LinuxNews/ DVD-RAM Panasonic anche per Linux

La Tracer Technologies e la Panasonic hanno sviluppato una tecnologia per l'utilizzo dei DVD-RAM con diversi sistemi operativi, tra cui Linux

La Californiana Tracer Technologies Inc., una divisione di BakBone Software (società internazionale per lo storage management) e la giapponese Matsushita Electric Industrial Co., (una delle più grandi società a livello mondiale per i prodotti elettronici (il suo marchio più conosciuto è Panasonic), ha annunciato al DVDPRO200 che il suo software per i drive DVD stand-alone e quello per i juboxes DVD (chiamato MagnaVault) supporterà la seconda generazione dei drive DVD riscrivibili di prossima uscita.
MagnaVault ottimizza le performance dello standard dei drive DVD-RAM, ma soprattutto fornisce agli utenti Linux e Unix un accesso trasparente ai DVD-RAM da 4,7 GB (singolo lato) e 9,4 GB (doppio lato).
La Tracer Technologies offre una gamma completa di soluzioni per la gestione di grandi quantità di dati per database aziendali e applicazioni video.
L'interscambiabilità dei file su DVD-RAM tra sistemi operativi eterogenei è garantita dal file system UDF (Universal Disk Format).
Chiunque utilizzi il data warehousing (istituzioni finanziarie, ospedali, agenzie governative ecc.) possono ottenere un incremento della produttività e un abbassamento dei costi sfruttando i benefici del DVD jukebox con Magna Vault.
Il data transfer rate di questi dispositivi arriva sino a 22,16 Mb/sec, e hanno una cache di 2 MB. Vengono forniti sia con interfaccia SCSI-2 sia con interfaccia ATAPI.

(A cura di noze)