Pronto lo standard Linux!

Basta incompatibilità fra distribuzioni. Un nuovo standard garantirà che le applicazioni possano girare su qualsiasi sistema Linux. Funzionerà? Ci sperano in tanti. Un traguardo atteso da tempo

Pronto lo standard Linux!Web - La Linux Standard Base (LSB) ha finalmente rilasciato le specifiche finali dello standard che dovrebbe portare un po ' d'ordine e compatibilità nel variegato mondo di Linux.

L'obiettivo della LSB è infatti quello di sviluppare e promuovere un insieme di standard che incrementino la compatibilità fra le varie distribuzioni Linux e garantiscano che le applicazioni possano essere installate e girare indifferentemente su ogni sistema conforme allo standard.

Fra i membri della LSB si trovano i nomi delle principali società che distribuiscono Linux e quelli di molti big dell'hardware, fra cui gli sponsor del progetto, HP e IBM, i due massimi paladini del Pinguino. Ed è proprio questo quello che rende ottimisti sulla buona riuscita dell'operazione tutti coloro che stanno attendendo da lungo tempo lo sviluppo dello standard.
Con il rilascio della versione 1.0, i produttori di software potranno finalmente aderire allo standard, garantire agli utenti la compatibilità dei loro prodotti con le varie distribuzioni che aderiscono alla LSB e dunque puntare all'ampliamento orizzontale del mercato, con conseguenze che secondo alcuni potrebbero rivelarsi "decisive" per la penetrazione di Linux in tutti i livelli di utilizzo.

Secondo alcuni esponenti del movimento open source, inoltre, l'approvazione di uno standard appoggiato da tutti i più grandi big del mondo Linux dovrebbe favorire anche l'ascesa del sistema operativo free nel mercato aziendale.

Insieme alla Linux Internationalization Initiative (LI18NUX), la LSB fa parte del Free Standards Group, che ha la funzione di emanare delle raccomandazioni per gli sviluppatori affinché i file binari possano essere facilmente portabili sulle varie distribuzioni Linux.
138 Commenti alla Notizia Pronto lo standard Linux!
Ordina
  • In che senso standardizzare Linux?
    La disposizione delle directory dal filesys / (leggi root)?
    A me basta che rimane POSIX come gia' e', il resto sono inutilita' di contorno e spippettate senza senso alcuno.

    BYE!!!
    non+autenticato


  • - Scritto da: Jimy
    > In che senso standardizzare Linux?
    > La disposizione delle directory dal filesys
    > / (leggi root)?

    si, per rendere uniformi le installazioni delle applicazioni al variare delle distribuzioni

    > A me basta che rimane POSIX come gia' e', il
    > resto sono inutilita' di contorno e
    > spippettate senza senso alcuno.

    se a te già va bene così, la standardizzazione non farà del male.

    non+autenticato
  • SPUTASENTENZE DA STRAPAZZO, CAVERNICOLI DI MANAGERS CHE VI CREDETE PADRETERNI E SE NON AVETE LE CORNA SULLA TESTA QUANDO TORNATE A CASA LE VOSTRE MOGLI VI COMANDANO A STECCHETTO COME SERGENTI E POI SFOGATE LE VOSTRE FRUSTRAZIONI COI SUBALTERNI SUI POSTI DI LAVORO E PRATICATE MOBBING A TUTTO SPIANO.
    CHE CAZZO AVETE DA RIDIRE SULLO STANDARD DI LINUX E SU IBM?!!
    ANDATE IN VACANZA FINCHE' ANCORA QUALCHE STRONZO HA INTERESSE A PAGARE I VOSTRI STIPENDI DORATI, PERCHE' PRESTO LA MUSICA POTREBBE CAMBIARE PER VOI.
    E CERCATE DI STARE ALLA LARGA DAI POSTI DOVE Alien SARA' IN VACANZA.
    SENTO ODORE DI PRETORIANO A 1 MIGLIO DI DISTANZA, POTREI ROVESCUARVI IL PIATTO DI SPAGHETTI SULLE VOSTRE CRAPE PELATE IN ALBERGO.
    PER FAVORE, NON VORRETE PROVOCARE RISSE IN HOTEL, VERO???

    non+autenticato
  • sono un windows dipendente ma pian piano mi sto curando con sane e ripetuti tentativi e letture linux e questa notizia mi fa SALTARE DI GIOIA VISTO CHE NELLA MIA AFFANNOSA RICERCA DI SISTEMI LINUX SEMPRE PIU FACILI ,NON SARò COSTRETTO A RICERCARE SEMPRE NUOVI PROGRAMMI E QUINDI VI DICO ERA ORA..........
    non+autenticato

  • Certo che chi fino ad ieri diceva "bello linux, che non ti obbliga ad unica versione/visione/standard, come fa il draga, ma c'e' varieta'", oggi si trova con qualcosa che va veramente verso versioni sempre piu' uguali. Un bene? Un male?

