Ancora giù i prezzi delle CPU Intel

Tagli a due cifre nel segmento delle CPU mobile e ritocchi verso il basso anche in quello desktop dei PIII e dei Celeron

Santa Clara (USA) - Nonostante gli analisti ritengano che nella guerra dei prezzi delle CPU x86 potrà presto esserci una tregua, sia Intel che AMD non hanno ancora dato segnali in tal senso.

Gli ultimi tagli a due cifre arrivano proprio dal colosso di Santa Clara che, ad inizio settimana, ha ulteriormente abbassato il prezzo della sua famiglia di chip Pentium III e Celeron.

I ribassi più consistenti riguardano le CPU per notebook, dove Intel ha tagliato del 37% il prezzo all'ingrosso del PIII mobile a 900 MHz (268$), del 31% il modello a 850 MHz (241$), del 26% l'800 MHz (198$) e del 18% il 750 MHz (198$).
Ben quattro diversi modelli di PIII mobile, l'800 MHz, il 750 MHz, il 700 MHz ed il 600 MHz Low-Voltage, hanno ora in comune il prezzo di 198$.

Questo nuovo e consistente taglio dei prezzi nel segmento mobile sembra giustificato dall'arrivo, a fine mese, di due nuovi PIII mobile a 0,13 micron, conosciuti con il loro nome in codice Tualatin.

Intel ha poi ritoccato del 14% il prezzo dei Celeron desktop a 900 MHz (89$), 850 MHz (74$) e 800 MHz (64$), e del 7% quello del modello a 766 MHz (64$).

L'unico PIII desktop ad essere sceso di prezzo è il 933 MHz, calato dell'11% (163$).

Mentre per la famiglia di CPU Celeron Intel prevede ancora una lunga vita - spingendole a 950 MHz entro l'anno ed introducendo, nel 2002, una nuova versione a 0,13 micron - per i PIII desktop la fine sembra ormai molto vicina: a partire dal prossimo anno, infatti, il chipmaker conta di rimpiazzarli con i Pentium 4.
TAG: mercato
6 Commenti alla Notizia Ancora giù i prezzi delle CPU Intel
Ordina
  • Infatti il 95% degli utenti che commentano su P.I. sono linusauri e quindi non interessati ai Pentium. Infatti usano ancora il 486 e se le applicazioni non girano non importa (non saprebbero nemmeno cosa farsene), a loro basta che giri Linux e un qualsiasi browser elementare.
    non+autenticato
  • Secondo me tu si' scemo!
    Hai bevuto un pochino e non reggi l'alcool?
    Uhm... penso proprio di si...
    Cmq non interessa a molti la scesa dei prezzi delle cpu Intel xché fan pena... CiauSorride

    - Scritto da: Alberto
    > Infatti il 95% degli utenti che commentano
    > su P.I. sono linusauri e quindi non
    > interessati ai Pentium. Infatti usano ancora
    > il 486 e se le applicazioni non girano non
    > importa (non saprebbero nemmeno cosa
    > farsene), a loro basta che giri Linux e un
    > qualsiasi browser elementare.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Yuppi
    > Secondo me tu si' scemo!
    > Hai bevuto un pochino e non reggi l'alcool?
    > Uhm... penso proprio di si...
    > Cmq non interessa a molti la scesa dei
    > prezzi delle cpu Intel xché fan pena... Ciau
    > Sorride
    >
    > - Scritto da: Alberto
    > > Infatti il 95% degli utenti che commentano
    > > su P.I. sono linusauri e quindi non
    > > interessati ai Pentium. Infatti usano
    > ancora
    > > il 486 e se le applicazioni non girano non
    > > importa (non saprebbero nemmeno cosa
    > > farsene), a loro basta che giri Linux e un
    > > qualsiasi browser elementare.

    Sicuramente AMD è meglio di Intel perché costa meno e le CPU di IBM sono ancora meglio perché costano meno di AMD (e anche perché IBM ora sta sponsorizzando Linux).

    A proposito....stai attento a non fare troppa forza quando monti un dissipatore su un microprocessore AMD, sono fragili come uova.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Alberto
    > Infatti il 95% degli utenti che commentano
    > su P.I. sono linusauri e quindi non
    > interessati ai Pentium. Infatti usano ancora
    > il 486 e se le applicazioni non girano non
    > importa (non saprebbero nemmeno cosa
    > farsene), a loro basta che giri Linux e un
    > qualsiasi browser elementare.

