CartaSI, sito che regala i numeri?

Una provocazione? Un clamoroso falso? Una vendita illegale? Su www.cartasi.net tirate in ballo CartaSI e Network Solutions

CartaSI, sito che regala i numeri?Web (internet) - Abbiamo scritto e non ci è ancora giunta risposta. Pare un'ovvia bufala o, forse, visto che un nome sul sito appare, un tentativo di "incastrare" qualcuno. Difficile ad ogni modo dare un volto a quanto accade su www.cartasi.net, sito mirrorato da www.cartasi.org, sito che promette di regalare numeri e dati di carte di credito CartaSI a chiunque scriva ad un certo indirizzo di posta elettronica.

Questo il testo del breve messaggio che appare sul sito: "Sono un ex dipendente Carta Si, Servizi Interbancari. Dopo essere stato licenziato ho deciso di registrare circa 2.000.000 di numeri di carte di credito con relativa scadenza e nome del titolare, chiunque ne faccia richiesta tramite e-mail riceverà dei dati completi per fare compere via internet senza spendere neanche una lira.
Dopo le prime 24 ore di apertura abbiamo ricevuto già più di 6000 richieste vi attendiamo numerosi il servizio usa una chiave crittografica a 1024 bit tramite portale in Costa Rica.
Scrivi subito e riceverai immediatamente la tua nuova carta di credito visa&mastercard con 2.500.000 lire da spendere offerta da Servizi Interbancari S.P.A.

SERVIZI INTERBANCARI S.P.A.
ex dipendente. Ing. Mario Salas (serviziinterbancari@hushmail.com)".
Facendo qualche ricerca si viene a scoprire che il sito pare appartenere alla società americana Digex, nel Maryland. E che il dominio è di tale Andrea Picaro che sembra un residente venezuelano i cui riferimenti di registrazione sono palesemente falsi. Difficile scoprire chi c'è dietro quell'indirizzo di posta elettronica visto l'uso di Hushmail, servizio pensato proprio per proteggere il più possibile l'identità di chi lo usa.

Ma non è tutto qui: pare che il nome del dominio sia affidato ai server NS15.WORLDNIC.COM, vale a dire un server che farebbe capo a Network Solutions, la prima azienda di registrazione dei domini. Cliccare per credere.
TAG: