Al Pentium 4 piacciono le SDRAM

Intel fa improvvisamente marcia indietro e annuncia lo sviluppo di un nuovo chipset per Pentium 4 in grado di supportare le tradizionali memorie SDRAM. Rambus DRAM già in soffitta?

Santa Clara (USA) - Non dev'essere stata una decisione facile quella assunta dai vertici di Intel, soprattutto perché ancora una volta il gigante californiano si è dimostrato incapace di mantenere posizioni che poco tempo prima apparivano come assolute, inderogabili.

Ma nel frastagliato e frenetico mondo dell'IT, specie quando si ha a che fare con la concorrenza, anche le più piccole aziende del pianeta sanno bene che non possono esistere posizioni assolute. E così Intel, anche sotto le forti pressioni del mercato, non ha potuto che prendere atto di un fatto evidente: gli ancora elevati costi delle memorie Rambus DRAM potrebbero mettere in serio pericolo l'affermazione sul mercato del Pentium 4.

Ha quindi annunciato lo sviluppo di un nuovo chipset, atteso per il prossimo anno, in grado di portare il supporto alle ben più economiche e diffuse memorie SDRAM PC133 sul Pentium 4. Non solo, ma per l'inizio del prossimo anno il gigante californiano valuterà anche un eventuale supporto all'altro standard di mercato, le memorie SDRAM PC266 DDR, scelta tecnologica di AMD (non che ne abbia molte altre, in verità...).
Considerando che fino all'altro giorno Intel spergiurava che le RDRAM sarebbero state l'unico e solo tipo di memoria supportata dal Pentium 4, questo nuovo annuncio si traduce in un bel voltafaccia, anche se alcuni amano definirlo "dinamismo"...

Intel tiene comunque a sottolineare che le memorie Rambus rimarranno la scelta principe per i sistemi ad alte prestazioni, mentre le SDRAM si rivolgeranno al mercato dei PC di fascia medio-bassa.