    Quali saranno i prossimi passi? Io direi accorpamento tra le varie distribuzioni che non riescono economicamente a sopravvivere (e magari imboccando giustamente la strada dei $$$ come ha gia' fatto caldera). Il secondo? Quando le distro saranno poche ed omogenee alcune di esse diventeranno magicamente chiuse ed a (forte) pagamento. C'e' bisogno che vi dica quali? Suvvia, e' facile... una ha 3 lettere, l'altra 2.

    non+autenticato


  • - Scritto da: Ciao
    >
    > Certo che chi fino ad ieri diceva "bello
    > linux, che non ti obbliga ad unica
    > versione/visione/standard, come fa il draga,
    > ma c'e' varieta'", oggi si trova con
    > qualcosa che va veramente verso versioni
    > sempre piu' uguali. Un bene? Un male?

    Lo standard dà solo delle direttive "generali" che assicurano la compatibilità del sw su tutte le distribuzioni. Questo non significa che tutte le distribuzioni saranno uguali, ma solo che chi decide di seguire queste linee guida semplificherà la vita degli sviluppatori (e probabilmente riceverà in cambio una maggiore disponibilità di software)

    Ciao
    non+autenticato


  • - Scritto da: Ciao

    > Quali saranno i prossimi passi? Io direi
    > accorpamento tra le varie distribuzioni che
    > non riescono economicamente a sopravvivere
    > (e magari imboccando giustamente la strada
    > dei $$$ come ha gia' fatto caldera). Il
    > secondo? Quando le distro saranno poche ed
    > omogenee alcune di esse diventeranno
    > magicamente chiuse ed a (forte) pagamento.
    > C'e' bisogno che vi dica quali? Suvvia, e'
    > facile... una ha 3 lettere, l'altra 2.
    >

    Basta usare la Debian...

    Ciao.
    non+autenticato
  • E' proprio vero che Microsoft sta facendo da anni una grave disinformazione:
    STANDARD non significa assolutamente piatta omologazione ed eliminazione delle diversita'; sono solo delle direttive generali in base alle quali anche tu (con un'investimento minimo) potresti fare la tua distribuzione personalizzata.

    Ciao Impara Ciao

    - Scritto da: Ciao
    >
    > Certo che chi fino ad ieri diceva "bello
    > linux, che non ti obbliga ad unica
    > versione/visione/standard, come fa il draga,
    > ma c'e' varieta'", oggi si trova con
    > qualcosa che va veramente verso versioni
    > sempre piu' uguali. Un bene? Un male?
    >
    > Quali saranno i prossimi passi? Io direi
    > accorpamento tra le varie distribuzioni che
    > non riescono economicamente a sopravvivere
    > (e magari imboccando giustamente la strada
    > dei $$$ come ha gia' fatto caldera). Il
    > secondo? Quando le distro saranno poche ed
    > omogenee alcune di esse diventeranno
    > magicamente chiuse ed a (forte) pagamento.
    > C'e' bisogno che vi dica quali? Suvvia, e'
    > facile... una ha 3 lettere, l'altra 2.
    >
    non+autenticato


  • Le "direttive generali" me le fumo nella pipa. Io voglio la certezza che il pacchetto qui funzioni, e non che non vada perche' il grep ha il centesimo parametro diverso.


