Telecom circondata. Flat-rate al centro

L'Autorità TLC contesta tre violazioni di legge mentre Albacom rincara la dose premendo sul fronte flat affinché l'offerta connettività-canone sia estesa a tutti gli operatori. Indagini su Telecom a Torino

Telecom circondata. Flat-rate al centroRoma - Momento caldo, caldissimo per Telecom Italia, che sembra finita sotto il fuoco di fila dei concorrenti, dell'Autorità TLC e dei magistrati di Torino nel giro di pochissime settimane.

Ieri l'Autorità per le garanzie nelle telecomunicazioni ha deciso di dare seguito al ricorso che quasi un anno fa presentarono 27 aziende competitor di Telecom Italia, ricorso nel quale si sostiene che l'ex monopolista abbia adottato tattiche anti-concorrenziali e di abuso del mercato per "tenere a bada" i concorrenti. Una tesi sempre negata con forza da Telecom Italia.

Ma oggi i commissari dell'Autorità TLC hanno deciso di contestare all'azienda di Roberto Colaninno ben tre specifiche violazioni del mercato. Una decisione che si è avuta dopo le relazioni dei commissari Manacorda e Monaci che hanno messo in evidenza i risultati degli accertamenti avviati da lungo tempo dall'Autorità. L'obiettivo è ora quello di concludere l'istruttoria prima della pausa estiva.
Ma in queste ore a preoccupare Telecom Italia ci pensa anche Albacom, uno degli operatori che in tempi recenti ha visibilmente manifestato la propria insofferenza per le pratiche di mercato dell'ex monopolista. Un "attacco" che va dritto al caldissimo fronte della flat-rate, uno degli argomenti di maggiore interesse per gli utenti internet.

La compagnia telefonica, infatti, ha chiesto all'Autorità TLC di intervenire in tempi rapidissimi per fare anche in Italia quello che già si è fatto all'estero, ovvero imporre all'ex monopolista il varo di una infrastruttura tariffaria chiara per i servizi flat, una tariffa "a canone" che finora era stata concessa solo a Galactica (in via "sperimentale" secondo Telecom Italia e in via "programmatica" secondo Galactica, una diversità di vedute che sta provocando uno scontro tra le due aziende).

De Giovanni, direttore finanziario di Albacom, ha spiegato: "Gli operatori hanno chiesto a Telecom Italia di introdurre il canone, e questo è stato concesso solo a Galactica. Gli operatori penalizzati hanno così protestato". L'azienda, dunque, "sta facendo pressione sull'Autorità per introdurre il canone, per avere così una maggiore flessibilità e una struttura dei costi controllabile, per pagare flat e incassare flat".
TAG: dial-up
77 Commenti alla Notizia Telecom circondata. Flat-rate al centro
Ordina
  • Ma perché è tanto difficile essere europei anche in questo caso? Il flat è uso dei sistemi più adoperati nel mondo, soprattutto per motivi di lavoro e studio. Spero che l'Authority faccia giustizia e non tolga l'opportunità Flat.
    non+autenticato
  • Lettera aperta alle Autorità

    Sig. Presidente del Consiglio

    Sig. Ministro delle Comunicazioni

    Sig. Presidente dell?Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

             In tutti i paesi del G8 (Canada, Francia, Germania, Giappone, Inghilterra, Russia e U.S.A.), ad esclusione dell?Italia e negli altri principali paesi europei¹ quali Austria, Finlandia, Irlanda, Olanda, Polonia, Portogallo, Spagna, Svezia e Ungheria, l?accesso ad Internet su rete commutata a canone mensile fisso, senza scatti (modalità Flatrate dial-up) è già una realtà.

             In molti di questi paesi, l?accesso a Internet in modalità flatrate dial-up è stata istituzionalizzata attraverso l?intervento dei vari enti regolatori nazionali. Questi enti hanno imposto all?operatore dominante di offrire agli altri operatori una tariffa di accesso ad Internet a canone mensile fisso, senza scatti ed a condizioni economiche tali da favorire poi un offerta al pubblico adeguatamente competitiva (si veda in particolare il modello ?FRIACO? adottato in Inghilterra).

             Purtroppo, nonostante che:

    L?Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato (Antitrust) con parere del 21 settembre 2000 si sia espressa reputando ?necessario prevedere nell'ambito del provvedimento in oggetto l'obbligo di introduzione da parte di Telecom Italia Spa di condizioni di interconnessione su base forfettaria (flat rate) ...?

    L?Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) con delibera 10/00/CIR del 18 ottobre 2000 abbia disposto che ?Telecom Italia è tenuta ad integrare l?offerta di interconnessione di riferimento, su richiesta dell?Autorità e in coerenza con offerte "forfettarie" praticate da parte di Telecom Italia alla clientela finale, con un servizio di interconnessione su base "forfettaria".

