Mosca avverte: occhio alle leggi USA

Il governo russo ricorda ai programmatori russi che negli States vige il DMCA. Le ombre lunghe del caso Sklyarov

Mosca - Il caso Sklyarov avrebbe potuto trasformarsi in un incidente diplomatico tra Russia e Stati Uniti, dopo che il programmatore russo è stato messo in stato di accusa e trattenuto in attesa di un processo che potrebbe portarlo dietro le sbarre per 25 anni. Il governo russo tuttavia, forse per allentare la tensione, ha emesso una nota per ricordare ai programmatori russi che si trovano negli Stati Uniti che le norme di quel paese riguardano anche loro.

Dmitry Sklyarov, 26enne padre di due figli, è accusato di infrazione al copyright e cospirazione, sulla base del Digital Millennium Copyright Act americano del 1998. Sklyarov è accusato di aver realizzato un programma per violare le protezioni degli eBook Adobe e di averlo voluto commercializzare negli USA. Lui si è dichiarato innocente e Adobe ha ritirato ogni accusa, ma nelle prossime ore parte il processo.

"Noi - si legge nella nota del ministero degli Esteri russo - vogliamo ricordare a tutti gli specialisti russi che collaborano con aziende americane nello sviluppo e nella programmazione del software che, quale che sia la conclusione del caso Sklyarov, tutti loro sono soggetti alla giurisdizione della legge del 1998 quando si trovano sul territorio degli Stati Uniti".
La nota di Mosca si può dunque leggere come un modo per il Cremlino di mettere in chiaro "ai suoi" che il caso Sklyarov è di esclusiva competenza della magistratura americana. Nei giorni scorsi, infatti, sull'onda della protesta internazionale contro quanto accaduto a Sklyarov, in molti hanno chiesto un intervento ufficiale di Mosca. Un intervento che andasse, però, esattamente in direzione opposta...
15 Commenti alla Notizia Mosca avverte: occhio alle leggi USA
Ordina

  • e gli americani cosa farebbero se succedesse ad un programmatore Americano di essere arrestato e imprigionato per esempio ... in IRAN ?

    direbbero "beh, sono affari dell'Iran - vi avvertiamo amici programmatori, che se andate in iran sono tutti cazzi vostri"   ??

    Triste


    ma non credo proprio
    non+autenticato

  • ero già passato!

    =)
    non+autenticato

  • Si può ancghe leggere in questa maniera: "amici, potete fargliela anche in testa, ma fatelo da questa parte del confine, qui non vi possono fare un caiZer!"

    e infatti i siti russi sono tra i migliori contenitori di hacking e cracking tools!

    TSK!!!!
    non+autenticato
  • eliminerei il 'tra' i migliori insieme a quelli asiatici che stanno crescendo a vista d'occhio =)
    non+autenticato
  • > eliminerei il 'tra' i migliori insieme a
    > quelli asiatici che stanno crescendo a vista
    > d'occhio =)
    chissa perche ricevo a volte communication except....
    a quando un bel ban sui router di certe range ip ?^??
    ;-0)

    non+autenticato
  • ...una volta si diceva erano gli americani ad avvertire sulle restrittive leggi russe....
    non+autenticato
  • Beh, piu' di una volta mi sono domandato: se e' vero che in molti paesi del mondo il copyright non esiste (o e' blandamente aggirabile)... chi dice che non siamo "noi" a sbagliare, avendo leggi che lo proteggono? La risposta e' che il diritto e' diverso in ogni parte del mondo ... indi, chi va in un altro paese deve essere sicuro che quello che fa non sia perseguibileSorride.

    Anni fa avevo un collega straniero che diceva di continuo che lui aveva una mira eccezionale, e che colpiva la testa di un uomo in movimento a 300 metri, faceva assegni a vuoto dicendo che poi tanto lui copriva (effettivamente era molto ricco).
    Ha provato l'ebbrezza di una giornata di questura, perche' un finanziere aveva (giustamente) ravvisato nelle sue vanterie una minaccia, e un apologia di reato.

