Come hanno oscurato il sito su Papetti

Un punto di riferimento su web per l'opera del celebre sassofonista è stato affossato da una policy alquanto discutibile

Web - Spett.le redazione di "Punto-informatico.it", Vi sarò grato se vorrete fare il "punto-informatico" della seguente vicenda:

Sono un docente di informatica, in pensione, che verso la fine dell'anno scorso decise di fare un sito Web in onore di Fausto Papetti, il sassofonista italiano morto nel 1999, che con la sua musica ha segnato un'epoca dagli anni '60 in poi. Ho quindi attivato un sito presso Digiland con il nome "Papetti aglio e olio" (per le versioni: italiana e spagnola), "Fausto Papetti, the sax symbol" (per le versioni: inglese, francese e tedesca). Ho poi mandato e-mail a tutte le case discografiche dando loro l'indirizzo del sito, spiegando il mio intento e pregandole di inviarmi tutti i dati concernenti la loro discografia relativa a questo artista. Nessuna ha risposto, tranne una.

Quell'unica risposta sembrava però scritta dei famosi carabinieri delle barzellette, perché diceva che per utilizzare i loro dati avevo bisogno della loro autorizzazione, come se la richiesta di utilizzazione non fosse implicita nella richiesta dei dati. Feci presente che non intendevo mettere nel sito canzoni intere, ma solo "samples" di massimo 30 secondi, così come fanno tutti i rivenditori di CD del Web, ed immagini delle copertine miniaturizzate.
Aggiunsi che, comunque, se loro non erano d'accordo potevano inviarmi l'elenco delle canzoni di cui detenevano il copyright ed io avrei eliminato i samples. Risposero che avrebbero trasmesso la mia e-mail al loro ufficio legale e al Direttore di Catalogo.

In attesa di una risposta definitiva eliminai comunque ogni copertina e ogni "sample" che mi risultasse essere di quella casa discografica. Trascorsi oltre quattro mesi senza alcuna risposta, mi convinsi che si fossero resi conto che, lungi dal arrecare loro il minimo danno, il sito era per loro un potente strumento di pubblicità gratuita e re-inserii anche le loro samples e covers.

Infatti avevo raccolto otre 800 titoli di canzoni, centinaia di nomi di album e compilation, avevo chiesto ed ottenuto dalla SIAE i nomi di quasi tutti gli autori, elencato i film, sceneggiati TV, musical da cui Papetti aveva tratto molti suoi brani, pubblicato foto di Papetti, articoli sulla sua vita artistica, e messo link a siti che lo riguardassero.

Avevo poi inviato centinaia di messaggi a potenziali suoi fans ed altri a newsletter e forum di carattere musicale (in particolare musica jazz e pop). Ho segnalato ad un sito francese in cui erano riportati i sassofonisti di tutto il mondo, che Fausto Papetti non era presente. Lo hanno citato e messo un link al mio sito, così come hanno fatto in seguito altri siti. Il sito è stato inserito in diverse decine di motori di ricerca.
Ricevevo e-mail entusiastiche da parte di collezionisti di Papetti che mi ringraziavano per aver dato loro modo di conoscere come la produzione di questo artista fosse stata molto più ampia di quanto avevano creduto e di amanti di musica che ringraziavano per aver potuto conoscere ed "assaggiare" attraverso i samples questo artista che non conoscevano. Molti mi chiedevano dove potevano acquistare i CD, ed io rispondevo che non potevo fornire loro questa risposta, in quanto il sito non aveva alcuno scopo commerciale (nessun banner o pubblicità di altro genere, nessuna richiesta di lasciare indirizzi). Ho anche evitato di pubblicare delle copertine di CD russe, realizzate da composizioni di altre copertine, in quanto potevano essere state prodotte illecitamente.

Sembrava tutto a posto, quando improvvisamente mi perviene una e-mail con la quale Digiland mi informa che la FIMI (Federazione industria musicale italiana) le ha segnalato che il sito contiene brani di aziende loro associate riprodotti senza autorizzazione e mi invita a rimuoverli entro 24 ore.

