Videogames: cinque anni di passione

Sembra essere di cinque anni il periodo in cui il progresso tecnologico si rinnova radicalmente. Così avviene anche nel campo delle console videoludiche. E il duemila è alle porte...

Web (internet) - Le "tre grandi" del settore, Sega, Sony e Nintendo stanno affilando le armi per la lotta che stabilirà il futuro "standard" di gioco e che scalzerà l'attuale Playstation dal ruolo di leader di settore. Uno dei campi di battaglia dove si giocherà quest'incontro è il Web, luogo e novità verso cui le console si apriranno.

Adesso il giocatore viene lasciato solo nella propria stanza, con la sola possibilità di confrontarsi con il mezzo che si trova davanti, ma questo toglie una gran parte del possibile divertimento. L'opportunità di essere collegato in rete con un circuito di altri giocatori apre nuovi spazi e aggiunge al videogioco quell'ampliamento necessario per avere un divertimento "totale".

"Questo è proprio quello che avverrà con la prossima serie di console, anche se ogni compagnia si sta muovendo in modo autonomo", dice Charles Bellfield, direttore settore marketing communications della filiale americana della Sega. Prendendo spunto dai due tentativi falliti di mettere i giochi on line, la compagnia ha recentemente lanciato il Dreamcast System, che ha incontrato un gran successo.
La Dreamcast è costruita per trarre vantaggio dalle odierne infrastrutture di internet. Attraverso un accordo con AT&T Worldnet chi possiede Dreamcast può trasferire i punteggi su una tabella e scaricare funzionalità di gioco speciali e promozionali sulla propria macchina.

Inoltre a metà maggio '99 Sega si è ufficialmente alleata con la British Telecom e con ICL per diventare la prima società di elettronica ad essere un Internet Service Provider a livello mondiale. Questo è il primo passo di una serie, che in poco più di un anno potrebbe portare ad un ambiente globale di gaming on line. Sega sta anche considerando altri usi per il suo Dreamcast, come la compravendita di azioni, la navigazione ed altri servizi connessi ad internet. In Giappone la compagnia ha già firmato un accordo con Nomura Securities per offrire servizi finanziari ai propri clienti. La console però, ha anche un punto debole: utilizza un formato di CD proprietario, detto GD-ROM, per i giochi. Si tratta di un CD-ROM a doppia densità, in grado di immagazzinare circa 1,2 GB di dati.

Questa scelta taglia fuori i DVD e i CD audio, rendendo, di fatto, la console una sorta di mondo isolato, ma i dirigenti di Sega hanno annunciato che sarà posta in vendita anche una versione Deluxe che ovvierà a questo problema.