Dopo Siena, fastTelecom a Firenze

Anche il Comune di Firenze ammette di avere un debole per l'alta velocità e per il concetto di portale cittadino. L'idea è una partnership per lo sviluppo telematico della PA

Firenze - Migliorare i rapporti dei cittadini con l'amministrazione cittadina ma anche promuovere l'economia locale e i prodotti tipici nonché spingere per una maggiore penetrazione di internet in tutti gli strati della popolazione: ce n'è parecchia di carne al fuoco nell'accordo che il Comune di Firenze ha voluto stringere nelle scorse ore con Telecom Italia.

Sulla scorta di quanto accaduto nella vicina Siena e in altri comuni italiani, il Comune vuole puntare sulla creazione di una intranet cittadina veloce sfruttando l'intesa con Telecom che, "in cambio", potrà promuovere i servizi di Clubnet e di TIN.

Tra gli elementi centrali dell'accordo ci sono: la realizzazione di servizi che vanno dal pagamento online dei tributi (e la loro riscossione) alla possibilità di richiedere certificati online, fino alla prenotazione per eventi teatrali, spettacoli e via dicendo. Alle imprese, invece, viene proposto di infilare le proprie offerte all'interno del network online del Comune per acquisire maggiore visibilità.