Rispondo che la richiesta non ha senso in quanto non vengono elencati i brani che sarebbero da rimuovere. Chiedo di inviarmi copia della e-mail della FIMI o di darmi almeno il loro indirizzo perchè io possa chiarire con loro la questione. Non ottenendo risposta, faccio una ricerca su Internet, trovo l'indirizzo della FIMI (www.fimi.it) e scrivo loro, pregando che l'autore della e-mail alla Digiland si metta in contatto con me.

In risposta mi arriva una e-mail, inviata per conoscenza alla Digiland, in cui si afferma che..."la quasi totalità delle registrazioni sono di proprietà di..." due loro affiliate. Subito dopo la Digiland mi scrive di eliminare entro la giornata il file http://digilander.iol.it/gandreola/songs/, pena l'oscuramento del sito.

Rispondo che quello non è un file, ma una directory, contenente tutti (oltre 700) samples ed impormi di cancellarlo significa eliminare tutti i "samples", anche quelli sui quali la FIMI non ha alcun titolo. Concludo che, anche se considero questo un sopruso, lo subisco.

Impiego tutta la giornata a modificare tutti i link presenti nei vari files del sito affinchè non puntino più ai "samples" di quella directory e quando alla fine tento di cancellare la directory ricevo la ovvia segnalazione di errore: directory non cancellabile perché piena. Rimando all'indomani la cancellazione dei files e della directory, ma il giorno dopo risulto già oscurato.

Ritenendo assurdo questo comportamento delle case discografiche e/o della FIMI, e che prima o poi dovrebbe essere possibile farli ragionare, magari in un dibattito pubblico, e che quindi il sito possa essere riattivato, magari altrove, mi preoccupo di evitare che i tentativi di accesso al sito "oscurato" provochino messaggi di errore.

Pertanto invio alla Digiland cinque piccoli files in cui, in ciascuna delle cinque lingue (italiano, inglese, francese, tedesco e spagnolo) avverto che il sito sarà probabilmente riattivato altrove entro il prossimo settembre, con preghiera alla Digiland di metterli all'indirizzo dell'ex-sito.

La mia richiesta non viene esaudita, non ricevo nessuna risposta, Infostrada (155) interpellata mi informa che non esiste un ufficio reclami per l'operato di Digiland.

Vi ringrazio e saluto cordialmente

prof. Giuseppe Andreola
TAG: censura
41 Commenti alla Notizia Come hanno oscurato il sito su Papetti
Ordina
  • UNA BELLA SCORREGGIA INTERNETGALATTICA.
    non+autenticato
  • SONO Alien.
    Sai, parlare col senno di poi è comodo.
    Comunque, hal letto il messaggio di MAX?

    Bene, concordo pienamente con quanto esposto da MAX, Digiland e C. ITALIANE sono solo dei cacasotto, come vedi, manco hanno ascoltato le Tue ragioni, e sicuramente ne aveVi.

    Hanno risposto OBBEDISCO ai DRAGASACCOCCE DI TURNO della FIMI e della SIAE.

    La prox VOLTA, GIRA AL LARGO DAI SITI E DAGLI SPAZI MESSI A DISPOISIZIONE DI SIMIL CACASOTTO.

    Ascolta MAX, e vai all' estero, laggiù le LIBERTA' LECITE ALMENO TE LE GARANTISCONO, NON COME IN QUESTO PAESE DI LECCACULI DA STRAPAZZO.
    Ciao e buona fortuna per il Tuo sito.

    non+autenticato
  • State tutti commettendo un errore!
    Per risolvere il problema la SIAE ha creato una simpaticissima Licenza Multimediale per Internet che trovate al comodo indirizzo: http://www.siae.it/Site2/SiaeMainSite.nsf/html/It_...

