OS/ OS/2 è morto. Viva OS/2!

Di necrologi su OS/2 ne sono già stati scritti molti, eppure questo robusto sistema operativo sembra non aver nessuna voglia di lasciare questo mondo. Un'importante novità potrebbe rimetterlo in gioco: eComStation

Come in una leggenda metropolitana, è dal lontano '94 che sentiamo annunciare da parte di svariate testate giornalistiche la morte di OS/2. Anche oggi troviamo diversi ?becchini? pronti ad accompagnare il cadavere del sistema operativo di IBM, ma chi conosce la storia di questo splendido sistema è consapevole che più muore e più risorge: OS/2 rivive in splendida forma da anni senza il supporto dell'IBM stessa ed in questo contesto voglio evidenziare il comportamento della filiale italiana di Big-Blue, che ha totalmente lasciato OS/2 al suo destino.

Nel passato abbiamo cercato di analizzare le cause dell'insuccesso commerciale di questo ottimo prodotto: oggi i pochi superstiti affezionati alla piattaforma IBM difficilmente cambierebbero la strada o l'infrastruttura di rete e tutto questo accade nonostante la cronica incapacità della casa madre a supportare il proprio prodotto.

Dopo aver letto notizie contrastanti sulle prospettive di OS/2, cerchiamo ora di capire cosa sta in realtà accadendo e quale sarà il futuro prossimo del sistema operativo.
Con l'introduzione di Warp Server for E-Business, tecnicamente meglio conosciuto come OS/2 4.5, IBM riposiziona il suo prodotto nel mercato small-middle business, inquadra il suo sistema operativo di rete come server per le applicazioni Internet orientate all'introduzione del commercio elettronico.

Negli ultimi 3 anni Big Blue ha aggiornato ripetutamente lo stack dei protocolli di rete ed il pacchetto delle applicazioni TCP/IP rendendo OS/2 un sistema performante al pari delle varie versioni Unix, mentre nelle applicazioni di rete è stato incluso il porting del potente firewall di tipo packet filtering fornito con AIX. Anche il livello del sistema operativo è stato costantemente aggiornato: grande rilievo ha destato la notizia dell'introduzione di un kernel unificato per le versioni OS/2 Warp 4.0 e OS/2 Warp Server for E-business. Quest'ultimo passaggio, unito ai costanti aggiornamenti, mi ha fornito la certezza che, contrariamente alle voci dei ?ben informati?, OS/2 era prossimo ad un rilancio come server per le reti TCP/IP ed ad una nuova giovinezza nella sua versione workstation.

OS/2 è e rimarrà un sistema operativo di nicchia, utilizzato nei centri di calcolo delle più famose banche mondiali: sebbene siano proprio questi grandi clienti a tenere vivo l'interesse di IBM per l'aggiornamento del sistema, chi ha fortemente contribuito allo sviluppo di applicativi alternativi sulla rete Internet, anche in questo caso, sono stati gli sviluppatori della comunità Open Source (vedi NetLabs). Gli appassionati di questo sistema operativo affidano tutte le loro applicazioni di rete al meglio dei prodotti GNU come Apache, Bind, Sendmail, Squid ed altre applicazioni di grandissima qualità sviluppate dagli appassionati.
TAG: sw