    E' tornato da dove era venuto, dicendo che l'italia era un paese inospitale. boh. Secondo me se lo meritava, pero' al suo paese sembra essere normale; ci sono stato piu' volte ed e' vero, molti conservano uno spirito guerriero, e dire quelle cretinate fa parte del machismo di zona; (inutile dire che quel paese e' molto piu' tranquillo di questo)

    Paese che vai, leggi che troviCon la lingua fuori
    non+autenticato
  • Scusa, che paese sarebbe? Son curioso Sorride
    non+autenticato


  • - Scritto da: MaurizioB
    > Scusa, che paese sarebbe? Son curioso Sorride

    Palestinese.
    :(
    non+autenticato
  • - Scritto da: Catzone
    > La risposta e' che il diritto e' diverso in
    > ogni parte del mondo ... indi, chi va in un
    > altro paese deve essere sicuro che quello
    > che fa non sia perseguibileSorride.

    di solito pero' rispondi di quello che fai in "quel" paese, Sklyarov il programma lo ha scritto in Russia, dove non ha violato nessuna legge, mentre e' stato imprigionato negli USA, dove esiste la DMCA... pensare che una legge possa varcare la propria sovranita' e' arrogante oltre che pericoloso, e' virtualmente impossibile rispettare tutte le leggi di tutti i paesi...
    non+autenticato
  • - Scritto da: -
    >
    > di solito pero' rispondi di quello che fai
    > in "quel" paese, Sklyarov il programma lo ha
    > scritto in Russia, dove non ha violato
    > nessuna legge, mentre e' stato imprigionato
    > negli USA, dove esiste la DMCA... pensare
    > che una legge possa varcare la propria
    > sovranita' e' arrogante oltre che
    > pericoloso, e' virtualmente impossibile
    > rispettare tutte le leggi di tutti i
    > paesi...

    Sbagliato perche' la societa' per la quale lo ha scritto ha avuto la bellissima idea di venderlo, tramite canali Americani, su di un sito Americano con valuta Americana.

    Io mi sono chiesto una cosa: come mai hanno scelto proprio l'America? Sara' mai perche' sapevano della diffusione del formato eBook e quindi potevano farci un sacco di quattrini?

    Non posso essere sicuro della risposta e quindi chiedo a te di fare la stessa riflessione.
    Ciao.
    non+autenticato
  • XP come al solito ti fai le domande che ti pare a te.
    Guai a chi ti tocca gli USA eh?
    Ti sei chiesto come mai Adobe ha ritirato la denuncia?
    O perchè questi parlano di un reato così grave?
    Credi davvero che ci fosse un attentato alla sacra vita delle multinazionali americane?
    non+autenticato
  • - Scritto da: *svegliatelo*
    > XP come al solito ti fai le domande che ti
    > pare a te.

    La domanda nasceva solo da un'affermazione altrui che non prendeva in considerazione il fatto che il software fosse stato venduto negli States e non in Russia.

    >   Guai a chi ti tocca gli USA eh?

    Non e' questione di difendere con i paraocchi ma con congnizione di causa. Se una persona e' convinta che i fatti siano ABCD mentre invece sono EFGH e' giusto che gli venga fatto presente.

    > Ti sei chiesto come mai Adobe ha ritirato la
    > denuncia?

    Si, me lo sono chiesto e credo abbiano ritirato certe accuse per evitare pubblicita' negativa.

    > O perchè questi parlano di un reato così
    > grave?

    Chi sono questi?

    > Credi davvero che ci fosse un attentato alla
    > sacra vita delle multinazionali americane?

    No ma di quale multinazionali stai parlando?
    A me sembra solo che molti di voi hanno un certo odio a priori verso gli States e che usano tale odio per distorcere la realta' in tutto e per tutto.
    Ma insomma se c'e' una legge che CRIBBIO va rispettata. Se la legge e' sbagliata allora si protesta in maniera civile ma non si difende chi la infrange. Perche' se e' cosi' che la pensi, allora noi due parliamo due lingue diverse.

    Ma dategli pure addosso agli yankees che cazzo me ne frega a me, pero' almeno siate obiettivi e critici nei confronti delle circostanze.

    Ciao
    non+autenticato
  • > La domanda nasceva solo da un'affermazione
    > altrui che non prendeva in considerazione il
    > fatto che il software fosse stato venduto
    > negli States e non in Russia.

    Gia', fatto da un russo, venduto negli USA. Quindi veicolo di soldini che prendono la via dell'estero no?
    O, da un altro punto di vista: come si permette questo (sporco) russo di violare le leggi del nostro paese?
    La soluzione: il carcere !!!!!!!!!!!!
    Non ti fa ridere?
    No, ah no, a te no.

    > Non e' questione di difendere con i
    > paraocchi ma con congnizione di causa. Se
    > una persona e' convinta che i fatti siano
    > ABCD mentre invece sono EFGH e' giusto che
    > gli venga fatto presente.

    Si', ma tu parti dal presupposto, sevvuoi dai paraocchi, che le leggi USA devono essere contestate con i modi e i tempi che gli AMERICANI decidono. Non e' cosi', qui non funziona cosi'.

    > Si, me lo sono chiesto e credo abbiano
    > ritirato certe accuse per evitare
    > pubblicita' negativa.

