Lettera aperta al direttore de Il Messaggero

Pubblichiamo una lettera del presidente di ALCEI, Andrea Monti, che ritorna sulla questione della nuova legge sul diritto d'autore e le sue implicazioni

Pescara - Gentile direttore, ho letto l'articolo inititolato "il Paese del falso" dell'amico Giuseppe Corasaniti sulla nuova legge a tutela del diritto d'autore pubblicato oggi (6/9/2000) dal suo quotidiano.

Credo sia necessario fare alcune considerazioni sul contenuto di questo pezzo che, nella prospettiva di una persona impegnata nella tutela dei diritti civili, suscita più di una perplessità.

Premessa - ovvia ma necessaria - di queste righe è il sacrosanto diritto degli autori di vedersi compensati per il contributo che danno allo sviluppo della cultura, e dunque il rifiuto di qualsiasi forma di "esproprio" di questi diritti.
Nel merito, tuttavia, non posso esimermi dal constatare che la vecchia legge, pur afflitta da molti gravi difetti (di cui il principale era la perseguibilità d'ufficio della duplicazione) era stata significativamente corretta da una costante giurisprudenza. Che a partire dalla fine del 1996 e fino allo scorso 13 luglio 2000 ha tracciato un limite preciso fra cosa sia reato (vendere copie illecitamente duplicate) e cosa "semplice" illecito civile.

Questa deformazione non solo è presente anche nella nuova legge ma è rinforzata e accentuata.

Si istituisce un vero e proprio regime di pentitismo, quando si promettono sconti di pena a chi denuncia altre persone (a prescindere dagli esiti del processo).

Si obbliga CHIUNQUE, anche non iscritto alla SIAE, ad apporre sulle proprie opere il famigerato "bollino" a pena di gravi sanzioni.

Si istituisce un fantomatico "Comitato per la tutela della proprietà intellettuale" presso la Presidenza del Consiglio, dalle funzioni e dai poteri tanto oscuri quanto preoccupanti.

E ' sostanzialmente evidente che l'impostazione di questa legge è fortemente influenzata dagli interessi di grossi operatori economici (in prevalenza major dell'audiovisivo e del software) e non dalla difesa dei diritti degli autori veri e propri. Oltre ad essere inutilmente vessatoria per i cittadini.

Questi sono soltanto alcuni dei guasti della nuova legge, che troverà meglio descritti nel documento pubblicato a questo indirizzo: www.alcei.it/news/cs000725.html.

Questa, che invio innanzi tutto a lei, è una "lettera aperta" e sarà resa pubblica dalla nostra associazione.

Grazie per l'attenzione.

Andrea Monti
presidente di ALCEI