    Peccato che leggendo: anche se il tuo sito è totalmente free ti tocca pagare un minimo di 500 carte AL MESE per avere il loro benestare!! (Meno sconti vari potenziali) E mi pare si commenti da solo!
    Non basta! Non garantiscono minimamente i diritti all'artista, al discografico, ecc.. ecc...
    Non mi è molto chiaro a che titolo pretendano quei soldi, a 'sto punto!Sorpresa Forse per supporto morale alla buona attività di questo simpatico ente parassitario che già pesa sul bilancio italiano! (Il massimo dei colmi: un'associazione corporativa di categoria pagata da tutti i cittadini a difesa degli interessi altrui e contro i propri! ..e almeno li difendesse quei diritti!)
    Date una letta e vedete se ci capite qualcosa voi!
    non+autenticato

  • Signor Prof! Non deve mollare!
    A me papetti fa schifo, ma non mi importa niente! Probabilmente a lei, sig prof, farebbe schifo quello che ascolto io.
    Allora voglio solo pensare che lei ha fatto un buon lavoro e l'ha fatto in maniera onesta.
    Come avrebbe detto la mafe di un bel po' di articoli fa... ha prodotto informazione, ha usato il mezzo, il veicolo.
    Non è un esperto e non è uno scaltro piratuncolo.
    No, una persona comune, con un interesse, che ha rispettato le regole e le persone.
    Ed è stato calpestato da queste stesse.

    E' vero che i servizi sono gratuiti e che avrebbero potuto dire "lo chiudiamo perché non ci piace, lo volevamo giallo: brutto cattivo!"

    Ma è anche vero che la sputtanazia si deve fare!
    Perché non si tratta di diffamazione. Raccontatelo tutti, raccontate come contravvengono alle loro stesse regole e come siano ipocriti con i servizi che offrono loro stessi.

    Anche xoom non permette l'uso degli mp3... ma ha dei banner alti 20 metri con scritto "MP3 GRATIS!"

    Sorride

    Non si può dire niente a loro... ti danno spazio gratis... ma puoi dire a tutti "si... ti danno spazio gratis... e quando lo hai riempito te lo cancellano!"

    Prof... si faccia un bel backup sull'hard disk e scarichi via FTP il tutto in 7 posti diversi.

    Si faccia spiegare da qualche ragazzino ... sono sicuro che perderà il suo tempo per una buona causa.

    E' vero che così si resta sempre nell'illegalità ... ma criBio... cosa ci si può fare?

    non+autenticato
  • NON SI RESTA NELL'ILLEGALITA',

    CIO' CHE HO SCRITTO AL PROF. è LEGALE AL 100%

    LASCIATE PERDER L'ITALIA.

    I PROVIDER ITALIANI SONO SENZA PALLE.

    NON HANNO IL CORAGGIO DI PORTARE AVANTI LE LORO IDEE, PERCHE' SONO DELLE PAPPAMOLLE.

    ANDATE TUTTI ALL'ESTERO CON I SERVER.

    INUTILE FAR POLEMICHE SU XOOM O JUMPY O IOL
    CHE OFFRONO MP3 SUI LORO PORTALI E POI

    DIGILAND (CHE APPARTIENE A IOL) CANCELLA UN SITO CON SAMPLES MUSICALI DA 30 SECONDI,
    QUANDO SUL LORO PORTALE OFFRONO BRANI COMPLETI.

    STRANO VERO?

    E LA LEGGE? E LA SIAE? E LA FIMI?
    PERCHE' NON PARLANO?

    PERCHE' I GRANDI PORTALI POSSONO AVERE GLI MP3 E I PICCOLI SITI NO?

    CHI ME LO SA SPIEGARE?

    TANGENTI DITE? PENSO PROPRIO DI SI.....


