AOL IMessenger si napsterizza

Un nuovo software in stile Napster si appoggia al celeberrimo AOL Instant Messenger per condividere file fra utenti. Un mezzo di scambio più discreto, dunque, ma anche soggetto all'approvazione di AOL

New York (USA) - La Napster mania è ormai dilagata in ogni angolo della Rete ed i cloni di questo celebre programmino non si contano più. L'ultimo in ordine di arrivo si chiama Aimster, nome composto dall'acronimo AIM (AOL Instant Messenger) e dalla parola Napster.

Aimster si interfaccia infatti alle "buddy list" (liste di amici) che si possono creare con il software di messaggistica di AOL: pur ispirandosi al modello di rete peer to peer inaugurato da Gnutella, Aimster dunque non dà vita ad una rete aperta a tutti ma consente ai suoi utenti di scegliere le persone a cui dare accesso ai file sul proprio hard disk.

Gli autori di questo ennesimo software scambia-file sostengono di rispondere ad una precisa esigenza manifestata da molti utenti: quella di proteggere la propria privacy e impedire che chiunque possa accedere al proprio hard disk e scaricare o cercare determinati tipi di file.
Ma Aimster dovrà molto presto fare i conti con AOL: il provider più grosso del mondo ha infatti mostrato, nel recente passato, di non gradire che altri si "aggancino" al suo Instant Messenger e questa volta, visto anche di cosa si tratta, di certo non faranno distinzioni.
TAG: sw