Per Gnutella prendetevela con AOL

Mp3board.com, che ha già denunciato tutti per essere stato denunciato, si difende dalle accuse di pirateria sostenendo che se Gnutella è illegale allora il responsabile è AOL

Per Gnutella prendetevela con AOLWeb - Se Gnutella verrà considerato uno strumento fuorilegge pro-pirateria allora i responsabili dei danni saranno gli sviluppatori di America Online che per primi hanno realizzato il codice alla base di Gnutella: questa la tesi di Mp3Board.com che ha denunciato AOL Time Warner nelle scorse ore.

Mp3Board.com, che già aveva denunciato i discografici della RIAA e aveva chiesto i danni per essere stata costretta a sospendere temporaneamente le sue attività, ha aggiunto un documento a quelli presentati nel corso della sua complessa causa giudiziaria. Come si ricorderà, Mp3board.com aveva chiesto ad un tribunale distrettuale di New York di esprimersi su Gnutella, il sistema di file sharing, per determinare se è legale oppure no.

Qualora il tribunale individuasse in Gnutella uno strumento illecito, e dichiarasse quindi illegale l'attività di Mp3board.com che si interfaccia con Gnutella, il sito chiede che una parte della responsabilità vada ad AOL, perché i creatori del codice originale di Gnutella erano all'epoca dipendenti del megaprovider americano.
Mp3board.com ha deciso la nuova mossa nel pieno della battaglia giudiziaria intentata dalla RIAA che due mesi fa ha denunciato il sito sostenendo l'illegalità del motore di ricerca ivi contenuto, un motore che permette di ricercare link a materiali musicali mp3 che si trovano in rete. Materiali che la RIAA considera illegali e, di conseguenza, considera illegali anche i link. Una questione complessa che è però destinata, in un senso o nell'altro, a determinare un importante precedente, quello della "libertà di link".