    - Scritto da: Il Censore Azzurro a Pois Gialli
    >
    > Signor Prof! Non deve mollare!
    > A me papetti fa schifo, ma non mi importa
    > niente! Probabilmente a lei, sig prof,
    > farebbe schifo quello che ascolto io.
    > Allora voglio solo pensare che lei ha fatto
    > un buon lavoro e l'ha fatto in maniera
    > onesta.
    > Come avrebbe detto la mafe di un bel po' di
    > articoli fa... ha prodotto informazione, ha
    > usato il mezzo, il veicolo.
    > Non è un esperto e non è uno scaltro
    > piratuncolo.
    > No, una persona comune, con un interesse,
    > che ha rispettato le regole e le persone.
    > Ed è stato calpestato da queste stesse.
    >
    > E' vero che i servizi sono gratuiti e che
    > avrebbero potuto dire "lo chiudiamo perché
    > non ci piace, lo volevamo giallo: brutto
    > cattivo!"
    >
    > Ma è anche vero che la sputtanazia si deve
    > fare!
    > Perché non si tratta di diffamazione.
    > Raccontatelo tutti, raccontate come
    > contravvengono alle loro stesse regole e
    > come siano ipocriti con i servizi che
    > offrono loro stessi.
    >
    > Anche xoom non permette l'uso degli mp3...
    > ma ha dei banner alti 20 metri con scritto
    > "MP3 GRATIS!"
    >
    > Sorride
    >
    > Non si può dire niente a loro... ti danno
    > spazio gratis... ma puoi dire a tutti "si...
    > ti danno spazio gratis... e quando lo hai
    > riempito te lo cancellano!"
    >
    > Prof... si faccia un bel backup sull'hard
    > disk e scarichi via FTP il tutto in 7 posti
    > diversi.
    >
    > Si faccia spiegare da qualche ragazzino ...
    > sono sicuro che perderà il suo tempo per una
    > buona causa.
    >
    > E' vero che così si resta sempre
    > nell'illegalità ... ma criBio... cosa ci si
    > può fare?
    >
    non+autenticato


  • - Scritto da: MAX
    > NON SI RESTA NELL'ILLEGALITA',
    >
    > CIO' CHE HO SCRITTO AL PROF. è LEGALE AL 100%
    >
    > LASCIATE PERDER L'ITALIA.
    >
    > I PROVIDER ITALIANI SONO SENZA PALLE.
    >
    > NON HANNO IL CORAGGIO DI PORTARE AVANTI LE
    > LORO IDEE, PERCHE' SONO DELLE PAPPAMOLLE.
    >
    > ANDATE TUTTI ALL'ESTERO CON I SERVER.
    >
    > INUTILE FAR POLEMICHE SU XOOM O JUMPY O IOL
    > CHE OFFRONO MP3 SUI LORO PORTALI E POI
    >
    > DIGILAND (CHE APPARTIENE A IOL) CANCELLA UN
    > SITO CON SAMPLES MUSICALI DA 30 SECONDI,
    > QUANDO SUL LORO PORTALE OFFRONO BRANI
    > COMPLETI.
    >
    > STRANO VERO?
    >
    > E LA LEGGE? E LA SIAE? E LA FIMI?
    > PERCHE' NON PARLANO?
    >
    > PERCHE' I GRANDI PORTALI POSSONO AVERE GLI
    > MP3 E I PICCOLI SITI NO?
    >
    > CHI ME LO SA SPIEGARE?
    >
    > TANGENTI DITE? PENSO PROPRIO DI SI.....
    >
    >
    > - Scritto da: Il Censore Azzurro a Pois
    > Gialli
    > >
    > > Signor Prof! Non deve mollare!
    > > A me papetti fa schifo, ma non mi importa
    > > niente! Probabilmente a lei, sig prof,
    > > farebbe schifo quello che ascolto io.
    > > Allora voglio solo pensare che lei ha
    > fatto
    > > un buon lavoro e l'ha fatto in maniera
    > > onesta.
    > > Come avrebbe detto la mafe di un bel po'
    > di
    > > articoli fa... ha prodotto informazione,
    > ha
    > > usato il mezzo, il veicolo.
    > > Non è un esperto e non è uno scaltro
    > > piratuncolo.
    > > No, una persona comune, con un interesse,
    > > che ha rispettato le regole e le persone.
    > > Ed è stato calpestato da queste stesse.
    > >
    > > E' vero che i servizi sono gratuiti e che
    > > avrebbero potuto dire "lo chiudiamo perché
    > > non ci piace, lo volevamo giallo: brutto
    > > cattivo!"
    > >
    > > Ma è anche vero che la sputtanazia si deve
    > > fare!
    > > Perché non si tratta di diffamazione.
    > > Raccontatelo tutti, raccontate come
    > > contravvengono alle loro stesse regole e
    > > come siano ipocriti con i servizi che
    > > offrono loro stessi.
    > >
    > > Anche xoom non permette l'uso degli mp3...
    > > ma ha dei banner alti 20 metri con scritto
    > > "MP3 GRATIS!"
    > >
    > > Sorride
    > >
    > > Non si può dire niente a loro... ti danno
    > > spazio gratis... ma puoi dire a tutti
    > "si...
    > > ti danno spazio gratis... e quando lo hai
    > > riempito te lo cancellano!"
    > >
    > > Prof... si faccia un bel backup sull'hard
    > > disk e scarichi via FTP il tutto in 7
    > posti
    > > diversi.
    > >
    > > Si faccia spiegare da qualche ragazzino
    > ...
    > > sono sicuro che perderà il suo tempo per
    > una
    > > buona causa.
    > >
    > > E' vero che così si resta sempre
    > > nell'illegalità ... ma criBio... cosa ci
    > si
    > > può fare?