    - Scritto da: §o§e
    > E' proprio vero che Microsoft sta facendo da
    > anni una grave disinformazione:
    > STANDARD non significa assolutamente piatta
    > omologazione ed eliminazione delle
    > diversita'; sono solo delle direttive
    > generali in base alle quali anche tu (con
    > un'investimento minimo) potresti fare la tua
    > distribuzione personalizzata.
    >
    > Ciao Impara Ciao
    >
    > - Scritto da: Ciao
    > >
    > > Certo che chi fino ad ieri diceva "bello
    > > linux, che non ti obbliga ad unica
    > > versione/visione/standard, come fa il
    > draga,
    > > ma c'e' varieta'", oggi si trova con
    > > qualcosa che va veramente verso versioni
    > > sempre piu' uguali. Un bene? Un male?
    > >
    > > Quali saranno i prossimi passi? Io direi
    > > accorpamento tra le varie distribuzioni
    > che
    > > non riescono economicamente a sopravvivere
    > > (e magari imboccando giustamente la strada
    > > dei $$$ come ha gia' fatto caldera). Il
    > > secondo? Quando le distro saranno poche ed
    > > omogenee alcune di esse diventeranno
    > > magicamente chiuse ed a (forte) pagamento.
    > > C'e' bisogno che vi dica quali? Suvvia, e'
    > > facile... una ha 3 lettere, l'altra 2.
    > >
    non+autenticato


  • - Scritto da: Ciao
    >
    >
    > Le "direttive generali" me le fumo nella
    > pipa. Io voglio la certezza che il pacchetto
    > qui funzioni, e non che non vada perche' il
    > grep ha il centesimo parametro diverso.
    >
    Per quello c'è già lo standard POSIX. Ora, con LSB, sei sicuro che grep sia sempre in /bin, che kde sia sempre in /opt/kde (o dove hanno deciso che debba essere... non sono sicuro di questo).

    E attento a cosa fumi nella pipa... che poi magari dici "640kB basteranno per tutti"Sorride))
    non+autenticato
  • di questo OS
    Nel momento stesso in cui si viene a adottare gli open source ci si aggrega a una comunità con un interessante spirito di comunione e voglia di progredire assieme .

    Speriamo sia di esempio per molti , queste cose ti rincuorano e ti fanno andare avanti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giulia
    > Nel momento stesso in cui si viene a
    > adottare gli open source ci si aggrega a una
    > comunità con un interessante spirito di
    > comunione e voglia di progredire assieme .

    A giudicare da quanto si legge su PI è raro trovare lo spirito di cui parli.
    Non mi sono fatto un'idea propriamente rosea della comunità open source e della gente che la compone.

    non+autenticato

  • questo perche' forse hai incontrato le persone sbagliate (ricorda anche che su internet ci si lascia andare a sfoghi che non ci si permette nella vita reale -- e sto parlando di ambedue la fazioni : ))
    è normale

    un vero linuxiano è CONTENTO di aiutarti a installare linux nella tua macchina
    Io ho incontrato persone disponibilissime e gentilissime
    ovvio che ci sono anche dei facinorosi (si scrive cosi'?)

    attenzione a non fare generalizzazioni ; )
    ciao
    - Scritto da: uno molto incazzato
    > - Scritto da: Giulia
    > > Nel momento stesso in cui si viene a
    > > adottare gli open source ci si aggrega a
    > una
    > > comunità con un interessante spirito di
    > > comunione e voglia di progredire assieme .
    >
    > A giudicare da quanto si legge su PI è raro
    > trovare lo spirito di cui parli.
    > Non mi sono fatto un'idea propriamente rosea
    > della comunità open source e della gente che
    > la compone.
    >
    non+autenticato


  • - Scritto da: uno molto incazzato

    > A giudicare da quanto si legge su PI è raro
    > trovare lo spirito di cui parli.
    > Non mi sono fatto un'idea propriamente rosea
    > della comunità open source e della gente che
    > la compone.

    Ti riferisci ai post?
    Ma che comunita' open-source di tutti quelli che "difendono" linux (ma in realta' si limitano a parlare male della Microsoft) forse il 20% lo usa come sistema operativo... e circa il 98% di questo 20% lo usa come un qualsiasi utente usa Windows98...
    non+autenticato


  • - Scritto da: pingu
    ...
    >
    > Ti riferisci ai post?

    per me Giulia ha capito lo spirito di Stallman & co.

    > Ma che comunita' open-source di tutti quelli
    > che "difendono" linux (ma in realta' si
    > limitano a parlare male della Microsoft)

    tipico dei neofiti, aspetta che passi un po' di tempo e vedrai

    > forse il 20% lo usa come sistema
    > operativo... e circa il 98% di questo 20% lo
    > usa come un qualsiasi utente usa
    > Windows98...

    dove hai trovato queste statistiche?



    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)