Stephen King (e i suoi fan) al bivio

L'operazione "paga che così scrivo" è andata benino ma l'autore teme che i lettori perdano progressivamente interesse nel libro. Così pensa a capitoli finali più lunghi e più costosi

Web - Stephen King deve prendere una decisione: pubblicare online uno per volta gli aggiornamenti all'e-book che sta ancora scrivendo, "The Plant", o pubblicarne uno o due, più voluminosi di quelli precedenti, che raccolgano tutto il resto della storia, magari offrendoli ai suoi lettori ad un prezzo superiore a quello fin qui pagato per ogni capitolo del libro.

L'esperimento di King, osservato forse con eccessive attese dai media e dall'industria di settore, potrebbe essere minacciato da un imprevisto: la progressiva perdita di interesse dei lettori per il libro stesso. King, che nei giorni scorsi ha lanciato in rete un nuovo aggiornamento, si è infatti detto preoccupato che la pubblicazione così "diluita" possa avere effetti nefasti.

Per rispondere a questa sua preoccupazione, pare che orde di fan dello scrittore abbiano deciso di mandargli più soldi di quanto richiesto per i diversi aggiornamenti, spronandolo quindi a scrivere anche il resto di "The Plant" e giungere alla sua conclusione.
Fonti vicine all'autore indicano che ora King si sta orientando verso la pubblicazione di un ultimo aggiornamento, o forse due, molto più corposo dei precedenti (35mila parole anziché 5mila) ad un prezzo superiore, ovvero 2,5 dollari contro il dollaro richiesto per i primi capitoli.

Un'altra opzione che King ha ventilato è quella di offrire gratuitamente l'intero capitolo conclusivo del libro ai lettori che fin qui hanno pagato il dollaro per ogni aggiornamento (circa il 76 per cento del totale di coloro che hanno scaricato i capitoli).