    GIUSTO, BISOGNA SEMPRE CREARSI DEI MIRROR, GRAZIE INTERNET CHE CI PERNMETTI DI USCIRE DA BUCHI DI MERDA.
    non+autenticato
  • la schifezza è che ti spingono ad agire illegalmente.
    Lo spazio é free, quindi non ti puoi lamentare e loro non hanno tempo da perdere con te, chiunque tu sia, a meno che tu non diventi un VERO cliente PAGANTE.

    Quindi non gli frega.
    Puoi avere un miliardo di contatti, un sito strafiko ... che ci guadagnano loro?
    Su digiland non ci sono nemmeno i banner!
    (cosa gradita)

    Digiland esiste perché i clienti di Libero restino clienti di libero.

    Ma non puoi fare NULLA! Se leggi il contratto ti accorgi che al massimo puoi fare un equivalente di blogger, solo che ti occupi tu della parte tecnica: parlare dei cazzi tuoi (purché l'argomento non sia spinto).

    Lo so ragazzi... tutti noi vorremo poter essere così liberi... ma c'è sempre un rompipalle pronto ad usare un motore di ricerca solo per farti il deretano!

    Ci siamo dimenticati delle denuncie del Milan? Io no! e di quel tizio cghe parlava del west? certo, mi sono dimenticato il nome del sito... ma non del fattaccio!

    E' inutile. La libertà non comprende i copyright!

    Siamo liberi di fare ciò che vogliono gli altri.

    Ma pagando... forse...

    Ma tornando all'illegalità ... chiedere il sito con nomi falsi, usare server americani, mettere i contenuti in pagine sostituibili, non chiedere niente a nessuno.
    Queste sono le regole.

    Su Digiland non si possono nemmeno mettere files più grandi di 2 mega "per prevenire la pirateria via Mp3".

    E se il mio sito è di un gruppo musicale che vuole REGALARE la propria musica... devo andare su vitaminic o su Xoom... ma xoom ha la pubblicita ... e devi rinominare le estensioni.

    L'unica è avere il server a casa... ma li, se non sai tutto, arriva un cracker spaccacazzo che pensa solo che non sei un esperto e per questo meriti di essere schiacciato. Non gli importa del tuo contenuto.

