HateSeed/ Analisi storica e critica dei MUD.1

I mondi persistenti non sono un'invenzione recente. Ecco da dove arrivano e come si sono sviluppati gli ambienti multiplayer che coinvolgono quantità di utenti internet nel mondo. Quali sono i nomi che hanno fatto la storia dei MUD

HateSeed/ Analisi storica e critica dei MUD.1HateSeed - La nuova miniera dell'intrattenimento elettronico, da sfruttare fino all'ultimo grammo, pare stia ormai diventando quella dei MMORPG (Massive Multiplayer Online RPG).
Molti attribuiscono la paternità di questo genere a Richard "Lord British" Garriot che, ormai quattro anni fa, diede luce a quel capolavoro che è Ultima Online. Pochi invece sanno che il primo accenno di mondo persistente ha visto la luce agli inizi del 1979 sui dischi di un Mainframe universitario Inglese.


Cosa sono i MUD.
Ci sono diversE correnti di pensiero riguardo la definizione dell'acronimo MUD. I canonici lo traducono in Multi User Dungeon mentre altri ne condannano la troppo limitante definizione e preferiscono utilizzare Multi User Dimension. In verità, il termine MUD non è nato come definizione di un genere ma era il nome di un particolare gioco creato nella primavera del 1979.

Comunque, possono essere definiti MUD tutti quegli ambienti virtuali dove è possibile esplorare interagendo con gli altri utenti (tipicamente chattando o combattendo) che sono connessi al server contemporaneamente a noi. I MUD possono essere testuali o grafici, possono prevedere dei client proprietari, ma la maggior parte delle volte per accedervi è sufficiente utilizzare un terminale TELNET. Alcuni MUD sono orientati al combattimento, altri all'esplorazione di caverne - i Dungeon appunto - e di mondi alla ricerca di tesori nascosti, altri ancora sono orientati alla socializzazione con altri utenti.
Riassumendo, un MUD è un programma per computer nel quale gli utenti possono connettersi, giocare ed esplorare nuovi mondi. Ogni utente controlla un proprio alter ego attraverso il quale cammina, parla con altri personaggi, esplora aree infestate da mostri pericolosi, risolve enigmi, evita trappole e a volte ha anche una propria dimora dove riposare e riporre oggetti, frutto di gesta eroiche, furti o missioni. Applicando quanto detto finora anche le ultimissime produzioni MMORPG, come Anarchy OnLine, possono definirsi dei "particolari" e sofisticati MUD Grafici.

Gli antenati dei MUD.
La prima (conosciuta) avventura dotata di parser testuale mai realizzata è stato creata da Will Crowther su un DEC PDP-10 agli inizi del 1970; essa fu in seguito ampliata e perfezionata da Don Woods alla Stanford University nel 1976, che decise di ambientare il gioco nell'universo Tolkeniano del "Signore degli Anelli" e di chiamarlo semplicemente "Adventure".

Scopo di Adventure era quello di trovare un certo numero di tesori nascosti. Dando dei comandi a riga di comando in base alle descrizioni che di volta in volta il programma emetteva, il giocatore poteva interagire con il computer in questo modo:

NORD Sei in una vasta caverna avvolta in una nebbia biancastra che sale dalle fessure che si aprono nel pavimento. Vedo un nano armato di ascia.
ATTACCA IL NANO Il nano ti lancia l'ascia (che ti manca) e fugge verso est.


Adventure è spesso riconosciuto col nome di "Advent" perché il file system del sistema operativo utilizzato, il TOPS-10, limitava la lunghezza massima dei nomi dei file a 6 caratteri.
22 Commenti alla Notizia HateSeed/ Analisi storica e critica dei MUD.1
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)