Ultimo miglio, ci si muove a Berlino

Deutsche Telekom non riesce nel tentativo di limitare la liberalizzazione. Si attendono decisioni sulle flat. La situazione ricorda da vicino quella italiana, avvolta ancora nelle nubi

Ultimo miglio, ci si muove a BerlinoBerlino - Deutsche Telekom dovrà consentire agli altri operatori telefonici di gestire le connessioni alla rete telefonica degli utenti tedeschi. Lo ha deciso un tribunale federale che ha così messo la parola fine ai tentativi di DT di rallentare lo sviluppo dei propri concorrenti.

L'ultimo miglio è questione bollente anche in Germania, come in Italia, poiché la possibilità per gli utenti di scegliere a quale operatore affidarsi e abbandonare l'operatore dominante è vista come un potenziale volano del settore e dell'uso di internet in particolare.

I tempi dell'unbundling alla tedesca sono lunghi e prevedono la prima apertura di una parte delle centraline di DT entro l'autunno. Ma gli esperti avvertono che ci vorranno alcuni mesi prima di vedere gli effetti della liberalizzazione.
Come in Italia, anche in Germania si attende intanto una decisione definitiva riguardo alle flat-rate. Come noto, infatti, DT non crede in quel modello di business e si sta opponendo all'Autorità TLC del paese, che vuole obbligare DT ad offrire pacchetti per la connessione flat ai propri concorrenti. Questi ultimi scalpitano, a cominciare da AOL Europe, perché basano una parte consistente del proprio business proprio sulle tariffe forfetarie di accesso.
TAG: dial-up