    Xoom si è fermata per quasi 3 mesi... tutt'ora ha stoppato la webmail ... per mesi non era contattabile... dicevano solo che "i tecnici hano schedulato la manutenzione per lunedì".
    Per tutti i lunedì della nostra vita.


    Lo so, è tutto gratis.

    Il mondo è pieno di stupidi, sono molti di più degli altri... per cui cosa volete aspettarvi?

    Vi siete veramente interessati a FreeNet fino ad ora?
    Magari li, si possono pubblicare tonnellate di materiali e scrivere anche "VAFFANCULO TIZIO" "CAIO E' UN DISGRAZIATO PER QUESTO E QUESTO".



    non+autenticato
  • SOLO IN ITALIA TI ROMPONO IL CA**O

    VAI ALL'ESTERO E LAVORA TRANQUILLAMENTE.
    (VIRTUALMENTE INTENDO,NON OCCORRE TRASFERIRSI FISICAMENTE, ANCHE SE SAREBBE MOLTO MEGLIO Occhiolino )

    FAI QUELLO CHE TI HO SCRITTO NELLA E-MAIL IN CUI SPIEGO AL PROF COME FARE

    E VEDRAI CHE STARAI TRANQUILLO
    SENZA GLI ITALIANI CHE ROMPONO I COGLI*NI


    - Scritto da: Pierpaolo Cazzanitelluti
    > la schifezza è che ti spingono ad agire
    > illegalmente.
    > Lo spazio é free, quindi non ti puoi
    > lamentare e loro non hanno tempo da perdere
    > con te, chiunque tu sia, a meno che tu non
    > diventi un VERO cliente PAGANTE.
    >
    > Quindi non gli frega.
    > Puoi avere un miliardo di contatti, un sito
    > strafiko ... che ci guadagnano loro?
    > Su digiland non ci sono nemmeno i banner!
    > (cosa gradita)
    >
    > Digiland esiste perché i clienti di Libero
    > restino clienti di libero.
    >
    > Ma non puoi fare NULLA! Se leggi il
    > contratto ti accorgi che al massimo puoi
    > fare un equivalente di blogger, solo che ti
    > occupi tu della parte tecnica: parlare dei
    > cazzi tuoi (purché l'argomento non sia
    > spinto).
    >
    > Lo so ragazzi... tutti noi vorremo poter
    > essere così liberi... ma c'è sempre un
    > rompipalle pronto ad usare un motore di
    > ricerca solo per farti il deretano!
    >
    > Ci siamo dimenticati delle denuncie del
    > Milan? Io no! e di quel tizio cghe parlava
    > del west? certo, mi sono dimenticato il nome
    > del sito... ma non del fattaccio!
    >
    > E' inutile. La libertà non comprende i
    > copyright!
    >
    > Siamo liberi di fare ciò che vogliono gli
    > altri.
    >
    > Ma pagando... forse...
    >
    > Ma tornando all'illegalità ... chiedere il
    > sito con nomi falsi, usare server americani,
    > mettere i contenuti in pagine sostituibili,
    > non chiedere niente a nessuno.
    > Queste sono le regole.
    >
    > Su Digiland non si possono nemmeno mettere
    > files più grandi di 2 mega "per prevenire la
    > pirateria via Mp3".
    >
    > E se il mio sito è di un gruppo musicale che
    > vuole REGALARE la propria musica... devo
    > andare su vitaminic o su Xoom... ma xoom ha
    > la pubblicita ... e devi rinominare le
    > estensioni.
    >
    > L'unica è avere il server a casa... ma li,
    > se non sai tutto, arriva un cracker
    > spaccacazzo che pensa solo che non sei un
    > esperto e per questo meriti di essere
    > schiacciato. Non gli importa del tuo
    > contenuto.
    >
    > Xoom si è fermata per quasi 3 mesi...
    > tutt'ora ha stoppato la webmail ... per mesi
    > non era contattabile... dicevano solo che "i
    > tecnici hano schedulato la manutenzione per
    > lunedì".
    > Per tutti i lunedì della nostra vita.
    >
    >
    > Lo so, è tutto gratis.
    >
    > Il mondo è pieno di stupidi, sono molti di
    > più degli altri... per cui cosa volete
    > aspettarvi?
    >
    > Vi siete veramente interessati a FreeNet
    > fino ad ora?
    > Magari li, si possono pubblicare tonnellate
    > di materiali e scrivere anche "VAFFANCULO
    > TIZIO" "CAIO E' UN DISGRAZIATO PER QUESTO E
    > QUESTO".
    >
    >
    >
    non+autenticato


