SCO lancia un sito anti-Groklaw

Il sito intende fornire informazioni sulle cause che contrappongono SCO a IBM e ad altre societÓ legate a Linux. Secondo SCO questo consentirÓ di bilanciare il punto di vista pro-Linux di cui soffre, a suo dire, Groklaw.net

Lindon (USA) - "Un sito con cui poter finalmente far sentire la nostra campana". E' con questo intento che il CEO di SCO Group, Darl McBride, ha annunciato l'imminente varo di prosco.net, una risorsa che nasce dichiaratamente in opposizione all'ormai celebre Groklaw.net, sito che, nato come un semplice blog amatoriale, Ŕ rapidamente divenuto la pi¨ importante fonte d'informazione sulle vicende legali che riguardano SCO e Linux.

Attraverso prosco.net, che debutterÓ il primo novembre, SCO intende fornire a comuni cittadini, professionisti e giornalisti tutta una serie di informazioni e documenti sulle cause che oggi la vedono contrapposta a IBM, Novell, Red Hat, Autozone e DaimlerChrysler, inclusi commenti, calendario delle udienze e testo delle mozioni presentate in tribunale. La societÓ di Lindon non ha tuttavia intenzione di mettere a disposizione del pubblico forum o altri strumenti per commentare il materiale pubblicato: "tali risorse - ha detto il boss di SCO - diverrebbero soltanto l'ennesimo strumento brandito dai nostri detrattori per tentare di sommergerci di critiche e diffamazioni".

"Fino ad oggi non c'Ŕ stato alcun sito che abbia correttamente riportato il nostro punto di vista in merito ai contenziosi legali che ci vedono protagonisti", ha affermato McBride. "E' ora che la gente senta anche la nostra campana".
McBride ha ammesso che prosco.net nasce soprattutto per bilanciare le informazioni "di parte" fornite da Groklaw.net che, secondo il massimo diregente di SCO, ha sempre duramente criticato ogni posizione presa dalla sua societÓ.

Groklaw.net, che non ha mai per altro nascosto la propria simpatia per la comunitÓ di Linux, Ŕ nato lo scorso anno su iniziativa di Pamela Jones, giurista oggi affiancata nel proprio lavoro di ricerca e analisi dei documenti legali da uno stuolo di volontari. Jones ci tiene a sottolineare come Groklaw.net sia rimasto per lei soltanto un hobby, una grande passione. Una passione che, tuttavia, sembra averla indirizzata anche in campo professionale, dove di recente ha assunto un ruolo dirigenziale all'interno della giovane societÓ newyorchese Open Source Risk Management.
TAG: mondo
16 Commenti alla Notizia SCO lancia un sito anti-Groklaw
Ordina
  • prosco.net mi pare ancora non sia proprio online... che se lo tengano in una intranet per bearsi delle loro nefandezze???
  • Dovrebbe essere online dal 1 novembre.
  • - Scritto da: Slurpolo
    > Dovrebbe essere online dal 1 novembre.

    Vista la situazione aziendale, il 2 novembre sarebbe più appropriato
    non+autenticato

  • - Scritto da: Quelo
    > - Scritto da: Slurpolo
    > > Dovrebbe essere online dal 1 novembre.
    >
    > Vista la situazione aziendale, il 2 novembre
    > sarebbe più appropriato

    Piu' che altro la domanda è: ci arriveranno al 2 novembre?
    non+autenticato
  • ma tanto che gli frega? al loro baldo manager interessano solo i dollari di zio bill
    non+autenticato
  • "Fino ad oggi non c'è stato alcun sito che abbia correttamente riportato il nostro punto di vista in merito ai contenziosi legali che ci vedono protagonisti", ha affermato McBride. "╚ ora che la gente senta anche la nostra campana".

    uhm......
    interessante.
    Forse pero' non gli e' venuto in mente che non frega un beneamato cazzo a nessuno del loro punto di vista?

    Speriamo che almeno nel loro sito web, scrivano quanto ScO chiude.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > "Fino ad oggi non c'è stato alcun
    > sito che abbia correttamente riportato il
    > nostro punto di vista in merito ai
    > contenziosi legali che ci vedono
    > protagonisti", ha affermato McBride.
    > "è ora che la gente senta anche la
    > nostra campana".
    >
    > uhm......
    > interessante.
    > Forse pero' non gli e' venuto in mente che
    > non frega un beneamato cazzo a nessuno del
    > loro punto di vista?
    >
    > Speriamo che almeno nel loro sito web,
    > scrivano quanto ScO chiude.

