (sito di fan della storia pubblicata in italia da quella casa editrice, e che pertanto fa pubblictà GRATUITA ad un prodotto di quella casa editrice).

    Se l'è presa non avvisando (coem del resto aveva fatto anche non mi ricordo più quale distribuzione linux, relativamente a prodotti di merchandaising ritraenti il loro logo), ma direttamente denunciando per violazione di copyright.

    E per rinforzare la dose sostenendo che vi fossero delle immagini pornografiche sul sito (cosa che io girando in lungo e in largo il sito, non ho mai visto. Ma a parte tutto: sarebbe reato?)

    E alle e-mail di rimostranza degli utenti del sito -e un po' di tutto il "mondo" degli appassionati di fumetti- (e-mail alcune effettivamente un po' esagerate o giuridicamente eccepibili, ma enso chenessuno dovrebeb stupirsi ... ) hanno risposto con un comunicato da parte di uno delle più note opersonalità di una loro controlata (o -non ho mai capito come stiano le cose- comuqnue una loro collegata) che
    "[La casa editrice] ha denunciato un sito perché:
    1) Tale sito stava commettendo azioni illegali e di violazione del copyrught. "

    Alla faccia della presunzione d'innocenza!!

    (oltre a varie affermazioni, tipo che loro avevano fatto pure la buona azioen di aver ritirato la denuncia in attesa della rispsota della webmistress -chiederla priam no, eh? - quando invece mi risulta che non solo non l'avessero fatto ... ma anzi sierano opposti alla rishieta d'archiviazione presnetata addirittura dal P.M.)

    Solo ora (dopo più di mezzo anno) ho saputo dalla webmistress che è stat adichiarata innocente (o da non processare -non so bene nel dettalgio giuridico fin dove di fosse spinto il processo).
    L poverina avrà certamente vissuto per mesi col patema, e ora dsi trova a dover pagare una salatissima parcella al proprio avvocato.





    non+autenticato
  • Come da oggetto.

    Continuano a rimetterci le nostre buone emozioni che ci permettono di superare le difficoltà della vita... quando dissero che era necessario riempire appena il sufficiente le pance per domare le masse, non ci hanno pero' detto che dovevamo scambiare le nostre emozioni per un pizzico di democrazia e che la democrazia sarebbe stata svuotata nella sua essenza nel giro di 50 anni... stavano meglio gli ateniesi!

    ...bella sòla.

    ciao

    Renton78
    non+autenticato
  • Il diritto d'autore (il copyright) su qualunque materiale non dovrebbe in alcun modo superare la lunghezza di vita dell'autore stesso (tranne case eccezionali di morte prematura, e in quel caso dovrebbe avere comunque in limite di gran lunga inferiore ai 70 anni).

    Infatti, i compensi ricevuti dopo la morte dell'autore servono solo ad ingrassare le case discografiche (editoriali, etc.) a scapito di TUTTI QUANTI.

    La musica in particolare, essendo un arte, dovrebbe essere resa accessibile a tutti... con giusto compenso se l'autore è vivo e GRATUITAMENTE se l'autore è morto (visto che dei soldi non se ne fa più nulla) [a meno di costi di produzione del supporto ed un eventuale PICCOLO compenso per il produttore].

    L'attuale durata del diritto d'autore (ben 70 anni dopo la morte dell'autore stesso) non solo è assolutamente ingiustificata, ma è anche dannosa per tutti noi che ci rende incapaci di usare/godere di tale arte e di usare tale arte come base per creare nuova arte.

    Questa legge va rivista tenendo FUORI dalle trattative le case discografiche e tutti quei sciacalli che sul diritto d'autore ci vivono (e non parlo certo degli autori a cui va una minima percentuale) senza fare alcunché tutto il santo giorno.

    È ora di smettere di regalare a questi signori i soldi per cui noi dobbiamo lavorare e spaccarci la schiena tutto il santo giorno.

    Bye,
    Luca
    non+autenticato
  • ma io proporrei due anni al massimo. In questi due anni vendi più che puoi i tuoi CD e la tua musica. Poi via, la copia diventa legale e tu autore campi di concerti o incidi altri CD. Se non sei capace e i soldi non ti bastano fai come tutti noi, te ne vai a lavorare....
    non+autenticato
  • Cito direttamente dall'articolo:

    "Ognuno tragga le conclusioni che vuole - concludono sconsolatamente i webmaster - Ciò che è dentro di noi ci appartiene... vive con noi"

    Suppongo che secondo BMG anche per cio' che e' "dentro di noi e vive con noi" NON APPARTIENE A NOI e pertanto che i webmaster paghino (per tenere dentro di loro la musica e le parole di De Andre) la "giusta" royalty!

    Non si fanno sconti!
    Chissa' cosa ne penserebbe l'autore se fosse ancora vivo! In lacrime
    Mi auguro che il suo fantasma visiti stanotte l'A.D. della Ricordi e che gli "ricordi" che tutto ha un limite anche la cupidigia!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 24 discussioni)