    Hanno i coglioni eh?

    > Chi sono questi?

    Gli americani no? Quello li' puo' beccarsi 25 anni di galera !!!!!!!!!!!
    Zozza miseria.


    > No ma di quale multinazionali stai parlando?

    Adobe.

    > A me sembra solo che molti di voi hanno un
    > certo odio a priori verso gli States e che
    > usano tale odio per distorcere la realta' in
    > tutto e per tutto.

    Non so di chi parli. Che fai mi confondi al mucchio? Tipo "Voi siete cosi' e bla bla bla?"
    E' un bel modo per rispondere.

    > Ma insomma se c'e' una legge che CRIBBIO va
    > rispettata. Se la legge e' sbagliata allora
    > si protesta in maniera civile ma non si
    > difende chi la infrange. Perche' se e' cosi'
    > che la pensi, allora noi due parliamo due
    > lingue diverse.

    Hai ragione.
    Io qui da noi ho violato la legge in due occasioni e mi sono beccato due processi politici apposta per cambiare la legge.
    Li' da voi invece cazzi. E tu sei qui pure a difenderli. Sai cos'e' la nonviolenza?

    Comunque ok, XP, ora sinceramente c'ho meglio da fare che stare qui a spiegarti perche' e come la cultura americana ti ha fagocitato il senso critico. Auguri.





    non+autenticato
  • - Scritto da: *svegliate XP, è in trance*
    >
    > Gia', fatto da un russo, venduto negli USA.
    > Quindi veicolo di soldini che prendono la
    > via dell'estero no?
    > O, da un altro punto di vista: come si
    > permette questo (sporco) russo di violare le
    > leggi del nostro paese?
    > La soluzione: il carcere !!!!!!!!!!!!
    > Non ti fa ridere?
    > No, ah no, a te no.

    Applica lo stesso concetto ad un evento accaduto in Italia e poi dimmi se non domandi l'applicazione della legge.

    > Si', ma tu parti dal presupposto, sevvuoi
    > dai paraocchi, che le leggi USA devono
    > essere contestate con i modi e i tempi che
    > gli AMERICANI decidono. Non e' cosi', qui
    > non funziona cosi'.

    Scusa e questo da dove l'hai dedotto? Quando ho detto che esistono dei "tempi e modi che gli Americani decidono"? Tutte le leggi, se ritenuto ingiuste, vanno contestante secondo i modi e i tempi civili. Non credo di aver detto diversamente.

    > Hanno i coglioni eh?

    Che significa?

    > > A me sembra solo che molti di voi hanno un
    > > certo odio a priori verso gli States e che
    > > usano tale odio per distorcere la realta'
    > in
    > > tutto e per tutto.
    >
    > Non so di chi parli. Che fai mi confondi al
    > mucchio? Tipo "Voi siete cosi' e bla bla
    > bla?"
    > E' un bel modo per rispondere.

    Scusa, non intendovo cio', la risposta era indirizzata ai messaggi di questo thread in generale. Scusa.

    > > Ma insomma se c'e' una legge che CRIBBIO
    > va
    > > rispettata. Se la legge e' sbagliata
    > allora
    > > si protesta in maniera civile ma non si
    > > difende chi la infrange. Perche' se e'
    > cosi'
    > > che la pensi, allora noi due parliamo due
    > > lingue diverse.
    >
    > Hai ragione.
    > Io qui da noi ho violato la legge in due
    > occasioni e mi sono beccato due processi
    > politici apposta per cambiare la legge.
    > Li' da voi invece cazzi. E tu sei qui pure a
    > difenderli. Sai cos'e' la nonviolenza?

    E spiegheresti in maniera oggettiva perche' hai beccato due processi? Anche io se voglio di mostrare posso farlo in diversi modi, ma se scelgo quello sbagliato vengo giustamente perseguito legalmente. Non vedo nulla di sbagliato in cio', quindi mi piacerebbe sapere di cosa eri stato accusato.

    > Comunque ok, XP, ora sinceramente c'ho
    > meglio da fare che stare qui a spiegarti
    > perche' e come la cultura americana ti ha
    > fagocitato il senso critico. Auguri.

    Grazie degli auguri, pero' non credo di aver perso nessun nenso critico. Credo solo dopo diversi anni vissuti in tre diversi contintenti di aver e dopo aver conosciuto gente molto diversa di aver perso un certo condizionamento culturale a priori. Tutto qui. Ne sono contento ma onestamente vedo che forse e' stato un cambiamento negativo perche' adesso rimane impossibile dialogare con molti amici che non hanno mai lasciato il vecchio continente. Peccato.
    Comunque arigrazie degli auguri.
    non+autenticato