    Il loro punto di vista?
    Nel 2000 SCO, che era sull'orlo del fallimento, viene acquistata da Caldera.
    Nel 2001 Caldera annuncia di voler rilasciare anche il codice sorgente di SCO Unix sotto licenza GPL.
    Nello stesso periodo l'ex CEO di SCO (si proprio lui, il mitico Darl McBride), con i soldi di chi non si sa bene (M$) inizia la sua scalata a Caldera.
    Nel 2002 viene creato il consorzio United Linux: McBride, ormai padrone del campo, rinomina Caldera in SCO, facendo subito capire quale sarà la nuova linea aziendale.
    Il resto è cronaca......

    SCO non esiste più dal 2000, questa è solo un'invenzione di Microsoft.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > "Fino ad oggi non c'è stato alcun
    > sito che abbia correttamente riportato il
    > nostro punto di vista in merito ai
    > contenziosi legali che ci vedono
    > protagonisti", ha affermato McBride.
    > "è ora che la gente senta anche la
    > nostra campana".
    >
    > uhm......
    > interessante.
    > Forse pero' non gli e' venuto in mente che
    > non frega un beneamato cazzo a nessuno del
    > loro punto di vista?

    e tu che ne sai? a me interessa! mi sa che in sto forum ve la contate e ve la cantate da soli.
    non+autenticato
  • Fare un Blog! Ottimo!Sorride

    Brava sco!

    E la prossima mossa qual'è? Denunciare la Novell a Forum o chiedere aiuto al gabibbo?

    (A McBrà... stiamo raschiando il fondo del barile eh? Sorride )
    Terra2
    2332
  • - Scritto da: Terra2
    > Fare un Blog! Ottimo!Sorride
    >
    > Brava sco!
    >
    > E la prossima mossa qual'è?
    > Denunciare la Novell a Forum o chiedere
    > aiuto al gabibbo?
    >
    > (A McBrà... stiamo raschiando il
    > fondo del barile eh?Sorride )

    Potrebbero anche provare a vendere le licenze di Linux ricorrendo a Giorgio Mastrota, Roberto Da Crema e Wanna Marchi forse hanno più successo che con il loro ufficio legale.
  • - Scritto da: CalicoJack
    >> Brava sco!
    >> E la prossima mossa qual'è?
    >> Denunciare la Novell a Forum o chiedere
    >> aiuto al gabibbo?
    > Potrebbero anche provare a vendere le
    > licenze di Linux ricorrendo a Giorgio
    > Mastrota, Roberto Da Crema e Wanna Marchi
    Forse potrebbero provare a far vendere SCO(gli)UNIX dai teleimbonitori, dato che c'e' ancora qualche nostalgico che si fissa ad utilizzarli pagando le licenze a quintali di banconote da 100 euro per poi eseguire telnet o script sh...
    ... ho qualche cliente sull'argomento..........A bocca storta

  • - Scritto da: CalicoJack

    > Potrebbero anche provare a vendere le
    > licenze di Linux ricorrendo a Giorgio
    > Mastrota, Roberto Da Crema e Wanna Marchi
    > forse hanno più successo che con il
    > loro ufficio legale.

    Questa tua fantasia non accadrà mai, invece Linux lo vendono in edicola, a destra dei pornazzi e vicino agli oroscopi e ai settimanali per le donne, non so se ti rendi conto!!! Altro che teleimbonitori!!!
    non+autenticato
  • no.. no...peggio!!! linux ti viene regalato come gadget sulle riviste....
    Peccato che poi questo gadget vi terrorizzi un po' tutti quanti e faccia girare PA e reti di mezzo mondo nentre tu giochi a the sims2
    non+autenticato
  • Ho in mente un film " Ritorno nel futuro!"
    In cui non cè più McFly ma McBraide a cui l'attore Robert F.Wilson gli fà:"Pronto McBraide,cè qualcuno in casa?!"
    :D:D
    non+autenticato

  • - Scritto da: Terra2
    > Fare un Blog! Ottimo!Sorride
    >
    > Brava sco!
    >
    > E la prossima mossa qual'è?

    A me pare una mossa geniale quella di Pamela, la fondatrice di Groklaw, mentre i suoi volontari lavorano gratis, lei nel frattempo è diventata dirigente di Open Source Risk Management.

    Chissà se è una dirigente a gratis.

    Chissà se a fine mese la pagano con la libertà, etica e un sorriso e una birra ( scalata dallo stipendio però ).

    Bell'affare Linux, prima lo installi gratis, e poi devi pagare profumatamente qualche azienda di consulenza legale per i problemi legati a copyright e brevetti, UN AFFARONE!!!
    non+autenticato
  • > Bell'affare Linux, prima lo installi gratis,
    > e poi devi pagare profumatamente qualche
    > azienda di consulenza legale per i problemi
    > legati a copyright e brevetti, UN AFFARONE!!!

    Hai perfettamente ragione!

    Questo si verificherà quando SCO vincerà la causa sui diritti di UNIX e quando le vacche metteranno le aliSorride

    Cià

    ==================================
    Modificato dall'autore il 16/10/2004 19.56.46
    Terra2
    2332