Un'email contro il debito

Jubilee 2000, che chiede la cancellazione dei debiti esteri dei paesi più poveri, propone una campagna email di massa, per intasare di richieste i paesi membri del G7, i più ricchi

Milano - Obiettivo sensibilizzazione. C'è questo dietro la richiesta di una mobilitazione di massa, un "email strike", a favore di Jubilee 2000, l'iniziativa internazionale che mira alla cancellazione dei debiti esteri dei paesi più poveri del mondo.

L'idea, che parte dal sito Dropthedept, è di spingere il più alto numero possibile di utenti internet a inviare una email di sottoscrizione della campagna ai paesi del G7, con il proposito di sensibilizzare alla questione i rappresentanti dei paesi più ricchi.

La speranza della campagna, inoltre, è di raggiungere quota 22 milioni di firme (ne mancano 5 milioni) entro il 21 luglio, data del prossimo G7.
Hanno già annunciato che manderanno email al G7 l'italiano Jovanotti e il giapponese Ryuichi Sakamoto, entrambi musicisti. Artisti e rockstar, d'altro canto, sono fin dall'inizio in prima fila nella promozione della campagna internazionale.
TAG: mondo