  • - Scritto da: Pierpaolo Cazzanitelluti
    > la schifezza è che ti spingono ad agire
    > illegalmente.
    > Lo spazio é free, quindi non ti puoi
    > lamentare e loro non hanno tempo da perdere
    > con te, chiunque tu sia, a meno che tu non
    > diventi un VERO cliente PAGANTE.
    >
    > Quindi non gli frega.
    > Puoi avere un miliardo di contatti, un sito
    > strafiko ... che ci guadagnano loro?
    > Su digiland non ci sono nemmeno i banner!
    > (cosa gradita)
    >
    > Digiland esiste perché i clienti di Libero
    > restino clienti di libero.
    >
    > Ma non puoi fare NULLA! Se leggi il
    > contratto ti accorgi che al massimo puoi
    > fare un equivalente di blogger, solo che ti
    > occupi tu della parte tecnica: parlare dei
    > cazzi tuoi (purché l'argomento non sia
    > spinto).
    >
    > Lo so ragazzi... tutti noi vorremo poter
    > essere così liberi... ma c'è sempre un
    > rompipalle pronto ad usare un motore di
    > ricerca solo per farti il deretano!
    >
    > Ci siamo dimenticati delle denuncie del
    > Milan? Io no! e di quel tizio cghe parlava
    > del west? certo, mi sono dimenticato il nome
    > del sito... ma non del fattaccio!
    >
    > E' inutile. La libertà non comprende i
    > copyright!
    >
    > Siamo liberi di fare ciò che vogliono gli
    > altri.
    >
    > Ma pagando... forse...
    >
    > Ma tornando all'illegalità ... chiedere il
    > sito con nomi falsi, usare server americani,
    > mettere i contenuti in pagine sostituibili,
    > non chiedere niente a nessuno.
    > Queste sono le regole.
    >
    > Su Digiland non si possono nemmeno mettere
    > files più grandi di 2 mega "per prevenire la
    > pirateria via Mp3".
    >
    > E se il mio sito è di un gruppo musicale che
    > vuole REGALARE la propria musica... devo
    > andare su vitaminic o su Xoom... ma xoom ha
    > la pubblicita ... e devi rinominare le
    > estensioni.
    >
    > L'unica è avere il server a casa... ma li,
    > se non sai tutto, arriva un cracker
    > spaccacazzo che pensa solo che non sei un
    > esperto e per questo meriti di essere
    > schiacciato. Non gli importa del tuo
    > contenuto.
    >
    > Xoom si è fermata per quasi 3 mesi...
    > tutt'ora ha stoppato la webmail ... per mesi
    > non era contattabile... dicevano solo che "i
    > tecnici hano schedulato la manutenzione per
    > lunedì".
    > Per tutti i lunedì della nostra vita.
    >
    >
    > Lo so, è tutto gratis.
    >
    > Il mondo è pieno di stupidi, sono molti di
    > più degli altri... per cui cosa volete
    > aspettarvi?
    >
    > Vi siete veramente interessati a FreeNet
    > fino ad ora?
    > Magari li, si possono pubblicare tonnellate
    > di materiali e scrivere anche "VAFFANCULO
    > TIZIO" "CAIO E' UN DISGRAZIATO PER QUESTO E
    > QUESTO".
    >
    CONSIGLIO DI SCOVARE MIRROR ANCHE IN SIBERIA.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)