Reti/ UMTS, la grande svolta

UMTS porterà la multimedialità sui dispositivi portatili, spingerà l'integrazione fra reti mobili ed Internet, globalizzerà le telecomunicazioni. Una svolta epocale da seguire con attenzione

Tanto si è parlato, e ancora si parlerà, di UMTS (Universal Mobile Telecommunications System), uno standard che promette di rivoluzionare le telecomunicazioni mobili del prossimo futuro e che andrà progressivamente sostituendo le attuali reti GSM e TDMA.
UMTS è parte integrante del progetto IMT-2000 di ITU (International Telecommunications Union) per la terza generazione di reti mobili e suo obiettivo sarà quello di dar vita ad un mercato di massa per le comunicazioni multimediali wireless, un mercato che si rivolgerà a circa 2 miliardi di utenti in tutto il mondo entro il 2010.

Come si può vedere la terza generazione di reti globali wireless ha un mercato potenziale davvero immenso, ancor più importante se si pensa che le caratteristiche di UMTS potranno portare praticamente tutti gli attuali servizi Internet su rete mobile.

Con il drastico aumento di banda che UMTS porterà con sé, si parla di 2 Mbit per secondo, i fornitori di contenuti potranno dare vita a servizi di qualità in grado di trasportare, verso i dispositivi portatili, immagini, video, audio ed applet.
Da questo punto di vista Internet ricoprirà sempre più il ruolo di "calderone" all'interno del quale contenuti e servizi verranno veicolati anche verso le reti wireless, servite da gateway specializzati che faranno da ponte fra i due mondi.
"Ma quando ce l'hai che ci fai?". Bé, nel caso di UMTS praticamente qualsiasi cosa si possa fare con le attuali connessioni a banda larga: i limiti sono dati quasi esclusivamente dalla potenza dei dispositivi mobili utilizzati per connettersi. UMTS farà viaggiare su etere una grossa fetta del commercio elettronico, servizi di audio e video broadcast, portali informativi, helpdesk e quant'altro possa venire in mente. Non solo, ma le reti mobili di terza generazione diverranno una via d'accesso preferenziale alle intranet ed alle extranet aziendali arrivando ad essere una vera e propria estensione alle VPN (Virtual Private Network).