Oggi IBM lancia il superUNIX

Annunciata da qualche tempo, arriva la release ufficiale di un server Unix nato dalla tecnologia sviluppata per i supercomputer che gestiscono gli arsenali atomici e simulano le esplosioni nucleari

Web - Da quando IBM ha imparato a vendere i propri prodotti non la ferma più nessuno: il lancio di un server Unix previsto per oggi è stato infatti pompato sino a diventare la commercializzazione della tecnologia utilizzata per simulare le esplosioni atomiche.

Il server si chiama "Nighthawk 2" (RS/6000 SP) e la sua architettura è la stessa che ha consentito la creazione di ASCI White, uno degli elaboratori più potenti del mondo utilizzato presso i Livermore Labs americani per studiare lo scoppio delle bombe nucleari.

Le sue caratteristiche includono il processore Power3-III, (ed è il primo sistema ad utilizzarlo), che sfrutta come noto interconnessioni al rame. La configurazione di base del sistema è a quattro processori e costa intorno ai 190mila dollari. Ma il server è scalabile e per l'industria le configurazioni ideali saranno comprese tra 64 e 100 processori, con costi compresi tra 1,5 e 2 milioni di dollari.
In realtà, l'architettura SP consente, almeno in teoria, di mettere a lavorare in contemporanea fino a 8.192 processori per sviluppare una potenza stratosferica ad un costo ugualmente stratosferico.
TAG: hw