Sony raddoppia la capacità dei CD

A vent'anni dalla nascita del CD, Sony tenta di prolungare la vita di questo supporto sviluppando un nuovo formato a doppia capacità. Convincerà il mercato?

Tokyo (Giappone) - Dal lontano 1982, anno di commercializzazione del primo compact disk, questo supporto ha conosciuto moltissime varianti, ma la sua capacità nominale è rimasta pressoché inalterata. Grazie a Sony i tradizionali dischetti in alluminio potrebbero però raddoppiare la loro capacità e arrivare a contenere 1,3 GB di dati.

Il nome del nuovo formato, alla cui definizione partecipa anche Philips, è stato denominato Double Density CD-ROM/-R/-RW e si prevede venga completato per settembre.

L'adattamento degli attuali drive per CD-ROM alla nuova tecnologia di Sony dovrebbe richiedere pochissimi cambiamenti all'hardware, in modo da mantenere bassi i costi d'implementazione e rendere il nuovo formato da subito concorrenziale con il più costoso DVD.
Sebbene qualcuno sostenga che alcuni lettori e masterizzatori dell'ultima generazione potrebbero essere resi compatibili con il nuovo formato semplicemente tramite un aggiornamento del firmware, sembra tuttavia più probabile che le modifiche dovranno obbligatoriamente interessare anche la meccanica interna ed il controller.

Per permettere il raddoppio della capacità di un CD, Sony ha infatti ridotto le dimensioni delle unità di memorizzazione (i pit) compensando l'intervento con l'introduzione di una versione leggermente modificata e più potente dell'attuale algoritmo di correzione degli errori.

Il nuovo formato Double Density dovrebbe comparire sul mercato fra la fine del 2000 e l'inizio del 2001, ma il suo successo non è scontato: Sony dovrà effettivamente dimostrare che la sua tecnologia richiede pochissime modifiche alle attuali meccaniche e sperare che nel frattempo i prezzi dei DVD-RAM non crollino.

Ultima nota, Sony ha introdotto nel suo schema per la correzione degli errori anche un sistema anti-copia per la protezione del copyright: quanto tempo passerà prima che qualche hacker lo dichiari superato?
TAG: hw