    HAI TOPPATO, UTONTO PRETORIANO PARRUCCONE MASTERIZZATO SERVO DI REDMOND E LECCAPIEDI DEL DRAGA E DI INTEL SERVA DEL DRAGA.IO USO IE 5.5 SOTTO LINUX E NON ME NE FREGA UN CAZ*O CHE SIA DEL DRAGASACCOCCE. A ME INTERESSA IL SOFTWARE FREE PERCHE' ANCHE SE VOI UTONTI NON LO AVETE ANCORA CAPITO (PERCHE' SIETE UTONTI) FREE=OPEN SOURCE! METTETEVELO NELLA TESTA PARRRAVATTATI E PELATI SCHIAVI DI REDMOND E DEL SUO PADRONE!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alberto
    > Infatti il 95% degli utenti che commentano
    > su P.I. sono linusauri e quindi non
    > interessati ai Pentium. Infatti usano ancora
    > il 486 e se le applicazioni non girano non
    > importa (non saprebbero nemmeno cosa
    > farsene), a loro basta che giri Linux e un
    > qualsiasi browser elementare.

    Queste critiche gratuite non ti portano a
    niente. Ora spiegami ESATTAMENTE perché gli
    utenti di Linux sarebbero meno esigenti degli
    altri utenti (vale a dire quelli di Findus, no?).
    No perché, capirai, questa tua affermazione va
    contro ogni buon senso. Io purtroppo ho ancora i
    miei ambienti di programmazione in DOS/Fin
    (Fin=Findus). Però ho notato che in effetti gli
    utenti di Findus non sono per niente interessati
    a qualcosa di più complicato di un programmino
    esilarante tipo quelli coi bottoncini che fuggono.
    Quelli vengono copiati e si spargono un casino,
    tanto che vengono usati come vettori pubblicitari.
    Ma gli editors di fonts, i SDK, le piattaforme di
    sviluppo, su Findus sono quasi irreperibili, e
    molto meno diffuse rispetto all'ambiente Linux.
    Se prendi RH7.1 pro ci trovi dentro qualcosa come
    almeno 7 compilatori diversi, più un fottio di
    altri strumenti di sviluppo. Cosa che manca, in
    Findus, perché gli utenti sono interessati solo
    ad essere utenti. Non vogliono fare niente che
    sia minimamente creativo.

    Prova a spiegarmi le tue ragioni,
    le ragioni del tuo commento, forza!
    non+autenticato


  • - Scritto da: Alex.tg
    > - Scritto da: Alberto
    > > Infatti il 95% degli utenti che commentano
    > > su P.I. sono linusauri e quindi non
    > > interessati ai Pentium. Infatti usano
    > ancora
    > > il 486 e se le applicazioni non girano non
    > > importa (non saprebbero nemmeno cosa
    > > farsene), a loro basta che giri Linux e un
    > > qualsiasi browser elementare.
    >
    > Queste critiche gratuite non ti portano a
    > niente. Ora spiegami ESATTAMENTE perché gli
    > utenti di Linux sarebbero meno esigenti degli
    > altri utenti (vale a dire quelli di Findus,
    > no?).
    > No perché, capirai, questa tua affermazione
    > va
    > contro ogni buon senso. Io purtroppo ho
    > ancora i
    > miei ambienti di programmazione in DOS/Fin
    > (Fin=Findus). Però ho notato che in effetti
    > gli
    > utenti di Findus non sono per niente
    > interessati
    > a qualcosa di più complicato di un
    > programmino
    > esilarante tipo quelli coi bottoncini che
    > fuggono.
    > Quelli vengono copiati e si spargono un
    > casino,
    > tanto che vengono usati come vettori
    > pubblicitari.
    > Ma gli editors di fonts, i SDK, le
    > piattaforme di
    > sviluppo, su Findus sono quasi irreperibili,
    > e
    > molto meno diffuse rispetto all'ambiente
    > Linux.
    > Se prendi RH7.1 pro ci trovi dentro qualcosa
    > come
    > almeno 7 compilatori diversi, più un fottio
    > di
    > altri strumenti di sviluppo. Cosa che manca,
    > in
    > Findus, perché gli utenti sono interessati
    > solo
    > ad essere utenti. Non vogliono fare niente
    > che
    > sia minimamente creativo.
    >
    > Prova a spiegarmi le tue ragioni,
    > le ragioni del tuo commento, forza!

    Subito!
    All'utente "normale" (il 95% degli utenti di PC) non gliene frega niente degli ambienti di programmazione e nemmeno tanto del S.O.

    L'utente normale non fa il programmatore.
    L'utente normale usa il PC per fare offerte, scrivere relazioni, gestire tabelle di dati, archivi, fare statistiche, cercare informazioni in Internet, inviare e ricevere messaggi.

    Tutte cose che i programmi Microsoft fanno benissimo.

    Il resto interessa solo il rimanente 5% (che è appunto il 95% degli utenti che scrive su questo forum).
    non+autenticato