Quasi video on demand per Hollywood

Le grandi case di produzione cinematografica americane stanno preparando il lancio di nuovi servizi online che permetteranno di acquistare i film da vedere sul computer

Hollywood (USA) - Le maggiori aziende del cinema americano stanno per lanciare un nuovo servizio di video on demand su Internet che sarà accessibile a quanti sfruttano connessioni a banda larga. Una novità a metà che questa volta, però, sembra sul punto di concretizzarsi davvero.

A farsi strada in questo nuovo mercato c'è un consorzio formato da Metro-Goldwyn-Mayer, Paramount Pictures, Sony Pictures Entertainment, Universal Studios and Warner Bros. Disney ha invece fatto sapere che lancerà nei prossimi giorni un proprio progetto di video on demand.

Per quanto non siano ancora noti né i nomi dei servizi né tantomeno i prezzi con cui verranno offerti i film, si sa che sarà possibile vederli direttamente online ad orari prestabiliti, un po' come succede per la televisione via satellite a pagamento. Secondo alcuni i prezzi potrebbero essere simili a quelli praticati dai negozi che affittano film in videocassetta.
Mel Harris, presidente e COO di Sony Pictures Entertainment, ha detto: "L'introduzione di questo servizio rappresenta un significativo passo avanti nella realizzazione di una Internet intesa come medium per l'intrattenimento. Nell?analisi dei numeri, notiamo che gli utenti preferiscono Internet a banda larga, che può divenire un nuovo canale per accedere all'intrattenimento". Una visione di Internet che sembra aver messo radici nei piani dei tycoon di mezzo mondo.

Il servizio sarà reso con le ultime tecnologie per la protezione del copyright. Yair Landau, presidente di Sony Pictures Digital Entertainment ha detto in proposito: "Ritengo che la maggioranza dei consumatori crede che il copyright ha un valore e che se hanno a disposizione un veicolo per guardare film a pagamento attraverso Internet, pagheranno. Vogliamo dare alla gente onesta, un'onesta alternativa", riferendosi ai sistemi di file sharing dove si possono trovare film anche recentissimi.

Infine, Jack Waterman, presidente della televisione a pagamento del Paramount Television Group, ha ammesso: "Per essere davvero onesti, non abbiamo idea" di quanti potranno essere gli utenti dei nuovi servizi di video on demand. Quello che si sa è che gli utenti che hanno un accesso a banda larga a Internet hanno da poco raggiunto i dieci milioni negli Stati Uniti, una soglia che gli analisti definiscono critica per lo sviluppo di un?offerta a pagamento.
TAG: mondo
2 Commenti alla Notizia Quasi video on demand per Hollywood
Ordina
  • Tutti in poltrona a vedere sto film allora.

    Peccato per quelli come me che hanno il pc in salotto, un monitor piccolo, e la sedia davanti al pc. Di solito in film si guarda in più e di più seduti e lontano. E poi i film li colleziono e se li compro poi li voglio tenere.

    Il bunisess del cinema è un business che arrichisce pochi, attori registi e case di produzione. Con i videonoleggi e fenomeni simili le cose stanno migliorando, ma perchè si vanno a toccare i modelli che sono collaudati

    ma non è che si vuole distruggere sta rete?
    non+autenticato
  • Credo solo che la si voglia cambiare (come sempre, d'altronde).

    Non credo sia una cosa errata quello che sta succedendo. Se poi non prende piede pazienza, stop. Certo, il film potrai averlo anche tu a casa tua, ma ci sono film di cui non t'interessa più di tanto, ma puoi goderti una serata senza andare giù in città a noleggiarlo e guardartelo...

    E poi, scusa, hai il vantaggio di avere il computer in salotto... Prenditi una scheda video, se già magari non ce l'hai, con uscita tv (ormai le tirano dietro, son tutte così), cavetto ben schermato, massimo 20mila e ti vedi il film in tv con una resa più che ottimale...

    Saluti
    non+autenticato