AltaVista caccia il boss britannico

Dopo la supergaffe dei giorni scorsi, ad Andy Mitchell non č bastato il meaculpa per salvargli il posto. L'ha fatta grossa: AltaVista rinuncia a divenire provider

Londra - AltaVista ha deciso nelle scorse ore di lasciar perdere, almeno per il momento, il proprio obiettivo di diventare un provider in Gran Bretagna e ha colto l'occasione, evidentemente, per fare a meno di un dirigente che aveva messo l'azienda in grave imbarazzo.

Andy Mitchell, a capo della divisione britannica di AltaVista, ha infatti firmato le proprie dimissioni a poche ore da un pubblico mea culpa scritto in una lettera inviata ai vertici americani dell'azienda.

La settimana scorsa, AltaVista aveva bloccato sul nascere la propria offerta flat per gli utenti internet britannici e la scarsa comunicazione tra la divisione britannica e quella americana ha portato a tensioni con British Telecom e ad una brutta figura dell'azienda. Il presidente di AltaVista Europe, Pierre Paperon, ha spiegato in una nota: "Gli errori nei progetti di servizio di accesso alla rete - errori di cui siamo consapevoli - hanno reso inevitabile le dimissioni di Andy".