Dude.it/ Bollini SIAE: ora sì, ora no

di Aaron Brancotti. Continua l'incertezza su come e quando usare il bollino SIAE: in attesa di un chiarimento definitivo, possiamo quantomeno garantire ai programmatori che possono omettere di applicarlo sulle loro teste

Web - Scopro, assolutamente per caso e con grande piacere, che Microsoft Italia e BSA hanno risposto dalle pagine di PC Professionale, nel numero di Luglio/Agosto, alla questione dei bollini SIAE mancanti sui CD dell'abbonamento MSDN, da me precedentemente sollevata. Lasciamo le parole a BSA Italia, nella figura di Simona Lavagnini, Responsabile Affari Legali:

"Secondo BSA e le altre associazioni rappresentative dell'industria del software, la legge 248/00 deve essere interpretata nel senso di consentire ai produttori/importatori di programmi per elaboratore di usufruire di una esenzione dall'obbligo di apporre il contrassegno SIAE, qualora i programmi per elaboratore contengano solo opere musicali o visuali espressamente create per essere inserite nei programmi medesimi, ovvero brani di opere musicali o visuali non eccedenti il 50% dell'opera da cui sono tratti. Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, On. Chiti, ha confermato che il regolamento di esecuzione della legge 248/00 è in fase di emanazione e prevedrà la facoltà del produttore/importatore del programma per elaboratore di avvalersi dell'esenzione, ricorrendo i requisiti sopra indicati e previo invio alla SIAE di una dichiarazione di identificazione dei prodotti"

Segue anche una precisazione del Coordinamento Marketing Anti-Piracy di Microsoft Italia nella figura del dott. Claudio Bergonzi:
"Per quanto riguarda in particolare il kit MSDN, trattasi di un abbonamento per la fornitura di software professionale, quindi privo di contenuti multimediali coperti da diritto d'autore"

Ora, se qualcuno avesse voglia e tempo di spiegarmi se posso finalmente togliermi il Bollino SIAE dalla fronte, io sarei contento. Continuo a non capire perché, se si parla di opere multimediali, e se tale doveva essere l'interpretazione della legge fin dall'inizio, questo bollino sia stato imposto a tutti indiscriminatamente, comprese le distribuzioni di software Open Source. Non capisco poi cosa voglia dire che "i programmi per elaboratore contengono opere musicali o visuali". Per "programma" si intende impropriamente il CD come supporto o proprio il programma come sequenza di istruzioni eseguibili da un calcolatore? Se io scrivo un programma che genera in tempo reale un filmato o una musica, nel senso che lo calcola al momento mediante regole matematiche come avviene in un qualsiasi videogioco, come faccio a stabilire "quanto" di questo filmato coincide col programma? Lo misuro in byte, in secondi, in MIPS o cos'altro?

Inoltre, minga per criticher, ma una vasta parte della Library MSDN, nella versione DVD, contiene filmati di varia natura - parlo di almeno 1 Giga di roba - e sono sicuro che, nonostante quello che afferma il dottor Bergonzi, quella roba sia abbondantemente multimediale e coperta da diritto d'autore. Ma, essendo stato creato apposta per MSDN, quel materiale, come anche le parti multimediali del direct SDK, del Media SDK e simili ricadono nel primo caso, delineato dalla dott. Lavagnini così come l'ipotetico videogioco di cui sopra. Cosi come pressoché tutti i programmi che mi vengono in mente, visto che quasi tutti contengono "opere musicali o visuali espressamente create per essere inserite nei programmi medesimi". A parte le enciclopedie multimediali.

Orbene, a questo punto comincia a sfuggirmi il significato del Sacro Bollino. Con un colpo di genio della SIAE l'obbligo del bollino venne esteso a tutto quello che può esserci su un CD, salvo poi rettificare un anno dopo che ci si riferiva solo alla parte "multimediale" di quei contenuti. Non valeva la pena pensarci meglio per cinque minuti a priori, anziché obbligare me e tutti i miei amici ad andare in giro con un bollino in fronte per tutto questo tempo?

Sinceramente, mi era piaciuta di più la risposta del mio amico Roberto:

...Penso che sia leggermente diverso... il sw che Msdn ti manda non è in vendita e, soprattutto Ms lo spedisce "ad personam", nei limiti di un contratto già stipulato. Perciò non ci possono essere dubbi sull'autenticità del sw......queste sono le prime cose che mi sono venute in mente...

Ah, ecco, l'autenticità! Il bollino doveva essere garante di una autenticità di qualche cosa, ora ricordo, ma sono confuso... cosa ci faccio qui? Chi sono? Dove vado? E' tutto così difficile... quasi quasi vado in vacanza, anzi, ora che mi viene in mente, Dude va in vacanza, ci rileggiamo a fine agosto:-)

Dude.it
13 Commenti alla Notizia Dude.it/ Bollini SIAE: ora sì, ora no
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)