Nautilus risorge dalle ceneri di Eazel

Come molti speravano, il progetto Nautilus è sopravvissuto alla morte di Eazel e torna oggi con una versione aggiornata

Web - Dopo la deludente fine di Eazel, un'azienda che dedicò quasi due anni della sua vita a sviluppare un front-end che rendesse Linux più appetibile per il mercato desktop, il suo progetto Nautilus è stato adottato dalla comunità che sta dietro a Gnome.

A dimostrazione che Nautilus non è morto, lo scorso fine settimana ne è stata annunciata la versione 1.0.4 che, oltre a correggere qualche bug ed a portare pochi ritocchi estetici, ha eliminato gli Eazel Services, servizi Web con cui l'azienda sperava di raggranellare qualche soldo.

Grazie all'uscita di scena di questi servizi e ai benefici che il lavoro degli hacker cominciano a portare al codice di Nautilus, l'ex front-end di Eazel appare ora più snello e veloce. Oltre a questo, alcuni volontari dovrebbero presto localizzare questa nuova versione di Nautilus anche in lingua italiana.
Nautilus 1.0.4 può essere scaricato dal sito FTP di Gnome, mentre per consultare la lista completa dei cambiamenti è possibile vedere l'articolo di LinuxToday.
5 Commenti alla Notizia Nautilus risorge dalle ceneri di Eazel
Ordina
  • Il volontario (inutile dire che senza i ragazzi di it@li.org farei poco) sono io.
    Vorrei scusarmi con gli utenti di Nautilus, la traduzione di questo programma in passato era in mano al "capo" dei traduttori (Cristopher R. Gabriel) che ha passato a me la localizzazione.
    Sul CVS c'è ancora la sua traduzione ferma al 4%, la mia intenzione era quella di finire la traduzione prima del fine settimana scorso ma è un periodo nel quale sono tremendamente occupato e non sono riuscito a finire.
    Per la cronaca in questo momento sto cercando la traduzione di alcuni termini nel mio dizionario e la statistica è:

    1621 stringhe tradotte, 30 da revisionare, 68 da tradurre.

    Quando avrò finito, revisionato e mandato su it@li.org per la discussione finirò la traduzione dei manuali già iniziata dal mio predecessore.

    Ne approfitto per dire che Nautilus è un'idea di Ettore Perazzoli, hacker GNOME italiano.
    La mole di lavoro da fare e lo splendore del progetto hanno fatto si che Ettore collaborasse al progetto, nel frattempo passato ad Eazel.
    non+autenticato
  • DEL RISORGERE DI Nautilus.

    IL FATTO E' CHE Nautilus NON E' MAI MORTO, IN QUANTO OTTIMO PRGETTO E OPEN SOURCE.
    L' ACCOPPIATA DELLE 2 CARATTERISSTICHE DI CUI SOPRA FA SI' CHE UN QUALSIASI SO/SW OPEN SOURCE SOPRAVVIVE ALLA MORTE DI CHI L'HA CREATO; SINGOLO O AZIENDA.

    E' UNA COSA COSI' SEMPLICE DA CAPIRE, CHE NON LA CAPISCE NESSUNO DELLA MASSA STERMINATA DEGLI UTONTI (ALLA MEGLIO, FANNO FINTA DI NON CAPIRE).
    non+autenticato
  • Ci sono coloro che sono terrorizzati da una "spiacevole" caratteristica dell'open source: e' duro a morire. Viceversa, altri possono beneficiare di questa caratteristica con la sicurezza che i loro investimenti saranno garantiti. Ad esempio, una azienda che abbia sviluppato del software in TCL potra' esser sicura di non aver fatto la scelta sbagliata perche' Scriptics, che per un po' ne ha seguito lo sviluppo, e' sparita (considerazioni tecniche e strategiche a parte). La sopravvivenza di tale software sara' garantita fino a quando sara' ci sara' sufficiente interesse per esso.
    non+autenticato
  • Forse hai ragione, il dubbio che mi rimane è che un'azienda sana non dovrebbe morire.

    - Scritto da: FDG
    > Ci sono coloro che sono terrorizzati da una
    > "spiacevole" caratteristica dell'open
    > source: e' duro a morire. Viceversa, altri
    > possono beneficiare di questa caratteristica
    > con la sicurezza che i loro investimenti
    > saranno garantiti. Ad esempio, una azienda
    > che abbia sviluppato del software in TCL
    > potra' esser sicura di non aver fatto la
    > scelta sbagliata perche' Scriptics, che per
    > un po' ne ha seguito lo sviluppo, e' sparita
    > (considerazioni tecniche e strategiche a
    > parte). La sopravvivenza di tale software
    > sara' garantita fino a quando sara' ci sara'
    > sufficiente interesse per esso.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Lemon
    > Forse hai ragione, il dubbio che mi rimane è
    > che un'azienda sana non dovrebbe morire.
    Questo è giusto xo si discuteva di software e non di politiche aziendali, come quelle di eazel che erano piuttosto azzardate,la cosa bella è che il progetto non è morto con la caduta dell'azienda produttrice!
    non+autenticato