Il primo virus per AutoCAD

Colpisce solo l'ultima versione del software e secondo i laboratori Kaspersky si tratta di un codice decisamente primitivo. Ma è la prima volta che il principe del design finisce nel mirino di un virus

Mosca (Russia) - Chi utilizza AutoCAD non deve preoccuparsi: è altamente improbabile che il nuovo virus scoperto dai Laboratori Kaspersky possa diffondersi in modo preoccupante. Si tratta del primo codice che colpisce il celeberrimo software per designer e architetti di Autodesk ma pare non faccia molto male ai sistemi infettati.

Secondo gli esperti di sicurezza russi, più volte balzati agli onori delle cronache per le loro indagini, il virus è ACAD.Star, una forma primitiva di macro virus di dimensioni inferiori a 500 byte. Si tratterebbe, per AutoCAD, di un raffreddore e nulla più, che sfrutta la gestione dei comandi macro, quelli che consentono di automatizzare o velocizzare determinati compiti.

I laboratori Kaspersky hanno bollato il codice come poco pericoloso e pieno di difetti che ne pregiudicano le possibilità di diffusione. A loro parere si tratta di una prima assoluta e fino a questo momento ACAD.Star sarebbe stato rilevato su una sola macchina. Tra l'altro, il virus colpisce solo AutoCAD 2000, la versione più recente del software.