             La situazione italiana è ben diversa da quella rilevabile nei paesi sopra citati e constatiamo che la nostra nazione non si è ancora adeguata a questo inevitabile sviluppo del mercato.

             Il successo di questa modalità di accesso ad Internet è confermato dai fatti: oltre 50 milioni di abbonati nel mondo utilizzano il flatrate dial-up, di cui più della metà attraverso AOL Time Warner (il più grande e profittevole ISP del mondo che ne ha fatto e ne fa tuttora il proprio prodotto di punta).

             GALACTICA, prima in Italia, ha creduto e ha investito ogni propria risorsa per lo sviluppo dell?accesso a Internet in modalità flatrate dial-up, ritenendo questa modalità quella più idonea a promuovere un maggiore utilizzo di Internet e favorire così anche il commercio elettronico in Italia. Allo scopo, lo scorso anno ha siglato due proposizioni commerciali con Telecom Italia S.p.A..

             Poche settimane fa però Telecom Italia S.p.A., che ?con riguardo al mercato dell?offerta di collegamenti attraverso infrastrutture commutate ISDN e PSTN [...] detiene attualmente una posizione di monopolio di fatto?( Antitrust A255 28/1/00), ha disdettato l?accordo programmatico in essere con GALACTICA, accordo che prevede la fornitura di linee ISDN per l?accesso ad Internet a tariffa forfettaria.

             In particolare il 21 maggio 2001, improvvisamente ed unilateralmente, Telecom Italia S.p.A. ha comunicato a GALACTICA, ?la cessazione a far data dal 29 maggio 2001 del contratto in essere?, dichiarando di voler disconnettere tutte le migliaia di linee di cui la nostra società si è regolarmente approvvigionata e che impiega per consentire l?accesso ad Internet in modalità flatrate dial-up alla propria clientela in tutta Italia.

             A seguito di ricorso presentato in via d?urgenza da GALACTICA, il Tribunale di Milano, accertato che nessun inadempimento era a noi imputabile e che il comportamento minacciato da Telecom Italia S.p.A. avrebbe impedito a GALACTICA di svolgere qualsiasi attività per la propria clientela, con provvedimento cautelare e provvisorio del 14 giugno 2001, ha temporaneamente inibito a Telecom Italia S.p.A. di disconnettere le linee fornite a GALACTICA.

             Chiediamo quindi l?intervento delle Autorità sopra citate, affinchè Telecom Italia S.p.A. introduca per gli Operatori di Telecomunicazioni e gli Internet Service Providers condizioni di interconnessione ed accesso su base forfettaria, analogamente a quanto avvenuto in Francia, dove la stessa Telecom Italia S.p.A., attraverso la società 9TELECOM S.A.² sua controllata, insieme ad altri operatori francesi, ha chiesto ed ottenuto che France Telecom fornisse agli altri operatori non solo tariffe minutarie, ma anche tariffe forfettarie per l?accesso ad Internet³.

    Vista la temporaneità del provvedimento del Tribunale di Milano e vista la rinnovata volontà di:

    TELECOM ITALIA S.P.A.
    di disconnettere le linee utilizzate da GALACTICA a partire dal prossimo 19 luglio p.v. chiediamo inoltre:

    UN INTERVENTO IMMEDIATO

    che garantisca la continuità del servizio da parte di Telecom Italia S.p.A. a tutela degli oltre 110.000 consumatori e utilizzatori del nostro servizio e a tutela di tutta la nostra azienda.

    GALACTICA S.p.A.
    Il Presidente del Consiglio di Amministrazione
    Ing. Carlo Loi

    Per approfondire l?argomento, esprimere la vostra opinione od unirvi a noi in questa iniziativa collegatevi al sito: www.flatrate.it oppure telefonare al numero 800.501.300
    non+autenticato
  • GALACTICA HA DATO INIZIO AD UNA CAMPAGNA DI STAMPA PER SOSTENERE IN ITALIA LA FLAT-RATE.
    CHI VUOLE PUO' FIRMARE LA PETIZIONE ORGANIZZATA DA GALACTICA AL SEGUENTE INDIRIZZO:

    http://www.flatrate.it/

    by Alien
    non+autenticato
  • Sono passato da bollette oceaniche della telecom (anche 600-700 carte al mese solo per internet) alla flat di wind con tanta gioia.. poi i geni hanno segato via la ISDN perchè secondo loro rubavamo (tutto da vedersi questo... mi domandi quali ENORMI costi debbano sostenere per mantenere una linea... cavoli.. hanno ancora i relè queste centraline? vanno a carbonella? ma fatemi il piacere! i bit non consumano quasi nulla...), poi sono passato a quella di aruba (quando l'ho fatta io mi ha enormemente deluso e l'ho lasciata dopo due mesi) ed infine sono passato alla galaflat, pagamento anticipato per tutto l'anno... promessa di 24 ore al giorno di collegamento! WOW effettivamente a parte un brutto inizio io non ho avuto molti problemi e finalmente ero felice: potevo lavorare anche da casa e stare connesso senza vivere per pagare le bollette... beh ecco che arrivano anche loro a segarmi via i sogni... mi danno delle ore per farmi felice... beh spiacente, galactica mi ridarrà indietro i soldi e veloci se non vogliono che muova l'avvocato, per il collegamento internet vorrà dire che faro' una flat tipo teleconomy e mettero' ad un numero normale del mio ufficio (dove se dio vuole (telecom quindi) arriva l'adsl) un bel modem isdn in risposta, mi predispongo il RAS e vi vado in culo gestori, non lo volevo fare ma visto che rimane l'unica soluzione prendevelo in quel posto...

    maledetta telecom
    non+autenticato
  • Mi unisco al tuo dolore perchè sono stato inc..... più volte anch'io e senza vaselina.
    La tua idea del RAS non è male e mi consiglio a tutti di prenderla in considerazione, magari organizzandosi in gruppi di amici non appena se dio vuole (Telecom) e authority peggio del dio in lentezza ci sbloccano l'HDSL.

    Comunque ti lascio un augurio:
    All'inizio era in caos.......poi vene la fibra ottica.
    10/100 Mbit per un "heavy user" sono meglio di un orgasmo

    - Scritto da: a quando i ponti radio?
    > Sono passato da bollette oceaniche della
    > telecom (anche 600-700 carte al mese solo
    > per internet) alla flat di wind con tanta
    > gioia.. poi i geni hanno segato via la ISDN
    > perchè secondo loro rubavamo (tutto da
    > vedersi questo... mi domandi quali ENORMI
    > costi debbano sostenere per mantenere una
    > linea... cavoli.. hanno ancora i relè queste
    > centraline? vanno a carbonella? ma fatemi il
    > piacere! i bit non consumano quasi
    > nulla...), poi sono passato a quella di
    > aruba (quando l'ho fatta io mi ha
    > enormemente deluso e l'ho lasciata dopo due
    > mesi) ed infine sono passato alla galaflat,
    > pagamento anticipato per tutto l'anno...
    > promessa di 24 ore al giorno di
    > collegamento! WOW effettivamente a parte un
    > brutto inizio io non ho avuto molti problemi
    > e finalmente ero felice: potevo lavorare
    > anche da casa e stare connesso senza vivere
    > per pagare le bollette... beh ecco che
    > arrivano anche loro a segarmi via i sogni...
    > mi danno delle ore per farmi felice... beh
    > spiacente, galactica mi ridarrà indietro i
    > soldi e veloci se non vogliono che muova
    > l'avvocato, per il collegamento internet
    > vorrà dire che faro' una flat tipo
    > teleconomy e mettero' ad un numero normale
    > del mio ufficio (dove se dio vuole (telecom
    > quindi) arriva l'adsl) un bel modem isdn in
    > risposta, mi predispongo il RAS e vi vado in
    > culo gestori, non lo volevo fare ma visto
    > che rimane l'unica soluzione prendevelo in
    > quel posto...
    >
    > maledetta telecom
    non+autenticato
  • HO PECCATO. Io che ho versato fiumi di canoni (e lacrime), io che ho sempre preso per buono quello che mi proponeva, io che a volte per mia negligenza o per forte fiducia nemmeno controllavo quello che mi veniva tassato...; HO PECCATO. Oggi sono colpevole di aver subito l'influenza della concorrenza; sono vittima di aziende concorrenti che hanno cercato di aprirmi gli occhi e di indottrinarmi alla politica offerta/convenienza. Io disgraziato, debole, sono più volte caduto in tentazione. HO PECCATO. Mi pento di aver sottoscritto l'anno scorso l'abbonamento alla FlatRate di Wind che è durata pochi mesi. Mi pento di essermi messo nelle mani della EdiSon, ora ho un abbonamento in essere a cui non riesco nemmeno a connettermi. Mi pento di essere passato a Galaflat e ora ricevere un ulteriore smacco. Il nostro padre padrone (Telecom) giustamente ha voluto punire la mia scarsa fede. Ed io ora MI PENTO. Mi pento di non aver percorso la via dello scatto telefonico, mi pento di non aver seguito la via della continuità, dalla affidabilità, della sicurezza....di pagare con moneta pesante e sonante qualsiasi servizio erogato. Il mio padre padrone, si è ben guardato di propormi analoghe tariffazioni per trattermi nel proprio gregge. Semplicemente mi ha castigato...piu' volte. ORA SI...HO CAPITO...E MI PENTO.
    Io che ho la sfortuna di abitare in periferia, dove le grazie del mio padre padrone (ADSL) mai metteranno piede. Io che per avere un miracolo (ISDN) nel anno 2000 ho dovuto aspettare 3 lunghi mesi spesi in preghiere. Ma ora sono redento. Ora sono cambiato. Non osero' piu' sfidarti.
    Fai di me quello che vuoi.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 28 discussioni)